L’amido al microscopio
.


Un microscopio, un paio di lamine polarizzate  e la complicità della moglie.
 
Volevo provare un microscopio a cui avevo appena installato la luce polarizzata per analizzare dei campioni minerali ed ho pensato che fosse una buona occasione per vedere il comportamento dell’amido di diversa origine vegetale.

Sono andato in cucina ed ho preparato un vetrino con un pizzico di farina di grano, un altro con un po’ di fecola (amido di patata), un altro ancora con della maizena (amido di mais) ed infine uno con della farina di ceci ed uno con farina di castagne.

Tutti sono stati fotografati nelle medesime condizioni: ingrandimento 320x, polarizzazione, eventuali lamine compensatrici da 1/1 e da ¼ d’onda.
 
 
Amido del frumento:
molto regolare, rotondeggiante, dimensioni medio-piccole (comp.1/1 l).

    
 
 

 
Amido della patata:
regolare allungato, dimensioni piuttosto grandi, deposito a cerchi concentrici (comp. ¼ l).

    

 
 
 
Amido di mais:
forma irregolare, talvolta poligonale, piuttosto piccolo (comp.1/1 l).

    

 
 
 
Amido di ceci:
forma ovale, medio piccolo, frequenti incisioni del granulo (comp. ¼ l).

    

 
 
 
Amido di castagna:
Forma ovale irregolare, dimensioni variabili da grande a molto piccolo  (comp. ¼ l).

    



 
Ed infine, vediamo come si presenta l'amido nel suo ambito naturale, mentre viene accumulato in una foglia in attesa di venire trasportato negli organi di riserva.
 
   
 
Cellule di una foglia di pino con all’interno granuli di amido (solo polarizzazione).



*yuu*
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Enotria per questo post:
Roberto, luigi_67, TrevizeGolanCz, ClaudioG., quimico, Scienza pazza, Igor, NaClO, Mario, fosgene, valeg96
Bellissimo esperimento i miei complimenti. Vorrei sapere: come hai preparato i vetrini? Cioè l'amido lo hai sciolto in una goccia d'acqua o era solido? Qualche settimana fa ho tagliato una sezione di patata molto sottile e sono riuscito ad osservare i "cumuli", perdonatemi il termine ma non so come si chiamano, di amido per poi colorarli con lo iodio. Ovviamente è sempre bello osservare qualcosa di nuovo al microscopio.

P.s. se trovo le foto ve le posto per mostrarvele
La curiosità ci spinge a farci domande a cui solo un ragionamento fondato su dati scientifici può  darci risposte quasi certe.

Cita messaggio
Ho semplicemente messo un pizzico di farina sul vetrino, ho depositato sopra una goccia di acqua e coperto il tutto con il copri oggetto.
Come vedi, è semplicissimo.

Aggiungo una foto dell'amido  presente in una sezione di patata:

   


In caso, se utilizzi la luce polarizzata, NON usare anche altre colorazioni: la polarizzazione basta ed avanza !
Altro consiglio: non fare un pastone, pochissima farina e ben dispersa.



*yuu*
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Cita messaggio
Grazie per i suggerimenti. Per la luce polarizzata mi sto attrezzando ma ancora non trovo delle lastre da poter tagliare.
La curiosità ci spinge a farci domande a cui solo un ragionamento fondato su dati scientifici può  darci risposte quasi certe.

Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)