Determinazione della Ks dell'acetato di argento
Vi propongo un'applicazione quantitativa che utilizza l'acetato di argento sintetizzato secondo il metodo proposto da Mario. http://www.myttex.net/forum/Thread-Prepa...2#pid78822

Si tratta della determinazione della costante di solubilità, Ks, dell'acetato d'argento, esperienza che ho svolto per diversi anni scolastici nel Laboratorio di Chimica Fisica della classe terza dell'ITI ad indirizzo chimico.

Ora, grazie alla riforma Gelmini, questa materia è stata cancellata dai piani didattici *Tsk, tsk* *Tsk, tsk* *Tsk, tsk*

       

       
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
ClaudioG., quimico, Hamiltoniano, luigi_67, zodd01
Questo è l'argento metallico ottenuto dopo diversi lavaggi con acqua (per eliminare la soluzione di Cu2+) dei cristalli ottenuti dalla redox e fusione alcalina (non ricordo come l'ho fatta :-( )

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
ClaudioG., luigi_67, Hamiltoniano, quimico




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)