CBD
Ciao a tutti, premessa: il Cannabidiolo è una nostanza chimica che NON HA EFFETTI PARTICOLARI SUL SISTEMA NERVOSO E NON È PSICOTROPA. Detto ciò volevo sapere se qualcuno conosce un metodo per determinare quantitativamente e qualitativamente la sua presenza in un campione. Mio padre, per motivi di lavoro, ha bisogno di sapere se è presente questo composto nelle infiorescenze della Cannabis Sativa, che NON CONTIENE THC ED È LEGALE IN ITALIA. Ho trovato su internet un sito in cui vendono appositi tester in cui si fa un TLC e poi si sviluppa con un reagente apposito di cui non si esplicita la formulazione. Qualcuno conosce questa pratica?
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio
Penso che non debba spiegarci certa chimica, la sappiamo. Io ho lavorato su sostanze biologicamente attive, naturali e non :-D
Quello che tu chiedi è che soluzione per TLC serve per rivelare la presenza del solo CBD...
Se non ricordo male, dopo eluizione con miscela ad hoc di solventi (tipicamente Petroleum ether 60/90 - Diethyl ether 80% v/v:20% v/v oppure Cyclohexane/Di-isopropyl ether/Diethylamine
52% v/v:40% v/v:8% v/v) si asciuga la TLC e la si immerge in una soluzione di Diazo Blue B* (50 mg in 1 mL di acqua poi portare a 20 mL con MeOH), asciugare e osservare il risultato. Se si vuole conservare tale TLC si deve procedere immergendo in ordine la TLC in dietilammina - soluzione di rivelamento - dietilammina.

* Fast Blue BB Salt hemi(zinc chloride) salt

Sicuramente esistono altre soluzioni per la rivelazione di queste sostanze ma non ricordo ora tutte le soluzioni.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
NaClO
In generale,dopo aver eluito la TLC con appositi solventi,per visualizzare le macchie si può fare in due modi:vederla con luce UV a 365 nm (se la lastra è fluorescente) o visualizzazione con appositi reattivi.Quest'ultima si può eseguire in due modi:o nebulizzare il reattivo sulla lastra o immergere la lastra in un contenitore contenente il reattivo.Il primo metodo ha come pro che si impiega poco reattivo,si distribuisce in modo omogeneo,possono essere usate soluzioni polari che altrimenti scioglierebbero la silice sulla lastra ed è più divertente da fare.Come contro va eseguita strettamente sotto cappa aspirante accese.Il secondo ha come pro che si può usare dovunque ma come contro si usa molto reattivo,la silice si può staccare dalla lastra ed è un po' noioso.
Questa è la discussione di Quimico sui reagenti spray per TLC: http://www.myttex.net/forum/Thread-Reage...ay-per-TLC
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
Grazie a tutti per le preziose informazioni, ho fatto alcune specifiche perchè molti collegano cannabis a droga e fumo, ma non metto in dubbio le vostre conoscenze, comunque grazie infinite
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)