(3,4-dimetossifenil)-2-nitropropano
Un bel po' di tempo fa con Marco avevamo pensato di provare questa riduzione. Eccola qua! asd 

I nitrostireni possono essere ottenuti per reazione tra una benzaldeide opportunamente sostituita e un nitroalcano. Con questo metodo, conosciuto come "reazione di Henry" o "condensazione nitroaldolica", avevo preparato il 3,4-dimetossifenil-2-nitropropene.
Ora ho provato ad ottenere l'alcano corrispondente. 
Il riducente più indicato è il sodio boroidruro, che attacca selettivamente il doppio legame senza danneggiare il nitrogruppo.

REAGENTI
3,4-dimetossifenil-2-nitropropene
- Isopropanolo (per la ricristallizzazione)
- Boroidruro di sodio
- Metanolo
- Acido cloridrico

Il campione di nitroalchene che avevo era un po' vecchiotto e parzialmente decomposto. Queste sostanze, infatti, tendono a rovinarsi abbastanza facilmente a temperatura ambiente.

   

Prima della sintesi vera è propria è necessario ricristallizzare il reagente.
Un ottimo solvente è l'isopropanolo (e, in misura minore, altri alcoli), visto che presenta una grande differenza di solubilità caldo / freddo.
Disciogliere 5,5 grammi di composto impuro nella minima quantità di alcol isopropilico bollente e poi lasciar raffreddare.
Filtrare e far asciugare su carta. 
Si ottengono 4,8 grammi di una splendida polvere cristallina dorata.

       

PROCEDURA
Mescolare 4,8 grammi di nitroalchene con 70 ml di metanolo. Rimane un po' di precipitato non disciolto, ma non è un problema.
Porre a bagno di ghiaccio e su agitatore.

   

Aggiungere, a piccole porzioni, 1,8 grammi di sodio boroidruro. Occorrono circa 30-45 minuti.
La reazione è facilmente controllabile, ma bisogna comunque regolare le aggiunte in modo da non far sfuggire la temperatura, che non deve superare i 15°C.
Terminato il riducente far reagire a bagno di ghiaccio per un'altra mezz'ora e poi un'ora a temperatura ambiente.

Per essere sicuri del completamento della reazione portare ad ebollizione su piastra per qualche minuto. All'inizio del riscaldamento la miscela è diventata di un colore verde smeraldo davvero insolito, salvo poi tornare normale poco dopo.

   

Far raffreddare e aggiungere, goccia a goccia, acido cloridrico 15% fino a pH appena acido in modo da eliminare eventuale boroidruro in eccesso.
Scaldare ad ebollizione e far raffreddare. Cristallizza il prodotto desiderato.

   

Filtrare, lavare con poco isopropanolo freddo e far asciugare. 
Ho ottenuto 2,9 grammi di nitroalcano. I cristallini sono di un giallino tenue, sicuramente meno appariscenti rispetto al prodotto di partenza.
In compenso questa sostanza dovrebbe essere stabile. Vedremo.

       
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ohilà per questo post:
RhOBErThO, luigi_67, fosgene, NaClO, TrevizeGolanCz, zodd01, ClaudioG., Davide93
Finalmente un'altra sintesi organica!Resa %?
Bravo ohila!
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
(2016-12-30, 20:34)NaClO Ha scritto: Finalmente un'altra sintesi organica!Resa %?
Bravo ohila!

Circa del 60%.
Neanche male, considerando che da queste riduzioni col boroidruro non ho mai ottenuto rese troppo alte...
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ohilà per questo post:
NaClO
Provai tempo fa con un analogo. Ottenni un liquido. Puoi dirci il punto di fusione ? Non hai in programma di fare qualche test per riconoscerne l'identità con certezza ?
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio
(2016-12-31, 02:45)zodd01 Ha scritto: Provai tempo fa con l'analogo demetossilato. Ottenni un liquido. Puoi dirci il punto di fusione ? Non hai in programma di fare qualche test per riconoscerne l'identità con certezza ?

Questo sembrerebbe solido a temperatura ambiente, ma è di sicuro bassofondente. Durante la cristallizzazione finale è precipitato prima come olio e poi è solidificato... 
Non so se piccole quantità di contaminanti possono alterargli così tanto il p.f. tanto da farlo solidificare quando di suo sarebbe liquido, ma non credo.

C'è il solito problema... Non ho trovato i punti di fusione neanche a pagarli oro!  azz!
Né di questo, né dell'analogo che hai sintetizzato tu. Se per caso tu li hai tirali fuori!

P.S. Si potrebbe ridistillare, magari in corrente di vapore....
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ohilà per questo post:
ClaudioG., NaClO
Bella reazione, semplice e pulita.
Il prodotto di partenza l'hai ottenuto da 3,4dimetossi benzaldeide e nitroetano giusto? Hai metilato la vanillina?

Riguardo la legalità di questa molecola? Se non fosse per il nitrogruppo inizierebbe ad essere particolarmente simile a ...
In physica veritas!
Cita messaggio
(2017-01-05, 17:17)Davide93 Ha scritto: Bella reazione, semplice e pulita.
Il prodotto di partenza l'hai ottenuto da 3,4dimetossi benzaldeide e nitroetano giusto? Hai metilato la vanillina?

Riguardo la legalità di questa molecola? Se non fosse per il nitrogruppo inizierebbe ad essere particolarmente simile a ...

- No. Non ho metilato la vanillina. Sono partito dalla veratraldeide commerciale. Si faceva prima...  asd
Comunque se guardi c'è il link a quella sintesi...

- Proprio per la somiglianza che dici tu ho evitato di ridurre il nitrogruppo. E ho fatto il composto dimetossilato invece di quello "semplice".  :-P  
Tanto per la cronaca non solo questo nitrocomposto, ma anche l'ammina derivata da questa sostanza è legale, poiché non sembra possedere particolari proprietà psicoattive tali da giustificarne l'uso come sostanza d'abuso.

- Un sogno nel cassetto che coinvolge le condensazioni nitroaldoliche e la successiva riduzione dell'intermedio ottenuto è la sintesi della dopamina. Sarebbe davvero una bel lavoro!! Prima o poi vorrei rimediare i reagenti necessari e provarci!   si si  

Se ne era parlato un po' anche sul Forum:
http://www.myttex.net/forum/Thread-Sinte...t=dopamina
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ohilà per questo post:
Mario
Perchè devi trovare i punti di fusione ? Misurali !
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio
(2017-01-06, 04:29)zodd01 Ha scritto: Perchè devi trovare i punti di fusione ? Misurali !

Posso pure misurarlo... Ma che senso ha se non sai quello "vero"?  Rolleyes
Cita messaggio
Ah non sapevo, probabilmente perché é più simile alla dopamina metilata dal COMT che alla mescalina, quel terzo gruppo metossi dovrebbe essere quello più determinante per le varie proprietà psicoattive.

Hai pensato di fare l'analogo condensando da nitrometano ? Potresti demetilare per ottenere la dopamina, ci sono delle procedure anche se non cosi semplici o con rese ottimali. Oppure puoi ottenere la dopamina-CH3, il terzo carbonio al livello biochimico influenza principalmente il metabolismo da parte dei MAO, se lo scopo é ottenere un neurotrasmettitore dovrebbe essere un ottimo surrogato.
Sempre se non hai il nitro metano :-D
In physica veritas!
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)