La polarizzazione al nostro microscopio
Benone, io ho tutte queste sostanze, potrei mettere su un banchetto ai mercati generali di Porta Palazzo...asd
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
(2012-02-23, 19:23)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Benone, io ho tutte queste sostanze, potrei mettere su un banchetto ai mercati generali di Porta Palazzo...asd

Quello dipende solo da te, però nel frattempo potresti fare un paio di vetrini, fotografarli in luce polarizzata e farceli vedere. :-D

Oppure, se non hai la polarizzazione, possiamo lavorare in coppia: tu prepari alcuni vetrini e me li spedisci, io li fotografo e li pubblico sul Forum.

Cordiali saluti


Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Cita messaggio
Salve a tutti, 
dopo un lungo periodo passato lontano dal laboratorio, settimana scorsa sono finalmente riuscito a metterci piede e, dopo aver fatto qualche semplice pulizia, mi sono messo a sporcare di nuovo; nelle prossime settimane spero di condividere anche qualcosa sul forum.

Ieri pomeriggio tra una cristallizzazione ed un altra mi sono deciso ad utilizzare la luce polarizzata al mio microscopio, ho lasciato cristallizzare qualche goccia di una soluzione di solfato di potassio su un paio di vetrini e poi li ho osservati.
 
Il filtro polarizzatore e l'analizzatore li avevo preparati quest'estate ma non li ho mai usati, appena messo il campione e ho ruotato il filtro ho subito notato la variazione della luce che nel punto dei piani incrociati non è perfettamente nero ma un blu scuro. Però non vedevo nulla di colorato ma solo i cristalli con un contrasto elevato, allora mi sono ricordato dei compensatori e ne ho realizzati due come illustrato da Enotria e, devo dire la verità, mi sono stupito della variazione della gamma di colori che ne viene fuori.

In allegato ci sono alcune foto tra le più belle che ho fatto almeno secondo me. 

Anche se sicuramente sarà complicato, vorrei capire cosa fanno i compensatori e come funzionano, magari anche per migliorare quelli realizzati da me, ho cercato anche su internet ma ci sono poche informazioni. 
Un altra domanda è perchè con il compensatore da 1/1 non riesco ad ottenere la tonalità del magenda ma solo un rosa chiaro e se poi sovrappongo tutti e due i compensatori sul filtro ci arrivo più vicino.

Grazie e buona domenica.


AllegatiAnteprime
         
La curiosità ci spinge a farci domande a cui solo un ragionamento fondato su dati scientifici può  darci risposte quasi certe.

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Scienza pazza per questo post:
NaClO
Probabilmente il materiale con cui è fatto il compensatore non è adeguato, oppure hai tolto per errore una delle lamine di protezione. Prova con qualcosa d'altro.
Verifica di avere il vetro ben pulito prima di mettere la soluzione.
Un risultato migliore lo ottieni con uno stack di poche foto, perché i cristalli che vedi hanno spessori diversi, quindi con punti di fuoco diversi.
Vedi, ad esempio, questo solfato di zinco con stack di sole 4 foto:

   

Con lo stack vedi bene che le lamelle dei cristalli hanno un loro spessore, anzi, vi sono vari piani ad altezze diverse.
Se non vuoi fare lo stack, puoi ricoprire la goccia di soluzione con il copri vetrino: in questo modo l'altezza dei cristalli è ovunque uguale e non hai il problema delle diverse messe a fuoco.
Solo che in questo modo l'essiccazione è molto più lunga, ci vogliono parecchi giorni, ma i cristalli sono molto interessanti.

   


*yuu*
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Cita messaggio
Enotria, un plauso sia alla tua bravura che alla tua disponibilità :-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Beefcotto87 per questo post:
Enotria




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)