Aiuto sulla scelta di una pompa da vuoto?
Salve, non so se è la sezione giusto e quindi spero di non dare fastidio. Da tempo ho in mente di farmi un piccolo angolo di distillazione tutto mio per provare a fare semplici sintesi chimiche. Così dopo essere partito da zero e aver iniziato a comprare l'essenziale per quanto riguarda la vetreria (devo ancora comprarne altra) e scelto altri strumenti da comprare necessari, sono entrato in palla sulla pompa da vuoto. Ci tengo a precisare che non voglio distillare per produzione di aromi per sigarette elettroniche o cose simili (ho letto topic precedenti su questo discorso), semplicemente mi piacerebbe acquistare una pompa adatta a distillare sottovuoto, magari peri lunghe sessioni,  per provare delle sintesi come l'ossidazione di un alcol ad aldeide (questa è una sintesi che mi piacerebbe), o solo per  il concentramento di una soluzione per precipitare dei sottoprodotti, recupero solvente ecc.... ma essendo poco ferrato su queste pompe avrei bisogno di aiuto per sceglierne una economica ma funzionale. Se qualcuno ne vende una adatta allo scopo in buone condizioni posso valutare un eventuale acquisto.
Cita messaggio
Ciao! Hai un budget? Perchè di principio queste pompe non sono molto economiche.
Le possibilità sono:
1) acquistare una pompa ad acqua, quelle classiche di vetro o metallo usate per fare il vuoto per le filtrazioni, ma oltre al gran consumo d'acqua in tempi lunghi c'è anche il problema della loro effettiva efficacia. Si era parlato in qualche post di usarle per distillazioni sottovuoto, ma mi sembra che in teoria funziona, in pratica "ni".
2) acquistare una pompa da vuoto per condizionatori. Sono quelle solitamente usate per fare il vuoto nelle tubature dove dopo viene immesso il gas dei condizionatori. Il prezzo si aggira sui 100-200 euro. Molto probabilmente andrebbero bene nel tuo caso. Ovviamente bisogna tener conto che ogni tot. sarà necessario cambiare l'olio e che non essendo nata per l'utilizzo in lab acqua, solventi vari ecc... inquineranno facilmente l'olio. Non so se possa essere lasciata accesa per tempi molto lunghi :/
3) acquistare una pompa da vuoto per lab...beh qui i costi lievitano :/ :/
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
(2019-11-02, 10:58)TrevizeGolanCz Ha scritto: Ciao! Hai un budget? Perchè di principio queste pompe non sono molto economiche.
Le possibilità sono:
1) acquistare una pompa ad acqua, quelle classiche di vetro o metallo usate per fare il vuoto per le filtrazioni, ma oltre al gran consumo d'acqua in tempi lunghi c'è anche il problema della loro effettiva efficacia. Si era parlato in qualche post di usarle per distillazioni sottovuoto, ma mi sembra che in teoria funziona, in pratica "ni".
2) acquistare una pompa da vuoto per condizionatori. Sono quelle solitamente usate per fare il vuoto nelle tubature dove dopo viene immesso il gas dei condizionatori. Il prezzo si aggira sui 100-200 euro. Molto probabilmente andrebbero bene nel tuo caso. Ovviamente bisogna tener conto che ogni tot. sarà necessario cambiare l'olio e che non essendo nata per l'utilizzo in lab acqua, solventi vari ecc... inquineranno facilmente l'olio. Non so se possa essere lasciata accesa per tempi molto lunghi :/
3) acquistare una pompa da vuoto per lab...beh qui i costi lievitano :/ :/

Grazie per la risposta.

Le pompe ad acqua le avevo escluse perché avevo letto che erano poco efficaci.

Quelle per i condizionatori era la scelta su cui ero orientato, ma poi mi sono preoccupato per l'olio. Non ho idea di quanto possa durare una pompa di questo tipo, usando agenti chimici che gli recano "danno", prima  che l'olio si debba cambiare. Magari in alcune distillazioni dovrei cambiare l'olio nel mezzo del processo stesso o non sarà mai capace di lavorare un tot di ore a pieno regime senza preoccuparmi dell'olio.

