Delucidazioni sulle strutture di Lewis
Salve, vorrei delle delucidazioni sul disegnare le strutture di Lewis.

Prendiamo l'S4O6 

- Io so che si devono contare gli elettroni di valenza di ciascun atomo presente nella formula bruta.

S ne ha 6
O ne ha 6

S4O6 ---> 6 per 10 -->  60

- Divido per due il numero di elettroni ottenuto

60 / 2 = 30 coppie da sistemare nello scheletro

- Disegnare lo scheletro
- Dopo aver sottratto dal totale il numero di coppie utilizzate per formare i legami σ si dispongono le restanti coppie in maniera tale da soddisfare la regola dell'ottetto, ad esempio utilizzandole come coppie solitarie oppure come legami multipli
- Si verifica che il numero ed il modulo delle cariche formali sia il minore possibile ed inoltre che cariche formali positive non si trovino su elementi elettronegativi.

Dal terzo punto in poi non so come continuare. Sto studiando da solo questo argomento e, seppur googlando, non riesco a capire.
Siate gentili se volete rispondere, senza dire "eh vai a studiare".
Dopo aver imparato starò ore a disegnare strutture, la voglia di studiare c'è. :-)
Cita messaggio
Intendi dire lo ione tetrationato S4O6(2-)?
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
(2016-03-08, 21:13)LuiCap Ha scritto: Intendi dire lo ione tetrationato S4O6(2-)?


Volevo prima partire da una molecola semplice e poi arrivare alle strutture degli ioni.
La voglia di imparare le strutture di Lewis è nata proprio da questo ione tetrationato.
Cita messaggio
Mi pare che forse sia meglio partire da qualcosa di più facile di uno ione tetrationato *Si guarda intorno*
Per dire, eh *Si guarda intorno*
Poi non è che moltiplicando a cazzo numeri si ottengono coppie di elettroni da mettere su atomi per formare ioni...
Anche perché i 4 atomi di zolfo non sono tutti uguali, ma sono uguali a coppie... Ok per gli atomi di ossigeno che si trovano sugli atomi di zolfo esterni.

La maniera per ottenere i numeri di ossidazione per un elemento combinato con l'ossigeno è assegnare ad ogni atomo di ossigeno uno stato di ossidazione di -2. Poiché lo stato di ossidazione totale per il tetrationato è -2, e ci sono sei atomi di ossigeno, ognuno con uno stato di ossidazione di -2 per un totale di -12, la somma degli stati di ossidazione degli atomi di zolfo deve essere uguale a -2 - (-12) = +10. Poiché ci sono quattro atomi di zolfo, il loro stato di ossidazione MEDIO è 10/4 = +2.5.

Un numero di ossidazione frazionario NON esiste; questo significherebbe che non tutti gli atomi di zolfo abbiano il medesimo stato di ossidazione. Per esempio, se due degli atomi di zolfo fossero +3 e gli altri due fossero +2, il totale sarebbe +10 e la loro media sarebbe +2.5. Sotto in immagine ho messo la struttura di Lewis di questo ione.

I due atomi di zolfo mostrati in rosso sono ognuno legato a tre atomi di ossigeno e ad un atomo di zolfo, per uno stato di ossidazione di +3; ma essi recano anche un carica formale di +2, così il loro stato di ossidazione è +5. Dall'altra parte, i due atomi di zolfo mostrati in blu sono legati solo ad un atomo di zolfo, e non hanno una carica formale; il loro stato di ossidazione è 0 (zero). Gli stati di ossidazione dei quattro atomi di zolfo sono 5 + 5 + 0 + 0 = 10, o una media di +2.5.

Ricordate che il numero di ossidazione è un formalismo!


AllegatiImmagini
   
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Quimico, non concordo sulla formula di struttura dello ione tetrationato che hai postato ;-)

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
quimico
(2016-03-08, 22:25)LuiCap Ha scritto: Quimico, non concordo sulla formula di struttura dello ione tetrationato che hai postato ;-)
Per quanto riguarda gli ioni invece?
In particolare quello ione tetrationato çwç ?

Grazie mille. ♥
Cita messaggio
Luigi, c'è scritta la formula di struttura dello ione tetrationato S4O6(2-) ;-)

Quando si staccano i due atomi di sodio come Na+, lasciano il loro elettrone di valenza su ciascun atomo di ossigeno, perciò rimane lo ione S4O6(2-).
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Luigi
Passerò la serata a guardare l'Isola dei famosi e a scrivere strutture di Lewis.  :-D

Sto provando a scrivere H3PO4: ottengo 32 elettroni --> 16 elettroni in legami singoli / doppi (fin qui ci sono) e 16 elettroni in 8 coppie non condivise (non capisco)
Per il resto grazie mille, sei proprio brava. Complimenti! :-)

Modifica: 8 coppie non condivise sarebbero le 8 coppie presenti nei 4 O? E allora mi spiegheresti, se ho ragione, le coppie non condivise degli ioni? *^*
Cita messaggio
Video 
Ti assicuro che l'Isola dei famosi e le strutture di Lewis non vanno d'accordo fra loro ;-), meglio questo:


Le coppie non condivise sono i doppietti elettronici facenti parte degli elettroni di valenza di un singolo atomo che non vengono condivisi in legami covalenti con altri atomi.
https://it.wikipedia.org/wiki/Coppia_solitaria

Nell'anione HPO4(2-) su due atomi di ossigeno rimangono 5e- + 1e- lasciato dalla rottura eteropolare di un legame covalente con un atomo meno elettronegativo che determinano complessivamente la carica 2- dello ione.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Luigi




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)