Calcolo della f.e.m.
Calcolare la f.e.m. della cella galvanica ottenuta connettendo le seguenti due semicelle: a) una soluzione di AgNO3 0.1 M e b) una soluzione ottenuta mescolando 100 mL di una soluzione di AgNO3 0.1 M con 100 mL di una soluzione di KIO3 0.4 M. Il prodotto di solubilità di AgIO3 è 3,15 x 10-8
L’allegato è l’unica cosa che sono riuscita a fare, non riesco a capire cosa devo fare.. help please!
Cita messaggio
L'allegato non c'è. :-(

Nel testo è sottinteso che in ciascuna soluzione è immersa una barretta di argento metallico, altrimenti la pila non funziona!!!
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
nemrac99
Mi dispiace, eccolo qui. Anche se.. non cambia nulla probabilmente


AllegatiAnteprime
   
Cita messaggio
Beh, in pratica hai scritto solo i dati. :-(
Si tratta di una pila a concentrazione, nella quale il ΔE° è uguale a zero in quanto avviene la seguente reazione:
Ag+(catodo) + Ag(s)(anodo) --> Ag(s)(catodo) + Ag+(anodo)

E(pila) = - 0,05916 · log [Ag+(anodo)]/[Ag+(catodo)]

Ora il tuo problema è capire quale semicella si comporta da catodo e quale da anodo.
In base ai dati forniti per la soluzione b) devi calcolare la concentrazione molare degli ioni Ag+ in soluzione, che è numericamente uguale alla solubilità dell'AgIO3 in presenza di uno ione in comune; quale secondo te???
Anche senza fare nessun calcolo, riesci ad intuire se la [Ag+] nella soluzione b) è maggiore o minore di quella presente nella soluzione a)??? Se è minore, la semicella b) si comporta da anodo; se è maggiore, la semicella b) si comporta da catodo.
Provaci.
Il risultato richiesto è 0,336 V.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
nemrac99
(2019-01-04, 14:39)LuiCap Ha scritto: Beh, in pratica hai scritto solo i dati. :-(
Si tratta di una pila a concentrazione, nella quale il ΔE° è uguale a zero in quanto avviene la seguente reazione:
Ag+(catodo) + Ag(s)(anodo) --> Ag(s)(catodo) + Ag+(anodo)

E(pila) = - 0,05916 · log [Ag+(anodo)]/[Ag+(catodo)]

Ora il tuo problema è capire quale semicella si comporta da catodo e quale da anodo.
In base ai dati forniti per la soluzione b) devi calcolare la concentrazione molare degli ioni Ag+ in soluzione, che è numericamente uguale alla solubilità dell'AgIO3 in presenza di uno ione in comune; quale secondo te???
Anche senza fare nessun calcolo, riesci ad intuire se la [Ag+] nella soluzione b) è maggiore o minore di quella presente nella soluzione a)??? Se è minore, la semicella b) si comporta da anodo; se è maggiore, la semicella b) si comporta da catodo.
Provaci.
Il risultato richiesto è 0,336 V.
grazie mille professoressa! le sono davvero grata perchè non avevo proprio idea di come si svolgessero questo tipo di esercizi.
ho provato a seguire i suoi suggerimenti.. il risultato che mi esce è 0,3386 però.


AllegatiAnteprime
   
Cita messaggio
Il tuo procedimento per la semicella b) è sbagliato perché non hai considerato che il precipitato di AgIO3(s) si forma in presenza dello ione in comune IO3(-), quindi la solubilità del composto poco solubile è minore rispetto alla solubilità in acqua.

   

Dopo aver calcolato la [Ag+] nella semicella b), si può risolvere anche nel seguente modo:

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
nemrac99




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)