Anioni analisi
Prego di scusare la mia invasione del Forum :-(  è un problema il fatto che faccia troppe domande qui?
La mia domanda sugli anioni è: perché laviamo ilresiduo con HNO3 e NH3 per eliminare l'interferenza dell'argento?grazie


AllegatiAnteprime
      
Cita messaggio
A mio avviso trattando il residuo contenente argento (come Ag2O a causa dell'attacco basico) con HNO3 lo si salifica. L'AgNO3, al contrario degli altri nitrati, in soluzione fortemente nitrica è poco solubile e per questo rimane nel precipitato. Eliminando il surnatante e lavando sempre con acido nitrico si eliminano gli altri cationi. A quel punto si solubilizza l'argento come diamminoargento complessandolo con l'ammoniaca. Infine lo si riprecipita poi come solfuro con la tiacetammide. Questo è ció che suppongo avvenga ma essendo solo uno studente liceale ti consiglio di aspettare una risposta da qualcuno più esperto.
"Il problema se nell'universo esista vita intelligente dipende, in ultima analisi, da quanto intelligente sia tale vita".
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Matteo2000 per questo post:
Rosa
Non si lava con HNO3 e NH3 per eliminare l'interferenza dell'argento, ma per verificare che nel residuo insolubile sia presente lo ione Ag+ e lo ione Cl- sottoforma di AgCl(s).

Trattando il miscuglio solido iniziale con Na2CO3 in eccesso a caldo (attacco alcalino) si ottiene:
liquido a: è una soluzione acquosa basica contenente disciolti i sali di sodio degli anioni presenti nel miscuglio solido iniziale, la cosiddetta soluzione alcalina. Su questa soluzione, dopo acidificazione o con HNO3 o con CH3COOH per eliminare l'eccesso di ione CO3(2-) sottoforma di CO2(g), si eseguono i saggi per il riconoscimento degli anioni;
solido b: è un miscuglio solido contenente quasi tutti i cationi presenti nel miscuglio solido iniziale sottoforma di carbonati insolubili in acqua + il cosiddetto residuo insolubile. "Quasi tutti" significa che se nel miscuglio solido iniziale sono presenti cationi e anioni che formano dei composti particolarmente insolubili in acqua, l'attacco alcalino non è sufficiente per liberare gli anioni e trasferirli nella soluzione alcalina. In particolare se è presente lo ione Ag+ e gli anioni Cl- e/o Br-, nel residuo insolubile è presente AgCl(s) e/o AgBr(s), perciò il solido b ottenuto dall'attacco alcalino non va smaltito, ma analizzato come residuo insolubile nel seguente modo.

Ammettiamo che nel residuo insolubile sia presente AgCl(s).
- Si lava il solido b con H2O per eliminare tutta la soluzione alcalina; i lavaggi vanno uniti alla soluzione alcalina.
- Al solido lavato si addiziona HNO3 4 N e si mescola: passano in soluzione tutti i carbonati insolubili ma non l'AgCl(s) secondo la reazione:
es.: MeCO3(s) + 2 HNO3(aq) --> Me(NO3)2(aq) + H2O(l) + CO2(g)
MeCO3(s) + 2 H+ --> Me2+ + H2O(l) + CO2(g)
- Si addiziona ancora NH3(aq) concentrata e H2O: l'AgCl(s) passa in soluzione formando il complesso cloruro di diammino argento:
AgCl(s) + 2 NH3(aq) --> [Ag(NH3)2]Cl(aq)
AgCl(s) + 2 NH3(aq) --> [Ag(NH3)2]+ + Cl-
- Si addiziona tioacetammide che, liberando H2S(g), precipita l'argento come solfuro insolubile nero:
2 [Ag(NH3)2]Cl(aq) + H2S(g) --> Ag2S(s) + 2 NH4Cl(aq) + 2 NH3(aq)
2 [Ag(NH3)2]+ + H2S(g) --> Ag2S(s) + 2 NH4+ + 2 NH3(aq)

Se si forma un solido nero significa che nel miscuglio solido iniziale è presente lo ione Cl-.
Se non si forma un solido nero significa che nel miscuglio solido iniziale è assente lo ione Cl-.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa, Matteo2000
Per eliminare CO3 (2-) va bene aggiungere una slz Ca(NO3)2? Questo è il reattivo precipitante usato nelle slides che ho. Però non ho capito come reagisca questo nitrato di calcio :-(
Cita messaggio
Intendi eliminare CO3(2-) dalla soluzione alcalina prima di eseguire i saggi di riconoscimento degli anioni??? Non capisco cosa c'entri il Ca(NO3)2. Io ho sempre aggiunto HNO3 o CH3COOH fino a pH acido ad una piccola porzione di soluzione alcalina e poi aggiunto il reattivo precipitante specifico per l'anione che si vuole ricercare.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
Non so il motivo per cui Ca(NO3)2 si usi come reattivo precipitante nelle slides che le ho allegato che comprendono sia 5 sia 6 gruppo
Cita messaggio
Grosso respiro e ricominciamo Rosa. ;-)

Hai iniziato questa discussione allegando due immagini relative all'analisi sistematica degli anioni, in particolare perché la presenza nel miscuglio solido iniziale di composti di argento può costituire un'interferenza nei saggi di riconoscimento degli anioni dopo l'attacco alcalino.

Ora scrivi "Ca(NO3)2 come reattivo precipitante nell'analisi del 5° e 6° Gruppo dei cationi" che io non trovo nelle slides che mi hai inviato in privato.

Cosa c'entra l'analisi sistematica degli anioni con quella dei cationi?!?!
Non riesco a seguirti.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
mi stavo confondendo con l'altro post Le chiedo davvero scusa. Ho inviato ora le slides sugli anioni. Stavo combattendo con la realizzazione di uno schema e davvero mi sto perdendo in esaurimento ....grazie mille
Cita messaggio
Oh, finalmente per me è tutto chiaro!!! Il problema è invece che tu hai molta confusione in testa. Quando hai programmato questo esame???
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
Mi chiarisca anche a me le ideee la prego
L'esame è tra una settimana circa so che è poco ma a me interessa al momento passarlo, alla comprensione di cui Lei mi ha parlato probabilmente mi dedicherò dopo l'esame. Al momento devo avvicinarmi al pezzo di carta come la maggioranza dei miei colleghi hanno fatto farò

Ma no scusi i cationi qua non c'entravano nulla !!!!
Allora il mio dubbio era relativo al perché si usi Ca(NO3)2 ?
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)