Benzantrone sintesi
Photo 
La sintesi del benzantrone avviene attraverso due passaggi: dapprima l'antrachinone viene ridotto con acido solforico e rame, e per successivo riscaldamento in presenza di glicerolo.
[Immagine: Benzanthrone.png]
ATTENZIONE:
L'acido solforico(soprattutto a caldo) è estremamente corrosivo, indossare i guanti durante tutta la durata della sintesi, rame e antrachinone sono nocivi.

MATERIALE E ATTREZZATURA NECESARIA:
-Antrachinone :irritante:
-Acido solforico 96% :corrosivo:
-Rame ridotto(va bene quello preparato per riduzione di una soluzione di Cu(II) con Al o Zn)
-Etanolo :infiammabile:
-Carbone attivato
-Termometro
-Pallone a 2 colli da 100ml

PROCEDIMENTO:
Si pongono in un pallone a 2 colli da 100ml 53g di acido solforico concentrato, si aggiungono poi 3,6g di antrachinone finemente polverizzato.
L'antrachinone va aggiunto a piccole porzioni, agitando continuamente per evitare la formazione di grumi non disciolti.
Si forma una soluzione gialla-ocra molto scura.
   
Si aggiungono ora 2,1ml di acqua(ATTENZIONE!!!) goccia a goccia e mescolando di continuo.
Ad ogni goccia di acqua si forma un piccolo precipitato giallo di antrachinone, che per agitazione scompare.
A questo punto si inserisce un termometro e si scalda la soluzione su piastra a circa 40°C.
Nel corso di un'ora e mezza si aggiungono 2,4g di rame ridotto polverizzato, agitando ad ogni aggiunga, e si tiene la temperatura costante per un'altra ora e mezza dopo l'aggiunta.
La soluzione si schiarisce.
   
A questo punto la maggior parte del rame dovrebbe essersi sciolta, si porta il tutto a 85-90°C e nel corso di mezz'ora si aggiunge una soluzione di 4,3g di glicerolo in 4,3ml di acqua.
La soluzione acquista un colore rosso.
   
Successivamente, nel corso di un'ora la temperatura deve raggiungere 120°C gradualmente(deve salire di 1°C ogni tre minuti).
Una volta raggiunti 120°C si mantiene la temperatura costante per altre tre ore.
Trascorso questo tempo si raffredda a 70°C e si versa il tutto in 200ml di acqua bollente(ATTENZIONE!!) facendo scivolare la soluzione acida sulle pareti del contenitore.
   
Il benzantrone precipita come polvere verde scuro che si raccoglie con buchner e si lava più volte con acqua.
Il solido così ottenuto viene posto in un recipiente da 500ml in 300ml di acqua, si aggiungono 3g di idrossido di sodio e si fa bollire per circa mezz'ora.
Il solido viene raccolto, e lavato con acqua fino a quando le acque di lavaggio non colorano la fenolftaleina.
La resa è di 1,9g(48%), il contenuto in benzantrone è dell'87% circa, per purificarlo si agisce come segue.
   
Il prodotto può essere tenuto così, ma consiglio di purificarlo perchè ha un colore davvero molto bello, anche se la resa ne risente parecchio, a meno che non si lavori con quantità 10 volte superiori(capite che lavorando con queste quantità, se perdo 1g se ne va il 25% della resa)
Si pone il benzantrone ottenuto in un pallone da 100ml e si discioglie nella quantità strettamente necessaria di EtOH bollente, e si aggiungono 1,3g di carbone attivato in polvere.
Si scalda la miscela a riflusso per circa mezz'ora.
   
Si filtra poi per gravità, e si raccoglie il filtrato che si presenta come una soluzione gialla, che per raffreddamento da i cristalli di benzantrone.
Si presenta come aghetti gialli, dal leggero odore (non saprei descriverlo :-P), la resa di prodotto puro è stata molto bassa, di 0,1g(2% azz! )ma penso che utilizzando maggiori quantità di reagenti si possa arrivare ad una resa accettabile.Presenta una forte fluorescenza ai raggi UV-A(purtroppo non sono riuscito a fare una foto migliore di questa qui sotto)
      

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ale93 per questo post:
quimico, **R@dIo@TtIvO**, al-ham-bic, Max Fritz
bravo ale. bel lavoro. interessante molecola...
dopo purificazione sembra un altro prodotto asd
ottimo lavoro.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2011-07-16, 11:59)quimico Ha scritto: bravo ale. bel lavoro. interessante molecola...
dopo purificazione sembra un altro prodotto asd
ottimo lavoro.
Grazie!
Infatti purificato e tutta un'altra cosa asd

Cita messaggio
sarebbe bello decarbonilare e ottenere l'arene corrispondente.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2011-07-16, 12:08)quimico Ha scritto: sarebbe bello decarbonilare e ottenere l'arene corrispondente.
Purtroppo ne ho troppo poco!
Comunque se un giorno volessi riprovare la sintesi con quantità maggiori tu come consiglieresti di fare?
Ah un'altra cosa, mi è capitato di leggere di sfuggita che il benzantrone è chemiluminescente...qualcuno ne sa qualcosa?

Cita messaggio
sì beh averne di più potrebbe esser meglio ma io sono abituato a lavorare su quantità nell'ordine dei mg quindi non mi spaventa la cosa. dovrei trovare una metodica... non ho trovato niente, potrei chiedere. mi viene in mente che avevo fatto una riduzione simile con Zn ma non era andata...
anche a me pare di aver letto delle chemioluminescenza di tale composto e dei suoi derivati. difatti i suoi derivati ad esempio sono usati in vivo e in vitro come marker fluorescenti e chemoluminescenti.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Bella sintesi Ale! Peccato per la resa finale, se ne perde tantissimo purificandolo... :-(
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
(2011-07-16, 12:38)**R@dIo@TtIvO** Ha scritto: Bella sintesi Ale! Peccato per la resa finale, se ne perde tantissimo purificandolo... :-(
Grazie!
Comunque OrgSyn lavorando con quantità 20 volte maggiori ottiene una resa del 75%

Cita messaggio
su OrgSyn usano quantità mostruose asd
però almeno esiste un sito così... se no molte preparazioni sarebbero limitate a chi ha accesso a riviste o libri molto costosi...
sarebbe bello farci qualcosa con questa molecola... no?
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2011-07-16, 13:18)quimico Ha scritto: su OrgSyn usano quantità mostruose asd
però almeno esiste un sito così... se no molte preparazioni sarebbero limitate a chi ha accesso a riviste o libri molto costosi...
sarebbe bello farci qualcosa con questa molecola... no?
Ho visto che molti derivati del benzantrone sono coloranti, ad esempio fondendolo con NaOH o KOH si dovrebbe ottenere il Vat Blue 20

Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)