operazione Van Deemter
salve stimati colleghi

nello studio dei principi teorici su cui si fondano le tecniche cromatografiche sicuramente vi sarete imbattuti nella famosissima equazione di Van Deemter (per i profani si tratta del modello matematico che descrive, nell'ambito della "teoria delle velocità" o "teorie cinetiche", le relazioni tra i vari parametri che influenzano l'efficienza di un sistema cromatografico). Ora come si sà la Van Deemter NON è una TEORIA, bensì è un semplice modello matematico operativo che risulta insoddisfacente in molti casi specifici. Fatta questa breve premessa arriviamo al nocciolo della questione:
1) data la vostra secolare (;-)) esperienza nella chimica applicata avete mai usato equazioni diverse dalla Van Deemter per la determinazione di H?? Se si quali avete usato??
2) vi siete mai trovati di fronte a casi in cui la Van Deemter non è applicabile??..se si potete illustrarceli??

rispondete in tanti ;-)...
Cita messaggio
omg... la Van Deemter nooo... mi son tirato scemo con quella equazione...
ma il sig Van Deemter non aveva di meglio da fare? sinceramente io più di tanto non saprei cosa dire... a parte le solite nozioni accademiche impartitemi... però se qualcuno ha voglia di disquisire... benvenga ;-)
finora mai trovato davanti al caso non fosse applicabile... sia in GC che HPLC

tu?
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
essendo un povero studentello che nn si può permettere neanche un GC o HPLC rotto e avendo smanettato relativamente poco su tali strumenti non ho avuto modo di trovarmi di fronte a casi in cui la Van Deemter è da buttare nel water. Anche io ho nozioni accademiche ed è per tale motivo che mi piacerebbe approfondire :-)..chissà forse qualcuno di voi si è mai trovato nelle circostanze in cui la Van Deemter non rispecchi l'andamento reale di H?? Qualcuno ha mai sentito solo nominare altre equazioni che descrivano l'andamento reale di H??
Cita messaggio
manco io possiedo un GC o un HPLC per mio uso e consumo...
ho imparato a smanettarci in laboratorio di analitica strumentale, grazie agli ottimi insegnamenti del mio prof.
dopo avermi fatto la mano, è una questione di saper cosa fare, sapere cosa si vuole fare... se non si programma cosa fare, poi sei come perso in una landa desolata...
tornando a noi...
premesso che è un modello matematico...
te ti riferisci all'equazione H = A + B/u + Cu o a quella più complessa?

a te hanno fatto considerare dento quell'equazione valori come la forma delle particelle o diametro capillare o lo spessore del film sottile?
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
certo certo quella più "complessa"..quella con tutti i parametri a cui ti riferisci e quindi coefficienti di diffusione, costanti varie relative alla geom e il grado di impacchettamento, bla bla bla...
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)