Potassio esatiocianocromato (III) tetraidrato
Questo complesso del cromo trivalente fu preparato per la prima volta 150 anni fa da Roesler che poi pubblicò sintesi e studi su "Ueber einige Chromidschwefelcyanverbindungen - Dr. Joseph Roesler, Justus Liebigs Annalen der Chemie, Volume 141, Issue 2, pages 185–197, 1867".

Quanto segue è la replica fedele del suo metodo di preparazione. Vale a dire che le buone sintesi non invecchiano mai.

In un becker da 100 ml introdurre 6 g di KSCN , 5 di allume cromico e circa 13 ml di acqua.
Porre il tutto a bagnomaria bollente per 2 ore. La soluzione diventa viola scurissima. Ogni tanto aggiungere pochissima acqua per riportare in soluzione i sali che si separano.
Eliminare la maggior parte dell’acqua in stufa a 80 °C. Rimane un residuo semisolido viola scurissimo che viene estratto con alcool etilico assoluto, mentre il solfato di potassio rimane insolubile. E' preferibile ricristallizzarlo almeno 1 volta da alcool bollente. Se ne perde un poco, ma il prodotto così ottenuto diventa di grado analitico.
Il complesso viene evaporato in stufa a 90 °C . Si ottengono circa 3 g di prodotto.

   

Questi cristali rosso-viola sono solubili sia in acqua che in alcool. La soluzione acquosa diluita ha un colore tendente al blù

   

e uno spettro di assorbimento nel visibile piuttosto caratteristico, con due massimi a 420 e 565 nm.

   


saluti
Mario
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
TrevizeGolanCz, Beefcotto87, luigi_67, fosgene, zodd01, AminewWar, Roberto, quimico
Grazie per l'ennesima lezione.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Davvero dei bellissimi colori.
Chissà dove si trova il tiocianato di potassio.
Nulla si CREA, nulla si DISTRUGGE -Democrito & Lavoisier-
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)