Problema costante di equilibrio
Salve ho, un dubbio su un esercizio sulla costante di equilibrio: potreste aiutarmi?

[Immagine: DlImgd1.jpg]

Grazie in anticipo
Cita messaggio
Personalmente penso che l'esercizio sia fatto bene
Cita messaggio
Gentile lettore/trice,
In questo forum, per regolamento, è necessario a dare una soluzione, anche se sbagliata. E se si hanno dubbi, sarebbe meglio indicarli.

saluti
Mario

Cita messaggio
La soluzione c'è: il testo chiedeva la costante di equilibrio Kc: Kc = Kx = 2.62. Il mio dubbio sta nel mio ragionamento, giacché il testo non specifica il volume.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mimic per questo post:
RhOBErThO
Veramente il testo lo spiega piuttosto bene il perchè.
Mancando il volume ed essendo il tutto in fase liquida non si posono calcolare le Kc e Kp.
Rimangono due strade: calcolare la Kx (come riportato nel testo) oppure la Kn.
In quest'ultimo caso si ha:
Kn=0,8^2/(0,2*1,2)
   = 0,2666
Il risultato è leggermente diverso da quello del testo perchè hanno introdotto approssimazioni 0,067 invece di 0,06666 evia dicendo.
La Kn è uguale alla Kx perche la sommatoria dei coefficenti di reazione è uguale a 0.

saluti
Mario

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Mimic
La parte scritta dopo la tabella è opera mia, il testo è solo quello prima della tabella  :-)

Il testo dell'esercizio è quello in rosso:

[Immagine: image.png]
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mimic per questo post:
RhOBErThO
Molto spesso nei testi degli esercizi postati sul forum (e anche nei libri e in numerosi siti) scrivono i valori delle grandezze in gioco senza tener conto delle cifre significative con le quali viene espresso il dato.
In questo caso, essendo tutte le moli in gioco espresse con 1 sola cifra significativa, anche il risultato finale deve essere scritto con 1 sola cifra significativa.

Kn = (0,8·0,8)/[(1-0,8)·(2-0,8)] = 2,67 ≅ 3

Kx = [(0,8/3)·(0,8/3)]/[(1-0,8/3)·(2-0,8/3)] = 2,67 ≅ 3

È una delle prime cose che si insegna ai ragazzini nei corsi di fisica e chimica in prima superiore, ma spesso sono proprio i docenti a dimenticarsele. :-(
Le calcolatrici servono appunto per eseguire i calcoli intermedi senza approssimazione dei risultati e arrotondando invece il risultato finale con il corretto numero di cifre significative.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Mimic




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)