Cella Elettrochimica Cd(s) | Cd(2+) (aq) || Ag(+) (aq) | Ag(s)
Salve, potreste dirmi come si procede per questo esercizio?

per la cella elettrochimica  Cd(s) | Cd(2+) (aq) || Ag(+) (aq) | Ag(s) , il ΔΕ° è 1.20V.
Costruendo tale cella a 25°C si misura un potenziale effettivo di 0.93V.
Qual è la possibile spiegazione di tale valore sperimentale?

A. il volume di soluzione di Ag+ è maggiore del volume della soluzione di Cd+
B. Il volume di soluzione di Cd2+ è maggiore del volume della soluzione di Ag+
C. la concentrazione di Ag+ è maggiore della concentrazione di Cd2+
D. La concentrazione di Cd2+ è maggiore della concentrazione di Ag+


Sono abbastanza sicuro che la risposta corretta sia tra C e D ma come faccio a conoscere chi è l'anodo e chi il catodo senza conoscere le concentrazioni o i singoli potenziali standard?
Cita messaggio
Ciao,

I singoli potenziali standard li puoi trovare nelle tabelle dei potenziali di semireazione. quindi puoi valutare in quali semicelle avverrà la riduzione e l'ossidazione.
Cita messaggio
I singoli potenziali standard sono tabulati e quindi li vai a cercare; da questi capisci quale è l'anodo e quale è il catodo.
Poi fai di dovuti calcoli per ricavare il quale rapporto stanno [Cd2+]/[Ag+]^2.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Ok ma quindi non c'è un altro modo? lo chiedo perchè mi è capitato ad un test in cui non avevo la possibilità di consultare nessuna tabella.
Cita messaggio
Per convenzione, nella schematizzazione di una pila si scrive a sinistra l'elettrodo che si comporta da anodo e a destra quello che si comporta da catodo.
Già questa informazione ti può bastare perché, riunendo le due equazioni di Nernst agli elettrodi, si ottiene:

E(cella) = E°(cella) - 0,05916/n e- · log [anodo]/[catodo]
0,93 = 1,20 - 0,05916/2 · log [Cd2+]/[Ag+]^2
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
I Gius
Quoto quanto detto da Luisa,

risolvendo l'equazione puoi calcolarti il rapporto [Cd2+]/[Ag+]^2 che ti da u'informazione qualitativa su quale specie è aumentata di concentrazione.
Chiaramente, puoi prendere come punto di riferimento il potenziale standard di 1.23V al quale corrisponde un rapporto [Cd2+]/[Ag+]^2 = 1, visto che in queste condizioni si considerano 1.0M le concentrazioni delle specie in soluzione.

Un altro spunto di riflessione meno matematico: immaginando di chiudere il circuito della pila, la reazione di ossidoriduzione avviene...come cambieranno le concentrazioni delle specie in soluzione mano a mano che la reazione avviene?
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Ale985 per questo post:
I Gius




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)