Redox
Salve,
ho un dubbio di carattere teorico per quanto riguarda il bilancio di una reazione con il metodo ionico elettronico.
In allegato reazione, con relativi numeri di ossidazione.

Il dubbio sorge nel momento in cui ho una specie che si ossida e non si ossida. Per esempio in questa reazione lo zolfo è presente a sinistra con i numeri di ossidazione -2 e +6, mentre a destra in vari composti ma in tutti con numero di ossidazione +6.
Nella semireazione di ossidazione inerente allo zolfo, che composti devo mettere? tutti? solo 1? 
non ho ben capito il metodo...

Attento delucidazioni :-)


AllegatiAnteprime
   
Ciao
Luca
Cita messaggio
Dopo aver assegnato i numeri di ossidazione devi dissociare i composti ad esclusione degli ossidi e perossidi...quindi la semireazione verrà:
S^2- +8e- --> SO4^2-
_________________________________________
When you have excluded the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Cita messaggio
Nella semireazione inerente lo zolfo devi mettere solo gli ioni interessati all'ossidazione, cioè S(2-) e SO4(2-).

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
luckberbere
Perfetto, tutto chiarissimo, ti ringrazio.
Ho solo un ulteriore dubbio, tra il passaggio e) ed il passaggio f) tutta la parte sx della reazione viene raddoppiata, tutto ciò è dovuto solo alla presenza del potassio che a destra appare come k2?
Non avrei potuto tenere subito conto di tale rapporto stechiometrico mettendo nella forma ionica i coefficienti stechiometrici?
Ciao
Luca
Cita messaggio
Sì certo potevi. Io però preferisco non complicarmi la vita all'inizio perché in ogni caso lo ione K+ non partecipa alla redox, è uno ione spettatore.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
luckberbere
Posto a seguire un altro esercizio analogo.
Ho provato ad operare come da te indicato, ma forse ho ancora qualche dubbio... 
Per esempio in questo caso, non riesco a capire cosa c'è che non va.
Inoltre non riportando i coefficienti stechiometrici nella forma ionica, rimontare il tutto non sempre è banale.
Sono confuso :S


AllegatiAnteprime
   
Ciao
Luca
Cita messaggio
La redox in forma ionica è bilanciata in modo corretto:
11 MnO4(-) + Mn(3+) + S(2-) + 16 OH(-) --> 12 MnO4(2-) + SO4(2-) + 8 H2O

In questo caso però, poiché l'Mn(3+) e l'S(2-) sono forniti dal composto Mn2S3, conviene tener conto dei coefficienti stechiometrici già nella dissociazione ionica dei reagenti e dei prodotti forniti nella reazione non bilanciata:

Fe(3+) + 3 OH(-) + 2 Mn(3+) + 3 MnO4(-) --> 2 Fe(3+) + 3 MnO4(2-) + 3 SO4(2-) + H2O

Le due semireazioni e la redox bilanciata in forma ionica diventano:
6 Mn(3+) + 3 S(2-) + 72 OH(-) --> 6 MnO4(2-) + 3 SO4(2-) + 36 H2O + 42 e-
14 x (3 MnO4(-) + 3 e- --> 3 MnO4(2-))
----------------------------------------------------------------------------------
6 Mn(3+) + 3 S(2-) + 72 OH(-) + 42 MnO4(-) --> 48 MnO4(2-) + 3 SO4(2-) + 36 H2O

Trasformiamola in forma molecolare:
14 Fe(MnO4)3 + 24 Fe(OH)3 + Mn2S3 --> 16 Fe2(MnO4)3 + 3 Fe2(SO4)3 + 36 H2O
Non è bilanciata perché ci sono:
- 44 atomi di Mn a sx e 48 atomi di Mn a dx
- 3 atomi di S a sx e 9 atomi di S a dx

Il bilanciamento in forma molecolare risulta allora possibile solo aggiungendo nei reagenti forniti dal testo dell'Mn2(SO4)3 che non cambia nulla nel bilanciamento delle cariche elettriche, ma che permette di effettuare il bilancio di massa:
14 Fe(MnO4)3 + 24 Fe(OH)3 + Mn2S3 + 2 Mn2(SO4)3 --> 16 Fe2(MnO4)3 + 3 Fe2(SO4)3 + 36 H2O

Adesso tutto torna :-)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Credo ci sia un errore.
Come hai detto poiché l'Mn(3+) e l'S(2-) sono forniti dal composto Mn2S3, nel momento in cui moltiplichi il 2Mn(3+) per 3, dovresti farlo anche per lo zolfo. 
In allegato nuovo svolgimento che ho verificato con il metodo algebrico
(molto più facile e non capisco perché non possa usarlo all'esame... pfff)


AllegatiAnteprime
   
Ciao
Luca
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luckberbere per questo post:
LuiCap
Giustissimo, due teste sono sempre meglio di una :-D
Quale metodo devi utilizzare all'esame?
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Prevalentemente richiede questo, ionico elettronico.
Tuttavia ritengo che il sistema algebrico è inequivocabilmente giusto, e non c'è possibilità di errore se non di compilazione....
Ciao
Luca
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)