Una pompa da vuoto per laboratorio onestamente non so bene nemmeno come funzioni perché i prezzi sono altissimi e non credo sia alla mia portata. Il mio budget sarebbe di 300 €; potrei anche aspettare a prenderne una e arrivare a mettere da parte 400 € ma non so se bastino per una economica però funzionale. Se poi con 400 € devo prenderne una così scadente che dovrei cambiare poco tempo tempo, preferisco pagare la metà per una per condizionatori.
Magari potrei cercarne una discreta già usata, ma sono difficili da trovare.
Cita messaggio
Comunque la stragrande maggioranza delle sintesi chimiche alla portata di home-lab si fa tranquillamente senza pompa da vuoto.
Per le filtrazioni vanno benissimo quelle ad acqua o, al massimo, quelle manuali.

Per quel che riguarda le distillazioni son poche quelle che richiedono una pompa da vuoto da laboratorio.
Con una piastra e un bel fornelletto a gas i tuoi 200°C te li fai tranquillamente... 
Per quei composti più altobollenti o termolabili una pompa ad acqua può essere d'aiuto.

Se vuoi fare le cose per benino su sintesi relativamente complesse una piccola pompa a membrana ti ci vuole.... I modelli tipo le KNF di base sono più che sufficienti. 
Con una trappola adatta la membrana dura parecchio, ma prima di spendere 400 euro per uno strumento del genere spendine 30 per un fornello e una pompa ad acqua...
Cita messaggio
(2019-11-03, 19:26)ohilà Ha scritto: Comunque la stragrande maggioranza delle sintesi chimiche alla portata di home-lab si fa tranquillamente senza pompa da vuoto.
Per le filtrazioni vanno benissimo quelle ad acqua o, al massimo, quelle manuali.

Per quel che riguarda le distillazioni son poche quelle che richiedono una pompa da vuoto da laboratorio.
Con una piastra e un bel fornelletto a gas i tuoi 200°C te li fai tranquillamente... 
Per quei composti più altobollenti o termolabili una pompa ad acqua può essere d'aiuto.

Se vuoi fare le cose per benino su sintesi relativamente complesse una piccola pompa a membrana ti ci vuole.... I modelli tipo le KNF di base sono più che sufficienti. 
Con una trappola adatta la membrana dura parecchio, ma prima di spendere 400 euro per uno strumento del genere spendine 30 per un fornello e una pompa ad acqua...

So che si usa poco però è più il fatto di avere un piccolo angolo mio attrezzato per qualsiasi cosa. Sul fornello avevo intenzione di prendere un agitatore magnetico riscaldante.
Guardavo i modelli KNF più economici (sempre sulle 350 euro circa). Non riesco a capire però se il vuoto massimo che son capaci di fare è riportato nella descrizione "Vuoto (mbar ass.)" perchè molte pompe per condizionatori sarebbero capace di abbassare la pressione molto più di questa e mi sembra strano. Mi devo documentare credo ^ ^
Cita messaggio
(2019-11-03, 19:26)ohilà Ha scritto: Se vuoi fare le cose per benino su sintesi relativamente complesse una piccola pompa a membrana ti ci vuole.... I modelli tipo le KNF di base sono più che sufficienti. 
Con una trappola adatta la membrana dura parecchio, ma prima di spendere 400 euro per uno strumento del genere spendine 30 per un fornello e una pompa ad acqua...

