Clara Lazen, 10 anni, scopre una nuova molecola
Liberamente tradotto da un articolo uscito sul The Huffington Post:

Ora che Clara Lazen da Kansas City, Mo. è stata pubblicata in uno dei più importanti giornali di chimica, può dedicarsi ad ottenere un nuovo risultato: finire la scuola elementare. Come c'è riuscita? La bambina di 10 anni stava sperimentando con un kit per rappresentare le molecole in 3D durante un'esercitazione in classe quando si è imbattuta in una molecole dall'aspetto insolito. Il suo insegnante attirato anch'egli da questa molecola, Kenneth Boehr, la fotografò e la mandò ad un suo compagno del college Robert Zoellner, un professore di chimica alla Humboldt State University in California. Zoellner scoprì che il composto chimico semplice ma specifico non era mai stato visto finora. Egli pubblicò un articolo, e Clara e Boehr furono elencati come co-autori. I resoconti variamno su come la scoperta venne fatta. La versione dell'università diceva che la bambina "disposse causalmente" gli atomi giocattolo. Ma in un video apparso in rete Clara sembra dire che il suo modo di disporre gli atomi era intenzionale, che i pezzi "andavano meglio assieme e... apparivano meglio - tutti i buchi dovevano esse riempiti affinché fosse stabile." In ogni caso, Clara è stata citata in una pubblicazione a soli 10 anni, e se un laboratorio può farcela a sintetizzare il composto di Clara, esso potrebbe dimostrarsi anche utile. Due forme della molecola "possono essere di interesse come materiali ad elevata energia," ha scritto Zoellner nell'articolo, che è stato pubblicato nell'edizione di gennaio del Computational and Theoretical Chemistry. Sul sito dell'università è riportato:

If a synthetic chemist succeeded at creating the molecule - dubbed tetranitratoxycarbon for short - it could store energy, create a large explosion, or do something in between, Zoellner says: “Who knows?"


Robert W. Zoellnera, Clara L. Lazenb, Kenneth M. Boehrb "A computational study of novel nitratoxycarbon, nitritocarbonyl, and nitrate compounds and their potential as high energy materials" Computational and Theoretical Chemistry, Volume 979, 1 January 2012, Pages 33–37

Visto che abbiamo gente che ci capisce di chimica computazionale riporto l'abstract in eng:

The Hartree–Fock RHF/6-31G* and density functional B3LYP/6-31G(d) methods were used to determine the structures and properties of the isomers of the first three members of the series Cn(CO3N)2n+2 (n = 0, 1, 2). The first member of the series, C0(CO3N)2, has six possible isomers, di(nitrato-O-)acetylene, cis- and trans-di(nitrato-O,O-)ethylene, the novel di(nitrato-O,O,O-)ethane or bis(nitratoxycarbon), di(nitroso)oxalate and the mixed isomer nitroso(nitrato-O,O,O-)acetate. The most stable of these isomers, both at the Hartree–Fock or density functional levels of theory, is di(nitroso)oxalate, followed by nitroso(nitrato-O,O,O-)acetate, and bis(nitratoxycarbon). The electronic energy of the mixed isomer closely approximates the mean of the energies of di(nitroso)oxalate and bis(nitratoxycarbon). Neither the cis- nor the trans-di(nitrato-O,O-)ethylene could be optimized to a stable minimum on the Hartree–Fock or density functional potential energy surfaces, and the di(nitrato-O-)acetylene isomer was a stable minimum with the Hartree–Fock method but not at the density functional level of theory. Of the two higher members of the series investigated, Cn(CO3N)2n+2 (n = 1, 2), each has two isomers: the nitritocarbonyl-substituted systems — analogous to di(nitroso)oxalate — and the nitratoxycarbon-substituted systems (neglecting mixed isomers containing both nitritocarbonyl and nitratoxycarbon moieties). In these compounds, while the nitritocarbonyl derivatives were found to be significantly more stable thermodynamically than the nitratoxycarbon derivatives, both systems were stable minima on both potential energy surfaces and may be of interest as high-energy materials.

Complimenti a Clara, anche se questo è stato un gran colpo di reni... per non dire di cu... asd

Che ne pensate?
http://www.youtube.com/watch?v=usTpnCwN8...r_embedded

Qui c'è il video... e magari metto anche l'immagine della molecola:

[Immagine: Tetrakisnitrocarbon_%28animated%29.gif]
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
Max Fritz, AgNO3, myttex
(2012-04-04, 11:32)quimico Ha scritto: Complimenti a Clara, anche se questo è stato un gran colpo di reni... per non dire di cu... asd

A volte anche da una inaspettata botta di cu... può venire qualcosa di utile. Speriamo!
Cita messaggio
Ma è fantastico... metto anche io una piccola perla.
Giorni fa, mentre ero in campagna, mi sono imbattuto in un oggettino curioso certamente non fatto da mani d'uomo. Mi sono incuriosito e l'ho fotografato. E' davvero molto interessante perchè da una prima analisi, posso assicurarvi che non fa parte del terreno circostante, ma presenta una composizione particolare, per così dire, anomala. Sicuramente contiene carbonio.


