Bilanciamento di una reazione
Dopo aver bilanciato la seguente reazione:

Ag3AsO4(s)  +  SnSO4(aq)  +  H2SO4  -->  Sn(SO4)2(aq)  +  AsH3(g)  +  Ag(s) 

Calcolare : 
 
a) il volume minimo di una soluzione di solfato stannoso 0,20 N necessario da aggiungere a 500 mL di acido solforico al 15% in peso (d = 1,10 g/mL) per ridurre completamente 47 g di arseniato d’argento solido; 

b) la pressione del gas svolto se, dopo averlo fatto passare su opportuno essiccante, viene raccolto a 20 °C in un recipiente di 4,0 litri; 

c) la concentrazione di acido solforico alla fine della reazione (si ritenga costante il volume della soluzione a seguito della reazione). 

Svolgimento:

Reaz bilanciata

2AgAsO4  +  5SnSO4  +  5H2SO4  +  H+  ---->  5Sn(SO4)2  +  2AsH3  +  6Ag  +  8H2O

a)
 nAg3AsO4 = 47g/4620524g/mol = 0.1mol
 
 VSnSO4 = ne eq/ 0.2 eq/L = 0.5/0.2 = 2.5L
             
                   ne (Ag3AsO4)= n*ze = 0.5 eq

b)

P = nRT/V = 0.6atm

nAsH3= 0.1mol

c)

[H2SO4] = nH2SO4/0.5L = 1.68M

nH2SO4 --> 500mL * 1.1 g/mL = 550g --> 15% --> 82.5g/98.08g/mol = 0.84mol
Cita messaggio
Il bilanciamento della redox è sbagliato
I calcoli dei quesiti a) e c) sono sbagliati.

      
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Ca0s, luigi_67
scusami ma non va bilanciato anche l'ossigeno ? ,a SX ce ne sono 48 mentre a DX 42
Cita messaggio
Evidentemente ieri è stata una giornata NO per me :-(

Maledetta arsina, ha ingannato sia te che me: il numero di ossidazione dell'As nell'AsH3 è -3, e questo cambia tutto il bilanciamento della redox.
Sarebbe più giusto scrivere la formula H3As ;-)

Vado a correggere la precedente risposta per non lasciare risoluzioni che potrebbero confondere altri utenti.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Ca0s




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)