esercizio assorbanza
Ciao a tutti. Ho provato a risolvere questo problema ma non sono sicuro che il mio ragionamento sia giusto. Attraverso la legge di Lambert-Beer ho calcolato la concentrazione ad una data assorbanza, portata a 10mL e successivamente mi sono calcolato le altre concentrazione semplicemente moltiplicando la concentrazione che ho ottenuto per il rapporto tra le assorbanze.
Mi sembra una risoluzione troppo semplice ed inoltre ci sono dati "superflui" che mi portano a pensare che la risoluzione non sia corretta.

Grazie mille per il vostro aiuto.


AllegatiAnteprime
      
Cita messaggio
partendo dalla nota relazione:
A = e*M           supponendo la lunghezza cammino ottico=1 cm

siha:
0,1 = 127000 * p/537
moltiplicheremo p ancora per 100 (1000/10 ml)
p=0,0423 g

saluti
Mario

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Davide_90
Il coefficiente di estinzione molare rappresenta l'assorbanza specifica di una soluzione di concentrazione 1 M misurata, ad una data lunghezza d'onda, attraverso una cella di lunghezza ottica di 1 cm.
Le concentrazioni e le rispettive masse da pesare di beta-carotene nei quattro matracci da 10 mL sono:
   

Utilizzando una bilancia analitica con sensibilita 0,0001 g è impossibile pesare delle masse così piccole, perciò si deve necessariamente preparare una o più soluzioni più concentrate da cui si effettuano poi i prelievi da portare ad un volume finale di 10 mL.
Ti propongo il seguente schema:
   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Davide_90
A mio parere, nel calcolo di Mario c'è un errore.
p rappresenta la massa di beta-carotene in 1 L di soluzione = 0,000423 g
Perciò in 10 mL di soluzione ci saranno:
0,000423 g : 1000 mL = x : 10 mL
x = 0,000423 ·10/1000 = 0,00000423 g
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Davide_90
Grazie mille Luisa, allego un altro esercizio sull'assorbanza simile a quello di prima. Spero di averlo svolto bene. E' corretto portare al 5% la concentrazione ottenuta? Devo ripetere lo stesso procedimento per tutte le assorbanze con estinzione molare=6200?


AllegatiAnteprime
      
Cita messaggio
Mi stai facendo sorgere un dubbio.
Nella legge di Lambert-Beer, se la concentrazione è espressa in mol/L e il cammino ottico l è di 1 cm si ha:
A = ε·l·M
dove ε rappresenta il coefficiente di estinzione molare con unità di misura L/mol·cm.
Se la concentrazione viene espressa con un'altra unità di misura, ad esempio in %p/v, il coefficiente di estinzione viene indicato con la lettera a:
A = a·l·%p/v
perciò l'unità di misura di a è 1/%p/v·cm

In questo esercizio che unità di misura ha il coefficiente di estinzione?
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
La traccia è quella che ho allegato, probabilmente non ha specificato. Non mi meraviglierei visto che il mio prof. non è molto preciso, come unità di misura del PM usa g e non g/mol. O_o
Cita messaggio
L'esercizio pone due domande:
a) calcolare le concentrazioni delle soluzioni campione con ε = 4800 e con ε = 6200 per avere le assorbanze indicate, e questo lo hai fatto in modo corretto per ε = 4800; devi ripeterlo anche per ε = 6200;
b) spiegare il procedimento da seguire per preparare 10 mL di soluzioni campione alle concentrazioni calcolate al punto a) partendo da una soluzione al 5%, e questo lo hai fatto in modo sbagliato.


In questo esercizio, rispetto al precedente che hai postato sempre ieri, ti viene già fornita la soluzione madre di partenza con una concentrazione nota espressa in % p/v che non devi far altro che trasformare in molarità:
M = % p/v · 10 / MM
Ammettendo che l'unità di misura di ε sia L/mol·cm, il procedimento è il seguente.

         
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Davide_90




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)