Dopo essermi guardato attorno ho visto che praticamente c'è solo un modello di KNF sui 400€ ma non ha le caratteristiche che cercavo; mentre la più economica con una migliore come capacità di vuoto max si aggira intorno ai 600€ che è proprio fuori dalla mia portata.
Faccio anche un annuncio, in caso qualcuno avesse in vendita una pompa a membrana discreta, sarei interessato. 
Altrimenti spero tanto di ricevere, da parte di chi ha esperienza nella community, consigli sulle pompe ad olio, magari capire se possono andare bene comunque o come "configurarli" per farle andare bene.
Cita messaggio
Riguardo la scelta della pompa, una come questa può andare bene per fare delle distillazioni sotto vuoto? https://www.manomano.it/p/pompa-per-vuot...6-12994553

La mia paura è che, essendo nate per altro scopo, non siano capaci di esercitare il vuoto per 3/4 ore di fila senza cambiare l'olio o preoccuparmene. Di solito, a contatto con solventi chimici come DCM, agenti chimici (non troppo aggressivi) e altro, ogni quanto si cambia l'olio in queste pompe?
Grazie infinite a chi risponderà.
Cita messaggio
La mia è come la seconda che hai messo, quella da 170€. L'ho presa a 50€ da un negoziante che stava liquidando tutto, e penso che 170€ siano anche troppi. E' affidabile ma come puoi immaginare è anche sensibile agli acidi e si arrugginisce molto facilmente, e devi usare delle trappole. L'olio lo cambio quando dalla finestrella apposita vedo che inizia ad essere scuro o ha qualche anomalia, come pezzetti solidi o alta viscosità. Per i solventi e il vapore acqueo non dovrebbe essere un gran problema, dato che la pompa si riscalda parecchio e vengono rimossi abbastanza rapidamente durante l'uso; io comunque non me la sento di usarla per distillazioni senza una trappola fredda seria, perché lì allora sì che ti si riempie di solvente. Per filtrare va benissimo.
Cita messaggio
(2019-11-07, 11:20)valeg96 Ha scritto: La mia è come la seconda che hai messo, quella da 170€. L'ho presa a 50€ da un negoziante che stava liquidando tutto, e penso che 170€ siano anche troppi. E' affidabile ma come puoi immaginare è anche sensibile agli acidi e si arrugginisce molto facilmente, e devi usare delle trappole. L'olio lo cambio quando dalla finestrella apposita vedo che inizia ad essere scuro o ha qualche anomalia, come pezzetti solidi o alta viscosità. Per i solventi e il vapore acqueo non dovrebbe essere un gran problema, dato che la pompa si riscalda parecchio e vengono rimossi abbastanza rapidamente durante l'uso; io comunque non me la sento di usarla per distillazioni senza una trappola fredda seria, perché lì allora sì che ti si riempie di solvente. Per filtrare va benissimo.
Ne cercherò una su questi modelli usata allora. Quindi per distillazioni consiglieresti questa con una buona trappola? Mi "lincheresti" in caso il link di una buona trappola da prendere?...anche perchè non penso sui 300/400 € potrei trovare qualcosa di più adatto.
Cita messaggio
Una trappola consiste in un contenitore raffreddato almeno fino a -70 gradi posto tra la pompa e la linea del vuoto. Solitamente si usa un recipiente apposito (simile a una bottiglia di lavaggio) raffreddata con ghiaccio secco e acetone/etanolo. Ancora meglio azoto liquido. Almeno che tu non abbia un fornitore di gas tecnici vicino a te (ammesso che ti vendano i pochi litri/chili di gas che ti servono) non risulterebbe economico fare distillazioni sottovuoto. Io ad esempio ho un fornitore che mi ha venduto azoto liquido diverse volte ma ogni volta sono minimo 15 L il che è poco vantaggioso. Almeno che tu non debba lavorare con tecniche shlenk, la trappola la vedo come una cosa poco utile in quanto: i liquidi volatili (difficili da condensare completamente) si distillano bene a P atm. I liquidi altobollenti si possono solitamente distillare sotto vuoto perchè comunque vengono condensati efficacemente. Il problema sono sostanze con punti di ebollizione “medi”, ad esempio il toluene che bolle a 110 gradi circa.
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)