Diagrammi di flusso chimica strumentale
Buonasera,  
Per l'esame di chimica strumentale dovrò scrivere un procedurale per l'analisi di una sostanza incognita. Vorrei sapere se ci sono diagrammi di flusso che permettono di risalire alla tecnica strumentale da impiegare.

Grazie a chiunque spenderà del tempo per leggere e/o rispondere.
Cita messaggio
Che tipo di sostanza sarà? Organica, inorganica, solida, liquida, etc.?
L’analisi può essere distruttiva?
Ci servono più informazioni...
Comunque, secondo me, se è organica giù di 1H-NMR, 13C-NMR ed IR. Con l’IR capisci che sostanza è, poi con l’NMR delinei la struttura.
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano NaClO per questo post:
leonidaspartano
Ciao, grazie per il tempo speso.
In parte hai centrato il problema nel senso che io parto da un determinato analita e poi col diagramma di flusso procedo con lo scartare le varie tecniche per arrivare a quella che mi serve nella descrizione del procedurale. Quindi la mia domanda è se esistono già diagrammi di flusso dove partendo da:

liquido, solido, viscoso, organico, inorganco eccecc con il diagramma e grazie ai vari aspetti presi in esame quali: presenza di cationi anioni atomi, concentrazione, presenza di cromofori ecc, arrivo a delineare il metodo analitico su cui poi costruisco il mio procedurale del laboratorio.
Cita messaggio
Secondo me, bisognerebbe partire da una minima tecnica classica quale il saggio al coccio per capire che sostanza è (inorganica, organica).
Se è organica farei con le tecniche che già ti ho detto. Se lo ritrovo, avevo trovato uno schema per l’analisi IR. Se fosse gassosa la cosa migliore sarebbe una GC-MS...
Non ho moltissima dimestichezza con l’analisi strumentale inorganica, salvo per la spettrofotometria UV-Vis... forse una spettrofotometria di massa?
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano NaClO per questo post:
leonidaspartano
Per ora ho ritrovato questo schema per l’IR... spero ti possa essere utile!


AllegatiAnteprime
   
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano NaClO per questo post:
leonidaspartano
Ciao caro ipoclorito,
grazie per il tempo e le risposte, anche a distanza di giorni. Si, sono questi i diagrammi che intendevo e difatti l'ho salvato subito e messo nel prontuario di spettri. Io ho appena finito con la potenziometria e a breve inizierò la spettrofotometria per finire con la cromatografia. Oggi mi han inviato una prova d'esame "tipo" 

"Matrici di cellulosa riciclata da prodotti igienici possono essere potenzialmente contaminati da farmaci vari e loro cataboliti. 

Proporre punto-punto un metodo finalizzato all'identificazione e alla quantificazione dell'amoxicillina  contenuta in un campione secco di cellulosa da esprimersi in ug/Kg peso secco"
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano leonidaspartano per questo post:
NaClO
Momentaneamente non saprei dirti nulla. Torno a casa stasera, domani di uno sguardo su dei libri. Non ti danno costanti fisiche od altro?
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
Ciao,
la traccia è contenuta tutta nel virgolettato. Da quello che ho capito, lui chiede la serie di operazioni che si effettuano nel compiere l'analisi richiesta. Immagino che visto il campione devo iniziare con un pretrattamento, poi individuo la tecnica analitica giusta e mi porto il campione pretrattato nella concentrazione richiesta dallo stumento per poter compiere l'analisi il tutto scegliendo le giuste modalità operative.
Cita messaggio
Anch'io ho pensato ad una cosa del genere. Il problema è, se non sai nulla sulla molecola, che tipo di pretrattamento fai? E' solubile in acqua? In alcol? etc.

Comunque, idea avuta ora, in questo caso si potrebbe sciogliere il campione in un solvente in cui è solubile l'analita, analisi per determoinare la sua presenza ed una sua quantificazione per HPLC o GC
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano NaClO per questo post:
leonidaspartano
Ciao ;-),
ho pensato una cosa e spero sia corretta. Essendo il farmaco una molecola grande, con un gruppo -OH e un carbossile, è solubile in un solvente polare(devo vedere il sovente che meglio si adatta a tale scopo). Effettuo una estrazione con solvente dell'amoxicillina dalla cellulosa e ottengo quindi l'analita. La mia domanda è "la concentrazione che analizza il cromatografo è dell'ordine del ug/l quindi come so se la mia soluzione è già in quell'ordine o devo effettuare prima una diluizione?"...la tecnica che ad occhio sceglierei è cromatografia liquida ad alta risoluzione e rivelatore UV (HPLC-UV). Cosa ne pensi?

Grazie
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano leonidaspartano per questo post:
NaClO




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)