Inutile ricordare che, fino a raggiungimento di un titolo di studi superiore, nessuna pubblicazione ha valore dal punto di vista curriculare.

E che se una scimma scrivesse la formula di struttura del benzene, non riceverebbe mai il premio Nobel, perchè destinato esclusivamente alle specie Homo sapiens sapiens.


AllegatiAnteprime
   
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
(2012-04-04, 23:22)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Ma è fantastico... se una scimma scrivesse la formula di struttura del benzene, non riceverebbe mai il premio Nobel...

L'aggancio per il "tetranitrato" mi sembra calzante... *Fischietta*
Cita messaggio
Beh ho riportato la notizia. A me ha colpito. So benissimo che esser citata non serve ad una cippa...
Per il resto concordo con Moreno...
Saluti ;-)
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Era per dire Kansas City...
Se a Casalpusterlengo, una bimba giocando con le palline colorate le avesse combinate in maniera diciamo così "elegante", sarebbe finita come la piccola Clara?
Sicuramente sì, non c'è il minimo dubbio... *Fischietta*

Cita messaggio
Ah ecco... Ora ho compreso. Sono 1po' tardo alle volte.
Solo perché è negli USA. Qui l'avrebbero mandata da uno psicologo o simili.
Altro mondo... e non so se sia un bene o un male *Si guarda intorno*
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Che roba assurda, di solito i risultati computazionali devono essere sempre accompagnati da dati sperimentali ma da quello che ho capito non sono riusciti ancora a sintetizzarla quindi.....*Fischietta*

Inoltre con Gaussian avevo una volta provato a fare dei calcoli su molecole molto bizzarre, diciamo per vedere che cosa mi tirava fuori ma come ben dite se avessi presentato a qualcuno quelle cose non so come sarebbe andata a finrie :-D

Comunque per curiosità vorrei proprio rifare il loro calcolo e vedere queste strabilianti proprietà di cui parlano. Nell'articolo sono inseriti tutti i parametri quindi perchè non provare.

In America pubblicano davvero cani e porci. Ripeto fare studi computazionali su molecole bizzarre siamo capaci tutti ed è anche molto divertente ma poi la realtà è davvero molto differente.

La comunità scientifica questo lo dovrebbe capire ma forse non è di così facile comprendonio azz!

Voglio proprio vedere come evolve la faccenda e se riescono a sintetizzare la molecola.

Detto questo complimenti a Clara per la sua genialità :-D
Chemistry4888
Cita messaggio
Aspettavo giusto te che ci capisci... Io son negato asd
Se hai voglia prova a leggere l'articolo... Rifare i calcoli è sbattimento?
Finché non la sintetizzano, e ho qualche dubbio in merito, mi sa che è carta straccia.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Io non volevo essere così scettico ma come te anche secondo me non sarà così facile e fisicamente possibile sintetizzare quel composto però mai dire mai....

Da quello spezzone di articolo che hai pubblicato qui (ancora non ho avuto modo di ottenere l'articolo originale) suppongo che con il primo metodo Hartree-Fock (HF) abbiano dedotto la struttura più stabile mentre con il secondo metodo DFT (B3LYP) abbiano simulato le proprietà della molecola. Naturalmente questo è solo una mia supposizione dovrei leggere l'articolo per intero (cosa che farò a breve) per scoprire cosa diavolo hanno fatto.

La basis set utilizzata con il metodo HF è 6-31G*. Quel * presente nella basis set permette il calcolo della polarizzabilità del sistema che determina l'ottenimento di una più corretta geometria del sistema. Ma questo discorso è vano in quanto il metodo utilizzato per questo calcolo è un Hartre-Fock che effettua delle approssimazioni gigantesche per sistemi di quel genere. Quindi ciccia azz!

Quindi anche da un punto di vista computazionale se hanno ottenuto la geometria della molecola con quel metodo (HF), il risultato è molto (ma davvero molto) discutibile. Quel dato è fisicamente e concettualmente errato. Se poi con la geometria derivante da questo calcolo ci hanno simulato le proprietà della stessa ecco intuire che è tanta ma davvero tanta carta straccia.

Al and Co. perchè non facciamo un contro calcolo e scriviamo un contro articolo, che ne dite???

Però non abbiamo 10 anni e non siamo nella Kansas University quindi non lo so se abbiamo speranze, però tenetevi pronti ad accogliere le telecamere dentro casa non si sa mai :-P


Chemistry4888
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Chemistry4888 per questo post:
quimico




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)