Costruzione cappa aspirante
Buonasera  :-D
È da tantissimo tempo che non scrivo su qualcosa di pratico, ma tra università, tesi e altri impicci ho ritagliato in questo periodo un po' di tempo per costruire la mia cappa. Vi descrivo come sono arrivato a farla e metto un po' di foto rappresentative, ma bisogna tener presente che ognuno di noi può partire, per costruirsi una cappa, da materiali e mobili molto vari, e non ha senso dettagliare misure e problematiche tecniche che si riferiscono solo al mio caso.
 
Sono partito da un vecchio mobile/piano di lavoro, che mi regalò molti anni fa il proprietario di una farmacia in via di chiusura, e che io ho sempre usato come deposito per la vetreria (purtroppo non trovo foto del vecchio mobile). Ho quindi smontato le scaffalature e i pannelli posteriori (sostituendoli con una vecchia lavagna che buttavano nelle scuole del mio paese), liberando un grande vano su cui poter lavorare. 

Quindi ho forato il tetto di questo vano, per adattarlo alla bocchetta di ingresso di un aspiratore trifase industriale (che, per fortuna, avevo già in casa, inutilizzato e residuato di una vecchia cabina di smaltaggio, che usava la mia mamma ceramista). Ho poi costruito due carrucole, usando dei piccoli rulli in gomma, e le ho montate sul tettuccio in corrispondenza di quattro fori, nei quali ho fatto passare i due cavi del saliscendi, connessi a due contrappesi (cioè dei tubi idraulici in ferro, riempiti di sabbia e rivestiti da lastre di piombo). 
Il pannello trasparente frontale l’ho fatto con una lastra in PP (leggera, a costo zero, ed eventualmente ben sostituibile), ma ricalibrando i contrappesi si può anche rimpiazzare con un pannello in PMMA o in policarbonato. Questa lastra l’ho montata su un telaio che ho costruito su misura, fatto da più strati in modo da essere facilmente sbullonabile per ispezioni e manovre nel vano di lavoro. Il telaio ha due sporgenze laterali che si adattano bene a due guide che ho avvitato sui due pannelli laterali, e se il tutto è ben ingrassato scorre a meraviglia. Ho montato un pannello superiore, sovrapposto a quello trasparente quando questo è aperto, con due cerniere e un sistema di sostegno, in modo da mantenerlo aperto in caso di bisogno e di manovre alte. L’illuminazione del vano è garantita da un faretto a tenuta stagna che ho avvitato sul tettuccio, con interruttore sul lato destro. Sotto a quest’ultimo ci sono due prese da esterno, utili per piastre e altri aggeggi elettronici che servono nella cappa. Infine ho sistemato il lavandino (che era già integrato nel vecchio mobile), aggiungendo un attacco portagomma per la pompa da vuoto o per i condensatori, e ho bucato il muro che dà sul mio giardino per cementarci un tubo (in inox, da 21,5 cm) che ho connesso all’uscita fumi dell’aspiratore, sigillando debitamente le giunzioni. L'aspiratore l'ho connesso all'apposito sezionatore con fungo d'emergenza (visibile sotto il modulo delle prese/interruttori), al quale ho collegato il cavo di alimentazione trifase che si innesta su una presa vicina.

Le superfici di lavoro sono, per ora, di legno laminato bianco, ma non escludo di piastrellare, in futuro, il piano orizzontale. Un'altra utile miglioria riguarderà l'attacco del gas combustibile, che penso di portare da una bombola esterna a un rubinetto portagomma che dovrei mettere nel vano di lavoro. Dovrò poi mettere una piccola paratia sul bordo del piano di lavoro per contenere eventuali liquidi accidentalmente sversati.

                                                   

I test funzionali, fatti con un po' fumo di combustione e col classicone rame+nitrico, sono più che positivi: non c'è una scia di fumo o di ipoazotide (foto) che sfugga all'aspirazione, neanche con tutti i pannelli anteriori aperti. 

        

Il motore è molto robusto, e le pale e i condotti interni sono verniciati e credo abbastanza resistenti alla corrosione. Nel complesso è un attrezzo che, con un po' di coscienza, può garantire delle sperimentazioni chimiche un po' più serene, togliendo la fastidiosa abitudine che abbiamo di usare sostanze irritanti e tossiche col naso strizzato per evitarne la puzza. Per chi di voi ne abbia la possibilità e la necessità, quindi, è davvero consigliabile rendere prioritaria la costruzione di una cappa o di un semplice vano aspirato, è una cosa che va fatta per rispetto dei nostri polmoni, organi delicati e -cosa poco considerata- difficili da risanare una volta danneggiati
"C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima." V. Hugo, I Miserabili.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ClaudioG. per questo post:
zodd01, TrevizeGolanCz, thenicktm, AminewWar, AndreaChem, Claudio, luigi_67, Roberto, Copper-65
Bellissima! Complimenti, davvero un lavoro ben fatto e con passione per ciò che si studia.
La salute e la sicurezza come hai scritto sono molto importanti. Certo bisogna anche avere un luogo adatto per costruire una cappa, che non tutti hanno.
Sono sicuro che col tempo ti verranno in mente anche molte migliorie, per rendere la cappa "smart" dato che oggigiorno praticamente tutto lo è. In futuro potresti pensare di elettroattuare il pannello trasparente frontale, o mettere dei sensori per la rilevazione di eventuali gas nell'aria eccetera. (o magari qualche led RGB tamarro :-D )
Per quanto riguarda i fumi in uscita, è per caso possibile avere una foto dall'esterno dove suppongo tu abbia il giardino? Sono curioso
Ancora complimenti
Saluti, Niccolò
Più studio la scienza, più credo in Dio.
A. Einstein
L'ateismo è così insensato. Quando guardo il sistema solare, vedo la terra alla giusta distanza dal sole per ricevere le quantità adeguate di calore e luce. Questo non è accaduto per caso.
Sir Isaac Newton
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano thenicktm per questo post:
ClaudioG.
Grazie Niccolò ;-)
Escludo RGB tamarri e automazione del saliscendi, perché io sono un classicone e perché appesantirebbero solo estetica e funzionalità   no no . I sensori avrebbero più senso, ma alla fine in una cappa chimica si può produrre una tal varietà di gas che non saprei che sensori metterci (poi costano, e l'aspiratore tira talmente tanto che nessun gas può accumularsi lì dentro :-D). Quando torno in paese faccio la foto alla bocchetta di uscita fumi.
"C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima." V. Hugo, I Miserabili.
Cita messaggio
Perfetto! Anche se devo dire la verità: sono molto dispiaciuto per i led RGB! Per i sensori esistono anche quelli molto semplici programmabili con arduino, però effettivamente se la cappa aspira così tanto pace.
Attendo ulteriori foto
Più studio la scienza, più credo in Dio.
A. Einstein
L'ateismo è così insensato. Quando guardo il sistema solare, vedo la terra alla giusta distanza dal sole per ricevere le quantità adeguate di calore e luce. Questo non è accaduto per caso.
Sir Isaac Newton
Cita messaggio
Ottima realizzazione direi, fatta con materiali di recupero.
Mi sembra perfettamente funzionante, l'aspiratore che hai installato è molto potente e non penso potrà sfuggire qualcosa.
Decisamente con questo accessorio, non facile da possedere nel proprio home lab, diventa molto più semplice effettuare sintesi senza il timore di dover respirare vapori o gas tossici.
Bravo!
Ciao
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
ClaudioG.




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)