Chimica in foto: RNA di 50 anni fa
[Immagine: ?%24responsive%24&wid=700&qlt=90,0&resMode=sharp2]
Crediti: Subha Das
Mentre stava pulendo il suo freezer a –20 °C, Subha Das ha scoperto questa boccetta di acido ribonucleico isolato da lieviti. Das, un chimico esperto alla Carnegie Mellon University, ha raccolto la boccetta diversi anni fa mentre stava rovistando tra le rimanenze del laboratorio di un collega dopo che lui si era ritirato. Il reagente è degno di nota per almeno due ragioni, ha detto Das. Prima cosa, non è mai stato aperto, così in teoria, potrebbe essere ancora utilizzabile. E seconda cosa, mentre stava facendo un po' di lavoro da detective per capire quando fosse stata riempita questa boccetta, la Sigma-Aldrich gli ha detto che l'etichetta con solo scritto Sigma era ancora in uso dopo che nel 1975 le due compagnie si fusero. Così, la data scritta a mano (difficile da vedere) nell'angolo superiore destro dell'etichetta, 7/17/1980, è probabilmente vicina a quando il reagente è stato effettivamente prodotto, ha detto. L'altra data, 1955, è un riferimento al metodo di isolamento dell'RNA usato per estrarre il materiale genetico mentre si minimizzava la degradazione dai sempre presenti enzimi chiamati nucleasi. Das ha un boccetta di RNA dal 2020 che ritiene possa essere testata come confronto per questa reliquia per vedere quanto sia davvero intatta, ma lui detesta aprire questa reliquia di laboratorio.
La chimica è una cosa che serve a tutto. Serve a coltivarsi, serve a crescere, serve a inserirsi in qualche modo nelle cose concrete.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Geber per questo post:
EdoB, AminewWar
E' capitato qualche volta anche a me di riuscire a trovare confezioni di reagenti piuttosto datate e ancora integre: è davvero un peccato aprirle pensando a quanti giri ha fatto quella bottiglia prima di arrivare sul mio tavolo.
Capisco perfettamente l'esitazione dello scienziato in questione: io anche la lascerei così, come un oggetto da collezione che negli scaffali del proprio laboratorio sta sempre bene.
Un saluto
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
Geber
Ah io in lab avevo tantissimi reagenti vecchi, alcuni di inizio Novecento. Alcuni tenuti bene, altri no.
Quelle tenute bene spesso le abbiamo usate dopo averne testata la purezza e l'attività come reagente.
Alcune purtroppo sono state quenchate e gettate nei vari contenitori per rifiuti chimici.
Anche io l'avrei lasciata intonsa. Troppo bella e tenuta bene per essere usata.
Interessante il fatto sia riportato in etichetta il riferimento completo dell'articolo in cui si spiega la metodica di estrazione dell'RNA.
Tra l'altro è un articolo FREE https://www.jbc.org/article/S0021-9258(19)52295-5/pdf
La chimica è una cosa che serve a tutto. Serve a coltivarsi, serve a crescere, serve a inserirsi in qualche modo nelle cose concrete.
Cita messaggio
Dopo tanti anni, ci sta che un prodotto si sia deteriorato, specialmente se questo è già delicato di suo e magari richiede precauzioni specifiche per la conservazione come in questo caso. Per altri prodotti, anche dopo tanti anni, si può essere quasi certi che essi siano ancora buoni, specie se la confezione è ancora sigillata o appare in ottimo stato di conservazione.

Ma questi discorsi li può fare uno come noi: un laboratorio "vero" non ci perde neanche tempo, smaltisce tutto e ricompra nuovo: primo per un discorso di costi (costa meno riacquistare che verificare se il prodotto di 30 anni prima è ancora buono o meno), e secondo ma non meno importante per un discorso di sicurezza: flaconi del passato non hanno l'etichettatura con i requisiti odierni e se succede qualcosa, l'aver utilizzato un prodotto non conforme da quel punto di vista potrebbe rappresentare un problema.

Un saluto
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
Geber
Ah beh certamente. Io vedevo se qualche prodotto era ancora utilizzabile se no volava nel bidone dei rifiuti per intero o lo spengevo per poi gettarlo nella tanica delle soluzioni del caso.
Normalmente si ricomprava nuovo, anche perché non è che avessi tempo di stare lì a testare la cosa. Gli unici reagenti che mi toccava testare ogni tanto erano le soluzioni già pronte della SA di alchil-litio o simili perché bisogna sapere con certezza il titolo di tali soluzioni prima di usarli. E poi va beh i solventi anidri... E altre cose ma... Era routine.
Quando sono passato in azienda o realtà di ricerca si compravano nuovi. Non avevamo tempo da perdere né soldi da perdere. Costa meno ricomprare e poi se devi fare analisi a normativa devi avere tutto a norma.
Però queste storie a me fogano parecchio... Come penso un po' a tutti qua.
La chimica è una cosa che serve a tutto. Serve a coltivarsi, serve a crescere, serve a inserirsi in qualche modo nelle cose concrete.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)