Analisi dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Sollecitata da qualche utente, che ringrazio, condivido con il Forum alcuni file riguardanti l'analisi in oggetto.

Comincio con il video completo presentato all'EXPO 2015, con il quale ho molto orgogliosamente concluso la mia carriera scolastica:


In seguito trovate invece i procedimenti analitici da eseguire per determinare l'acidità totale e il grado zuccherino dell'ABTM:

.pdf  Analisi ABTM.pdf (Dimensione: 183.29 KB / Download: 815)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Igor, EdoB, Beefcotto87, arkypita, zodd01, NaClO, quimico, luigi_67, comandantediavolo, Enotria
Grazie mille, appena titolerò il mio vi farò sapere. Ogni volta che vedo un video come questo l'orgoglio sale alle stelle😀😀👍👍👍
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio
Avessi avuto costanza e insegnanti come te alle superiori...
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Beefcotto87 per questo post:
arkypita
(2017-01-17, 15:24)Il Chimico Modenese Ha scritto: Grazie mille, appena titolerò il mio vi farò sapere.

Tieni presente che l'aceto che viene titolato nel video non è ancora giunto a maturazione (l'acetaia della scuola ha solo pochi anni), quindi il colore della sua soluzione diluita fino a 200 mL con acqua dist. è un marrone molto tenue ed il viraggio della fenolftaleina è molto evidente.
Il colore della soluzione acquosa di un aceto più invecchiato (almeno 12 anni) è molto più intenso ed il viraggio dell'indicatore più difficile da individuare. È questa la ragione per la quale viene usata una soluzione all'1% di fenolftaleina (di solito in una titolazione acido-base la si utilizza allo 0,1%) e il viraggio viene preso all'ultimo cambiamento di colore e non al primo.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
NaClO, luigi_67, EdoB
Grazie mille!
Ma avete un'acetaia a scuola?!
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
Mi pare evidente... lo si dice chiaramente nel video che abbiamo un'acetaia per scopi didattici asd
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
NaClO
Se mi mettete i Modena City Ramblers con Al Fiòmm, ciao proprio. Che cosa stupenda. Complimenti Luisa.
Domani sarò nel Modenese, sono da uno dei miei clienti maggiori e più abbienti, Ferrari. Toccata e fuga.
Mi dispiace non potermi fermare a gustare le sue prelibatezze :-(
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
LuiCap
in alternativa alla analisi condotta per pesata sicuramente la più precisa, anche a mio parere, vista la tipologia e la densità degli aceti..  ,per ovviare all'imprecisione del prelievo in volume dell'aceto magari fatto con una normale pipetta da 1 ml a svuotamento completo si potrebbe approntare un sistema tipo"dosimetri" in plastica trasparente tipo le cuvette per uv-vis ,esattamente del volume di 1ml ,magari dei piccoli cubetti 1cmx1cmx1cm aperti solo verso l'alto ,introdurre l'aceto goccia a goccia con una pipetta pasteur fino al riempimento raso del dosimetro senza bolle d'aria all'interno e sollevandolo con cura con le pinzette ,versarlo direttamente dentro la beuta di titolazione diluendo con acqua distillata come da procedura del video e titolando normalmente..con il dosimetro in plastica all'interno della beuta che rilascia tutto il suo contenuto "calibrato" in questo modo sappiamo di avere testato l'acidità su 1 ml esatto di aceto e quindi abbiamo il valore corretto di acidità in % m/V  ,questo sistema che ho improntato e verificato mi sembra altrettanto valido e penso dia dei risultati ugualmente precisi..
Cita messaggio
Ferrari... Ferrari?!?!
Almeno fermati qui asd
http://www.ristoranteilcavallino.it/home/
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
quimico
(2017-01-17, 21:41)LuiCap Ha scritto: Ferrari... Ferrari?!?!
Almeno fermati qui asd
http://www.ristoranteilcavallino.it/home/

Ci sono stato qualche anno fa in occasione di un viaggio di lavoro a Modena, un posto che sicuramente merita per il cibo e per l'ambiente! Quimico, se vai da quelle parti effettivamente è un peccato non passarci!

Tornando in tema, mille grazie per il video, molto carino ed interessante, come interessante l'iniziativa dell'acetaia e dello studio di quel meraviglioso prodotto che avete e che assaggiai proprio sempre in quell'occasione nei dintorni di Modena in un altro ristorante di cui però non ricordo il nome.

Un saluto!
Luigi
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)