Olii essenziali
ciao a tutti,
nei giorni passati ho estratto in corrente di vapore l'olio essenziale di mandarino.
Ho preso delle bucce di mandarino tagliate a pezzetti e le ho messe in un pallone da 500 ml fino a riempirlo a metà, poi ho versato acqua fino a coprire le bucce e ho messo a riscaldare. Ho montato sopra il pallone un dean-stark con refrigerante per recuperare il distillato. Nella colonnina di raccolta del liquido si formano 2 fasi limpide ed incolori. La più densa è acqua e quella meno densa è l'olio essenziale di mandarino. Ho raccolto con una pasteur il liquido che stava sopra man mano che si accumulava dato che altrimenti quando alla fine distilla praticamente solo acqua, si sarebbe sciolto piano piano nell'acqua.
La resa non è molto alta...circa 0.1 ml di olio.

ho fatto le foto...in una si notano proprio i due liquidi con i due diversi menischi...uno convesso e uno concavo.         
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Chimico per questo post:
Kirmer, myttex, jobba, Piosh
Ha un buon profumo?

Da piccolo avevo distillato un mandarino lasciato marcire, ma non so ancora adesso che schifezza puzzolente avevo ottenuto...
Cita messaggio
ottimo profumo...spettacolare!
Cita messaggio
Bello (ahhhh.... profumi!!!!) però... non è operativamente in corrente di vapore, manca la caldaia a lato... ma è fico lo stesso. asd
Cita messaggio
A che scopo si distilla in corrente di vapore?
Cita messaggio
di norma perché i composti che costituiscono oli essenziali ed essenze in generale potrebbero essere termolabili
quindi il contatto diretto tra essi ed una fonte di calore come un bagno ad olio o sabbia o un termomanto potrebbe portare a decomposizione e quindi ha miscele di sottoprodotti inutili ai fini pratici...
si preferisce o la corrente di vapore o l'estrazione con ad es. Soxhlet
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
Nexus
Se non la mettevi tu un'estrazione così...chi la poteva proporre?
Il mandarino, dopo il bergamotto, è il pezzo forte della produzione di olii essenziali della Trinacria. E' vero, non è esattamente in corrente di vapore (così come la intendiamo), ma se alle bucce che stanno sopra, si aggiunge acqua (che sta sotto...sembra la trama di un film di Tinto Brass...), allora si forma una corrente di vapore acqueo che fa esattamente un'estrazione in corrente di vapore. La resa è bassissima, ma basta aumentare il volume del pallone e il carico di buccia di mandarino. Il prezzo del prodotto raffinato è di circa 80-90 euro al litro.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
(2010-02-12, 20:22)Chimico Ha scritto: ottimo profumo...spettacolare!

Se ti interessa ho trovato sul Parry (Chimica degli olii essenziali) un'analisi per determinare gli esteri dell'acido antranilico, presenti nell'olio di mandarino:

25 g di olio essenziale vengono sciolti in etere anidro a 0°C (bastano 50-75 g di etere) e si aggiunge goccia a goccia una miscela 1:5 di acido solforico/etere fino a precipitazione completa. Il precipitato viene filtrato e lavato con etere, quindi sciolto in acqua e titolato con una base 0.5 M (es.: NaOH) usando metilarancio come indicatore. La % di esteri (intesa come metil antranilato) si ottiene dalla formula:

A * 3.775 / S

con A= mL di base 0.5 M usata
S = grammi di olio usato.
Cita messaggio
@Dott.
ho estratto anche l'olio essenziale di limone ovviamente :-)
devo dire che con il limone la resa è più alta! però l'odore del mandarino è decisamente migliore a parer mio! Anzi, se devo essere sincero l'olio essenziale di limone non si riesce nemmeno ad odorare direttamente dal contenitore perchè è troppo forte!

In generale ho estratto oli essenziali di:

-mandarino
-limone
-alloro (tremendo! decisamente troppo forte!)
-cannella (è il più difficile da estrarre tra questi dato che quando si condensa il distillato non si formano 2 fasi ben separate come nei casi precedenti, ma si forma un'emulsione da cui poi si estrae l'essenza, che è sostanzialmente composta da aldeide cinnamica, con diclorometano.

non posto tutti i procedimenti dato che alla fine è sempre lo stesso il procedimento..cambia solo il vegetale nel pallone (tranne appunto per la cannella che necessita di un'estrazione in seguito alla distillazione).

@Zardoz ti ringrazio per l'analisi ma non ho 25 g di olio essenziale ;-) la prendo solo per arricchire il mio bagaglio culturale, grz.

P.s.: qualcuno ha il Parry in pdf?
Cita messaggio
Tra quelli da te citati (tutti tipici e mediterranei... cannella a parte) è vero, il mandarino è l'unico il cui profumo risulti "grato" senza infastidire chi lo annusa. Anche la cannella non è sgradevole al fiuto, però dopo poco inizia a infastidire.
L'olio essenziale di cannella viene solitamente ottenuto per macerazione della corteccia contusa in un solvente polare (metanolo, etanolo), allontanato poi per distillazione a bassa pressione. Non si ricorre alla distillazione per evitare la condensazione dell'aldeide cinnamica e la pirolisi di altri componenti secondari. A livello industriale, considerati i costi della materia prima, si cerca di evitare sprechi.Rolleyes
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)