Sintesi del citrato ferrico ammoniacale VERDE
Premessa

La ricerca della sintesi nel web  di questo composto è stata ardua, ma vuoi la fortuna, vuoi la perseveranza, alla fine sono riuscito a reperire un articolo dove veniva spiegato come ottenere in modo semplice il citrato ferrico ammoniacale verde.

Perché la sintesi di questo composto è così difficile (o perlomeno lo era prima che avessi letto l’articolo)?
Perché è possibile reperirlo in 2 forme, quella marrone e quella verde e la prima è quella che solitamente si ottiene quando si pongono semplicemente in soluzione idrossido ferrico ammoniaca ed acido citrico.

Purtroppo le percentuali di questi 3 composti nel citrato ferrico ammoniacale verde differiscono ben poco da quelle della forma marrone e quindi “giocarsela” con i rapporti stechiometrici è cosa ben difficile. Inoltre non è detto che ciò risolva il problema!

Come pone fine ai nostri problemi l’articolo che ho reperito?
Semplicemente aggiungendo l'acido citrico in 2 porzioni e cercando di non saturare la soluzione con l'ammoniaca. Se una mole di idrossido ferrico è fatta reagire con una sol. di ammonio citrato contenenti  0,65 moli di acido citrico e solo successivamente si aggiungono le moli rimanenti di acido citrico allora è possibile ottenere il sale in forma cristallina e soprattutto verde!

Purtroppo il mio prodotto non è alla pari di quello che avrei dovuto teoricamente ottenere, non sono riuscito a farlo cristallizzare:


Nell’ articolo è riportato di porre in acqua e ghiaccio per 4 giorni la soluzione risultante in modo da favorire la cristallizzazione del composto, purtroppo ho ottenuto la forma amorfa.

Cosa molto importante è ottenere il sale nella forma cristallina perché una sua grave pecca è l' estrema tendenza ad essere igroscopico. Tale comportamento però è osservabile solo nella forma amorfa del composto, mentre in quella cristallina la velocità d’assorbimento dell’acqua è notevolmente minore.


Reagenti/Materiale
  • piastra riscaldante
  • beuta da 250 ml
  • pipetta graduata da 1ml e da 10ml + porcellino
  • bacchetta di vetro
  • imbuto
  • carta da filtro
  • cartina tornasole
  • ammoniaca
  • acido citrico
  • idrossido ferrico
  • acqua distillata

Procedimento

In una beuta da 250 ml si scioglie l’idrossido ferrico (14.35 grammi, 0.1343 moli) in una soluzione precedentemente preparata con 150 ml di acqua distillata, 18.5 grammi di acido citrico (0.0881 moli) e 11 ml di ammoniaca 28° Bè (circa 0.1762 moli). Con una cartina tornasole ci si assicura che l’ambiente sia leggermente basico.
Si fa bollire il tutto per 15 minuti dopodiché si procede con un’ulteriore aggiunta di ammoniaca (poco più di 0.7 ml 28°Bè) e si lascia bollire per circa 90 minuti.
Si aggiungono altri 18.5 grammi di acido citrico e questa volta si lascia bollire poco meno di un’ora.
Si filtra la soluzione risultante, sulla carta da filtro si ha un residuo marroncino.
 
Si concentra fino ai 51° Bè e si verifica che il pH sia leggermente acido. Se così non è aggiungere piccole porzioni di ammoniaca. 
Dato che la soluzione risulta ESTREMAMENTE densa (sembra tiramolla) si sciolgono 2 ml della soluzione in 25 ml d’acqua e si fa una prova con una cartina tornasole.

Porre in acqua e ghiaccio per 4 giorni la soluzione risultante in modo da favorire la cristallizzazione del composto. Lavare i cristalli con dell'alcool e porre in stufa a 105 gradi per asciugarli.

* durante le varie fasi d'operazione rabboccare l'acqua che evapora.

Conclusioni
Non essendo riuscito ad ottenere i cristalli (la cristallizzazione era partita dopo solo 2 settimane, ma era davvero troppo lenta e non potevo continuamente rifornirmi di ghiaccio) ho posto il tutto in essiccatore ed oggi ho provveduto a frantumare la massa amorfa e polverizzarla con il mortaio ottenendo una polvere molto fine che posso azzardare con sicurezza essere priva della forma marrone. (se notate delle piccole irregolarità nel sale è perchè non ho frantumato alcuni piccoli frammenti)
    
Una foto del composto macinato grossolanamente e con luce "naturale", scusatemi per la qualità della foto.
   

Note
  • Sono partito utilizzando 7.5 grammi di limatura di ferro, ossia 0.1343 moli di Fe, l’ho trattata con HCl ed in seguito ho aggiunto H2O2 per ossidarlo a Fe(III), ho usato NaHCO3 per far precipitare il ferro come idrossido ferrico (14.35 grammi). Date le difficoltà che ho riscontrato nel lavaggio molto probabilmente sono rimaste tracce di NaCl, potrebbe essere questa una delle cause che non ha permesso la cristallizzazione del sale?
          Leggendo meglio l'articolo mi pare di capire che un ulteriore problema potrebbe essere derivato dal controllo del pH. Sulla densità finale non ho dubbi dato che l'ho verificata ed era           esattamente di 51° Bè.
  • è estremamente igroscopico, se lasciate il composto all'aria nel giro di qualche minuto vi ritroverete con praticamente della melassa.

Consiglio vivamente di leggere l'articolo dato che sicuramente voialtri ne ricaverete altre utili informazioni!


Allegati
.pdf  ferric ammonium citrate.pdf (Dimensione: 670.52 KB / Download: 96)
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano TrevizeGolanCz per questo post:
thenicktm, ohilà, Hamiltoniano, AminewWar, luigi_67
Bello, ma il sale si vede giallo XD
Cita messaggio
è questo il suo reale colore! Giallo/verde! Non farti confondere dai tarocchi che trovi su google img ;-)!
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
Uso regolarmente questo sale per scopi fotografici ed il colore non è quello, è verde-giallo.
Il mio blog fotografico: http://canonfdworld.blogspot.it/
Cita messaggio
Devi scusarmi -Sandro-, ma purtroppo l'immagine che ho postato non ha reso molto bene il colore del mio sale.
Ho provato a macinare più grossolanamente un frammento del composto ed il risultato si può vedere nel primo post dove ho aggiunto l'immagine.

Il mio sale appare più giallo semplicemente perchè:
  • l'ho pesantemente macinato
  • foto scattata in una stanza illuminata da una fonte di luce gialla
Ecco la foto invece di un frammento anidro, ma che non ho ancora macinato, ma semplicemente staccato dalla massa amorfa con un'energetica "mazzata" con il pestello:

   

Che dite? è verde ;-) ?
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano TrevizeGolanCz per questo post:
ClaudioG., thenicktm
(2016-01-25, 17:42)-Sandro- Ha scritto: Uso regolarmente questo sale per scopi fotografici ed il colore non è quello, è verde-giallo.

Tu da chi lo compri? Perché io l'ho finito a forza di cianografie e ora lo devo ricomprare.
Cita messaggio
Osservando il frammento il colore appare come quello del sale di commercio, grazie.
Lo compro online da westernphoto, oppure a Genova dalla Farmochimica.
Il mio blog fotografico: http://canonfdworld.blogspot.it/
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano -Sandro- per questo post:
arkypita




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)