Sintesi Titanato di potassio K2TiO3
Salve a tutti,
ho in mente un esperimento per cui mi servirebbe dei titanati di metalli alcalini, in particolare il titanato di potassio. Ho cercato qualche fornitore online ma con scarso successo, i pochi che ho trovato vendevano pochi grammi a prezzi abbastanza alti e con la dubbia purezza. In articolare ho notato che spetto il K2TiO3 viene venduto come K2O+TiO2... quindi pensavo di produrmelo da solo. Anche riguardo la sintesi non ho trovato moltissimo. Da fonti non attendibilissime sembra che si possa ottenere vari titanati di sodio mischiando le polveri di TiO2 e NaOH e poi versarci acqua calda ma mi sembra strano... ho trovato qualche articolo che usa sali fusi tipo K2O+TiO2 a 1000°C che mi risulta infattibile.
Un altro articolo suggerisce di usare KOH fuso (circa 360°C) con TiO2, questa sintesi potrebbe essere fattibile ma sono in dubbio sui prodotti: come faccio a sapere se la reazione avviene, è andata a completamento e verificare i prodotti, in particolare che il utto il TiO2 se ne sia andato?
Pensavo di mettere in un crogiolo o in un contenitore in inox le due polveri con un eccesso di KOH, scaldare con un fornellino ad alcol e poi, una volta raffreddato, lavare con acqua e recuperare il precipitato secondo voi è plausibile?
Grazie, Theiden.
Per ottenere qualcosa è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore. In alchimia è chiamato il principio dello scambio equivalente.
Alphonse Elric
sito web; canale YT
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)