Cadmio (II) nitrato Sintesi
(2011-06-06, 16:42)quimico Ha scritto: solfuro di sodio Max *Si guarda intorno* col solfato di sodio ci fai poco... sbaglio?
sìsì scusa... volevo scrivere solfuro ovviamente ;-)

Comunque alla fine il senso è quello: il solfuro di sodio è poco adatto, in generale, per la precipitazione dei solfuri metallici.
Cita messaggio
mi attrezzerò per l'idrogeno solforato, mi sembra anche una sintesi più impegnativa così :-)

Comunque domani faccio il test con solfuro di sodio e vedo se precipita solo solfuro di cadmio.
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
appunto. solfuro di sodio non è adatto però non è neanche da tutti magari preparare ed usare idrogeno solforato... resta pericolosetto ma niente di così esagerato se si opera come dio comanda... dai prova il test e magari metti qui foto...
poi fatti spiegare da al o Moreno come operare per usare l'idrogeno solforato ;-)
Cita messaggio
nell'analisi del secondo gruppo analitico in cui vi è anche il Cd++ lo si conferma in soluzione idrolizzando TAA in ambiente acidulato con HCl a caldo.
Dopo pochi minuti precipita il CdS,giallo.
Diciamo che si potrebbe anche procedere per questa via...un po' più complicata ma comunque sia valida poichè liberi in situ H2S
Cita messaggio
Però la tioacetamide è costosetta: per le analisi è ottima, per le sintesi un po' meno... Inoltre potresti ottenerlo molto finemente suddiviso.
Cita messaggio
io ne ho, ma come dice Max è costosa.. quindi vedrò di produrre H2S in situ in modo differente
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
nemmeno in soluzione? in lab la trovo già preparata in Ranvier,non ho idea di quale sia la diluizione e se il solvente sia acqua,non ho idea se ne basti una piccola quantità per far avvenire la precipitazione. Sicuro è che il solfuro ottenuto è in polvere estremamente fine...non ho idea se sia recristallizzabile. Non so quanto sia facile produrre H2S in situ,anche perchè dubito esistano tioammidi più economiche della TAA :-P
Per via inorganica non vedo altre vie che non includano Na2S...
Cita messaggio
mah vedremo.. potrei anche provare con TAA :-)
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
classico metodo l'uso della tioacetamide in presenza di acido a caldo... ma non penso sia il migliore metodo per farti in situ l'idrogeno solforato... anche perché non tutti hanno tioacetamide a portata di mano e non è il massimo da usare per chi non è esperto... non che l'idrogeno solforato lo sia ma...
vorre ricordare che sull'MSDS della tioacetamide è riportato: Anticipated human carcinogen *Si guarda intorno*
Cita messaggio
Carino...
è doverosa una precisazione circa la stechiometria della reazione di salificazione. I gas nitrosi che si svolgono non sono ben precisati: la loro effettiva composizione dipende dalla concentrazione iniziale dell'acido nitrico e dalla temperatura di esercizio delle reazione. Così, se è vero che NO a contatto con l'ossigeno atmosferico si trasforma in NO2, non è altrettanto vero che si formi solo NO2 direttamente. In altre parole i gas nitrosi che si ottengono sono costituiti da una miscela di NO e NO2, che come risultato finale daranno NO2 (causa ossidazione con O atmosferico). Quindi il bilanciamento presentato non è corretto, da qui la strana resa pratica. Il guaio è che stabilire una resa teorica resta difficile, quindi bisogna accontentarsi. ;-)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
**R@dIo@TtIvO**




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)