Come smaltite i vostri rifiuti chimici?
Non avendo trovato nessun'altra thread su questo :-/ vi chiedo come smaltite voi i vostri rifiuti chimici.

Per me è un problema non proprio irrilevante.
Pensando a quando lavoravo in laboratorio, se non ricordo male la separazione era:

- solventi non clorurati
- solventi clorurati
- altri rifiuti chimici

Mentre per i primi due non vedo problemi particolari nella formazione di miscele, non sò come fare per il resto.

Dove lavoravo c'era un sistema di depurazione interno alla ditta che neutralizzava le acque e non so quali altri trattamenti.

Voi come fate se avete sali di Hg, Cr(VI) ecc. da buttare?
Cita messaggio
Azzardere che per il Cr(VI) basterebbe una riduzione a Cr (III)!
Cita messaggio
tutti i sali inorganici vanno in un secchio riempito a metà con carbonato di sodiO!

Quando uso etere, DCM o altri solventi, ne uso davvero in quantità piccole quindi lascio evaporare spesso...
Cita messaggio
(2010-01-14, 05:51)Chimico Ha scritto: tutti i sali inorganici vanno in un secchio riempito a metà con carbonato di sodio!
Per quale motivo il carbonato di sodio??
Cita messaggio
(2010-01-14, 01:32)Rusty Ha scritto: quando devo gettare via ad esempio dell'acido (uso solforico,nitrico e cloridrico.. stop) è quella di neutralizzare il "rifiuto" con bicarbonato di sodio o soda caustica e gettare nella fogna *Fischietta* ,idem se si tratta di basi forti...

idem... pe quanto riguarda acidi e basi... soluzioni di sali (non tossiche a livello di Hg e Cr) invece li butto in un angolino del giardino che gli ho dedicato (so che non dovrei ma non sono riuscito a risolvere ancora il problema)... e per adesso ci cresce ancora l'erba... (chissà poi magari mi vengono piante geneticamente modificate asd asd azz! ) reagenti troppo tossici non ne ho ma cmq non saprei come smaltirli :-(

discussione interessante!!
Per ottenere qualcosa è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore. In alchimia è chiamato il principio dello scambio equivalente.
Alphonse Elric
sito web; canale YT
Cita messaggio
(2010-01-14, 17:00)theiden Ha scritto:
(2010-01-14, 01:32)Rusty Ha scritto: quando devo gettare via ad esempio dell'acido (uso solforico,nitrico e cloridrico.. stop) è quella di neutralizzare il "rifiuto" con bicarbonato di sodio o soda caustica e gettare nella fogna *Fischietta* ,idem se si tratta di basi forti...

idem... pe quanto riguarda acidi e basi... soluzioni di sali (non tossiche a livello di Hg e Cr) invece li butto in un angolino del giardino che gli ho dedicato (so che non dovrei ma non sono riuscito a risolvere ancora il problema)... e per adesso ci cresce ancora l'erba... (chissà poi magari mi vengono piante geneticamente modificate asd asd azz! ) reagenti troppo tossici non ne ho ma cmq non saprei come smaltirli :-(

discussione interessante!!
bisogerebbe mettere in appositi contenitori ripemipiti per 3/4, poi consegnati alla discarica comunale, e poi ci pensano loro dandoli alle aziende di smaltimento rifiuti tecnici
Cita messaggio
(2010-01-14, 11:24)Nexus Ha scritto:
(2010-01-14, 05:51)Chimico Ha scritto: tutti i sali inorganici vanno in un secchio riempito a metà con carbonato di sodio!
Per quale motivo il carbonato di sodio??

perchè me li precipita tutti e non ho problemi di reazioni secondarie! anche l'univ li smaltisce così...
Cita messaggio
All'università avevamo 4 taniche per clorurati, non clorurati, acquosi acidi e acquosi basici. A parte smaltivamo le soluzione dei composti contenenti metalli pesanti (nel nostro lab erano pochi, per fortuna, per la maggior parte Mn, Cr della solfocromica e saltuariamente composti del Ru, Os, Pd e Pt). Per i vari sali si tendeva a buttarli nelle taniche degli acquosi, preferibilmente in quella basica (soprattutto il NaBH3CN), l'unica eccezione era rappresentata dal Pd/C su celite che veniva tenuto umido a parte. La silice delle colonne veniva sigillata in sacchetti e buttata nei bidoni appositi assieme a guanti, carta contaminata, puntali, siringhe, aghi (spezzati nei contenitori appositi che poi venivano sigillati), ecc...
Tutto il vetro era un bidone a parte.
Quando si doveva smaltire si portava tutto in un posto fissato in cui venivano ripartiti i bidoni, pesati ed etichettati, per poi essere prelevati dalla ditta convenzionata.

Ora nel posto in cui lavoro le cose sono un po' più semplici, abbiamo solo organici (indifferenziati) ed acquosi (indifferenziati, con metalli pesanti e vari sali), vetro e plastica, un piccolo bidone per i solidi che però usiamo poco.
Cita messaggio
capisco che questo viene fatto quando si è in tanti e si ha un bel lab.... ma nel nostro privato con qualche esperimento ogni tanto conviene chiamare una ditta apposita? non ci sono soluzioni più home made per danneggiare il meno possibile l'ambiente (e le tubature asd)? per adesso l'unica fattibile è l'idea di Chimico...
Per ottenere qualcosa è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore. In alchimia è chiamato il principio dello scambio equivalente.
Alphonse Elric
sito web; canale YT
Cita messaggio
(2010-01-14, 22:05)theiden Ha scritto: capisco che questo viene fatto quando si è in tanti e si ha un bel lab.... ma nel nostro privato con qualche esperimento ogni tanto conviene chiamare una ditta apposita? non ci sono soluzioni più home made per danneggiare il meno possibile l'ambiente (e le tubature asd)? per adesso l'unica fattibile è l'idea di Chimico...
esatto, acidi in basi basi in acidi!!

ossidanti in riducenti e riducenti in ossidanti conviene??
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)