Calcolare ione solfuro titolazione complessometrica
Avrei bisogno di qualche rassicurazione su questo esercizio(facile pensoL:

Esercizio: lo ione solfuro in una soluz. Incognita e' stato determinato per titolazione indiretta conEDTA
Ad una soluzione contenente 25.0ml di Cu(ClO4)2 0.04332M e 15ml di tampone acetaro 1M (pH=4.5) sono stati aggiunti 25.0ml della soluzione di solfuro incognita e mescolato

Il precipitato di CuS e' stato filtrato e lavato con acqua calda.
Si e' poi aggiunta NH3 al filtrato fino alla comparsa del color blu di Cu(NH3)4^2+ .
La titolazione con EDTA 0.03927M ho richiesto 12.11ml per raggiungere il punto finale alla muresside
CALCOLARE [S2-] (risultato 2.43*10^-2 M)


Allora io mi sono calcolato le moli di edta che hanno reagito nella complessazione di Cu(NH3)4^2+ (sostituz. Legante penso):

Mol edta: 0?03927M * 0.01211l =4.756*10^-4mol

Che essendo al punto equivalente coincidono con le moli di Cu legate con l'ammomiaca (penso)...cioe presenti nel filtrato

Poi mi sono calcolato:
Moli Cu2+ totali nella soluz originaria: 0.04332*0.025= 1.083*10^-3 mol


Ora non so se basta fare la differenza per trovare quelle di Solfuro

E soprattutto quando dice" si e' poi aggiunta NH3 al filtrato fino alla comparsa del color blu",per filtrato intende la soluz liquida di Cu(ClO4)2 oppure il CuS precipitato (quindi solido)?? In genere il "filtrato" e' la parte liquida priva della parte soloda chebera dispera in essa no?

Grazie
Cita messaggio
Sì, per trovare le moli di solfuro basta fare la differenza:
n Cu2+ totali = 1,083·10^-3 mol
n EDTA = n Cu2+ non reagito con S2- = 4,756·10^-4 mol
n S2- = n Cu2+ totali - n EDTA = 6,074·10^-4 mol
M S2- = n S2- / 0,0250 L = 2,43·10^-2 mol/L

Sì, il filtrato è la soluzione limpida di Cu(ClO4)2 privata del CuS solido che va a reagire con l'NH3:
Cu(ClO4)2(aq) + 4 NH3(aq) --> [Cu(NH3)4](ClO4)2(aq)
Il complesso ammoniacale viene poi titolato con EDTA perché quest'ultimo forma un complesso più stabile rispetto a quello ammoniacale:
[Cu(NH3)4](ClO4)2(aq) + Y4- --> [CuY]2- + 2 ClO4(2-) + 4 NH3
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
xshadow
Ho capito

Pero' mi e' sorto un altro dubbio

La titolazione tra il complesso ammoniacale e l'edta e' una reaz di complessazione no?

Ora sono a pH acido e la frazione di edta complessante (Edta^4-) e' ridotta.
Non dovrei considerare cio' quando considero la titolazione?

Che in realta' ho solo una piccola parte di edta che puo' complessare?
Grazie
Cita messaggio
Sì, è una reazione di complessazione:
Cu2+ + 4 NH3 <==> [Cu(NH3)4]2+.........Kf totale = 10^13,3
Cu2+ + Y4- <==> [CuY]2-......................Kf totale = 10^18,8

Non sei a pH acido quando titoli con EDTA perché al filtrato, dopo aver separato il CuS solido, viene aggiunta NH3 in eccesso per complessare gli ioni rameici.

In ogni caso le titolazioni con EDTA si eseguono anche a pH acido.
È vero che la frazione di EDTA disponibile dipende dal pH della soluzione, ma è lo stesso discorso che ho cercato di farti nell'esercizio di conduttimetria per un elettrolita debole (https://www.myttex.net/forum/Thread-Calc...iti-deboli), riguarda l'allegato della mia risposta n. 10.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
xshadow
(2019-01-24, 21:34)LuiCap Ha scritto: Sì, è una reazione di complessazione:
Cu2+ + 4 NH3 <==> [Cu(NH3)4]2+.........Kf totale = 10^13,3
Cu2+ + Y4- <==> [CuY]2-......................Kf totale = 10^18,8

Non sei a pH acido quando titoli con EDTA perché al filtrato, dopo aver separato il CuS solido, viene aggiunta NH3 in eccesso per complessare gli ioni rameici.

In ogni caso le titolazioni con EDTA si eseguono anche a pH acido.
È vero che la frazione di EDTA disponibile dipende dal pH della soluzione, ma è lo stesso discorso che ho cercato di farti nell'esercizio di conduttimetria per un elettrolita debole (https://www.myttex.net/forum/Thread-Calc...iti-deboli), riguarda l'allegato della mia risposta n. 10.

Ci ho pensato tutta la sera e mi sono ricordato il caso acido base che ora mi rammento
In effetti in una reazione del tipo:

HA (debole) + NaOH ---> NaA + H2O

Considero la reazione quantitativa (k molto grande) ma soprattutto se netto ad esempio in soluz. 0.003mol di HA(numero a caso) le faccio reagire tutte con NaOH...cioe ignoro quante di queste 0.003mol di HA soano effettivamente presenti come acido,ignorando la potenziale dissocazione parziale di parte di esse

Qua e 'una titolazione complessometrica e potrebbe in effetti coesisstere un'analogia:

Cioe' le titolo considerando la concentrazione analitica.
Mi trovo quanto complesso CuY^2- si forma.
Se poi mi si chiede la concentrazione di CuY^2- o di rame all' EQUILIBRIO li allora si dovrei considerare la frazione di edta Y^4- ,a pH acidi

CuY^2- <----> Cu2+ + Y^4-

Kb= 1/costante complessamrnto condizionale "B' "

B'= B * alpha(Y^4-)

Cioe la costante condizionale e' uguale a quella "standard" aggiustata per lanfrazione di Y^4-in soluzione.
E da cio' con le varie formule per gli equilibri di complessamento mi calcolo le varie concentrazioni

Esattamente come per la titolaz acido base di prima
Dove poi ottengo "NaA" come prodotto...e anche li se voglio le conc. D'equilibrio devo considerare la costante di protonazione di A- e fare i calcoli

Ma quanto se ne dissocia/protona lo facci SOLO dopo che ho considerato la reaz quantitativa di "titolazione",considerando li le conc. Analitiche.
Sia per le titolazioni acudo-base che per quelle complessometriche


Potresti dirmi se ho detto giusto
Mi sembra di essere abbastanza convincente la cosa...
Grazie.
Cita messaggio
Confermo quello che hai scritto, che vale per tutti i tipi di titolazione, anche per quelle di precipitazione e ossidimetriche.


.doc  Analisi volumetrica.doc (Dimensione: 253 KB / Download: 12)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
xshadow
Grazie per la conferma e il .doc !
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)