Rischio chimico acido nitrico test metalli sul posto di lavoro
[Attenzione! Questo thread è stato importato da Answers, non si garantisce nulla sulla correttezza, presenza e coerenza dei contenuti così com'erano su Answers!]


Buongiorno a tutti,

scrivo per avere informazioni circa il rischio chimico a cui sono eventualmente esposto quotidianamente.

Non sono un tecnico od esperto di chimica pertanto, probabilmente per ignoranza, temo per la mia salute.

Mi scuso in anticipo per l'eventuale stupidita' del mio quesito.

Cerchero' di eporvi il caso il piu' chiaramente possibile.

Lavoro in un negozio di quelli che trattano acquisto di monete e metalli.

Per testare tali metalli utilizzo un kit di acidi. Il metallo viene strisciato su una pietra e poi, sul segno rimasto, viene applicato dell'acido nitrico per testare diciamo la qualita' del metallo.

Ora, vengo al punto. A me non hanno dato in dotazione alcun dpi e debbo dire che anche tutte le altre attivita' simili che o visitato lavorano nelle stesse condizioni, ovvero assenza di presidi ed autoprotezione.

Le boccette di acido sono piccoline e riportano il simbolo corrosivo e la dicitura R34 (solo in una e' riportato R35).

Non so quale siano le concentrazioni, perche' non e' riportato, so solo che quando eseguo l'operazione di test sento pizzicare e bruciare leggermente il naso.

Finita la prova asciugo con carta scottex e butto nel cestino.

Uso guanti in lattice (so che non sono idonei, comunque ho visto che ha contatto con l'acido non si forano o rovinano).

A parte il contatto accidentale con pelle o occhi che potrebbe essere pericoloso (di questo mi rendo conto), secondo voi sono soggetto ad un rischio chimico reale?

L'inalazione di tali dosi potrebbe essere pericolosa?

Tempo fa ho rovesciato una boccetta sul tavolo e, nell'ignoranza, mi sono solo limitato ad asciugare con carta. So di non aver fatto la cosa giusta, ma non ho pratica di queste cose e nessuno mi ha spiegato nulla.

Un altro esempio... un mese fa ho scoperto che la boccetta che uso per testare l'Ag aveva il tappo rotto da mesi (non so se fosse stato nitrico o solforico, pero' aveva anche l'etichetta con il teschio), quindi presumo di aver inalato chissa' quali vapori!

Scusate per queste domande, ma le schede di sicurezza di tali prodotti (che ho scaricato dalla rete) mi hanno spaventato a morte e non so piu' che cosa pensare.

Ho sempre pensato che le dosi e concentrazioni in gioco fossero ridicole, ed i pochi vapori si disperdessero nell'ambiente ma poi ho letto che l'acido nitrico e' pericolossissimo quindi ora vivo quotidianamente il lavoro con ansia.

Grazie mille in anticipo per le risposte ed i consigli che vorrete darmi.
Cita messaggio
Per darle una risposta sicura occorrerebbe conoscere il tipo di kit da lei utilizzato (marca, eventuale scheda tecnica e di sicurezza, etc.).

Per tranquillizzarla posso dirle che i gas che ha respirato non presentano particolari rischi per la saluti. Intendiamoci, nel caso dell'acido nitrico sono pur sempre ossidi di azoto e come tali hanno una certa tossicità, ma bisogna considerare anche la loro concentrazione nell'aria e visto le quantità in gioco credo sia più pericoloso fare shopping in centro che testare poche monete.

Il vero pericolo con gli acidi è la loro corrosività, ma anche qui andrei comunque cauto. Le quantità usate sono minime e il vero pericolo è quando raggiungono gli occhi. Ciò non toglie che usare guanti adatti e magari una piccola cappa aspirante risolva il problema alla radice. Circa la boccettina per testare l'argento avrei qualche dubbio in quanto il reagente potrebbe essere veramente pericoloso se viene a contato con la pelle. Ma per pronunciarmi dovrei saperne di più.



saluti

Mario

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Utente di Answers
Mario, grazie moltissimo per la risposta.
Mettere una piccola cappa di aspirazione non e' possibile!
Non conosco la reale concentrazione di tali acidi, so solo che non buca i guanti in lattice ne la carta scottex.
Tenga presente che faccio una trentina di prove al giorno, ma credo comunque che la quantita' utilizzata sia davvero modica.
Secondo lei, l'acido solforico sarebbe comunque preferibile (meno dannoso)?
Per me e' fonte di preoccupazione, mi conferma quindi che posso stare tranquillo?
Grazie mille davvero per la risposta.
Cita messaggio
Per stare tranquillo mi riferisco ai vapori e fumi.
Grazie.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)