Domanda sul principio di avogadro e Boyle
Salve a tutti.

Secondo il principio di Avogadro , in stesse condizioni di Temperatura e Pressione, Volumi uguali di Gas diversi contengono lo stesso numero di molecole (o moli).

Dove V/n= costante (V= volume, n=moli)

Tale legge è applicabile ANCHE quando varia la temperatura o la Pressione? O solo quando la temperatura di due gas non varia?

Stessa cosa per la legge di Boyle ? Si può usare quando varia la temperatura?
Cita messaggio
Principio di Avogadro
Una mole di una qualsiasi sostanza allo stato gassoso che si comporti come un gas ideale occupa sempre lo stesso volume, nelle stesse condizioni di temperatura e di pressione.

Alle condizioni normali (c.n.) di P = 1 atm e T = 273,15, il volume di 1 mole (cioè di 6,022·10^23 particelle) di un qualsiasi gas è mediamente uguale a 22,414 L. Questo volume è detto volume molare.
Se cambiano i valori di T e/o P, applicando la legge generale dei gas ideali, si può calcolare il nuovo volume; oppure, noto il volume, si può calcolare il numero di moli.

Legge di Boyle
A temperatura costante, il volume di una data massa di gas è inversamente proporzionale alla sua pressione.

(PV)T = k
Se a T = costante
(P1V1)T = k
e
(P2V2)T = k
allora
(P1V1)T = (P2V2)T

Se variamo la temperatura a pressione costante entra in gioco la
Legge di Charles
A pressione costante, il volume di una data massa di gas varia linearmente al variare della sua temperatura.

VT = V0 + V0·alfa·T, in cui alfa = 1/273,15 approssimativamente per tutti i gas

Se variamo la pressione a volume costante entra in gioco la
Legge di Gay-Lussac
A pressione costante, il volume di una data massa di gas varia linearmente al variare della sua temperatura.

PT = P0 + P0·beta·T, in cui beta = 1/273,15 approssimativamente per tutti i gas
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
NaClO, Rosa
Non ho capito la tua domanda ?
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio
Però non ho capito una cosa: in un esercizio spiegato dal prof, conoscendo la pressione iniziale e il volume iniziale (P1, V1) e il volume finale V2, aumentando la temperatura , posso calcolare la pressione finale (p2) con la formula P1:-P2: V1:V2 presa appunto dalla legge di Boyle, dove P*V= costante.

Ma se la Temperatura varia, come  è possibile tutto ciò? Non dovrebbe essere inapplicabile la legge di boyle, visto che vale quando la temperatura è COSTANTE?

Spero di essere stato chiaro col mio dubbio, grazie in anticipo delle eventuali risposte
Cita messaggio
Santa matematica!!! *Tsk, tsk*
Se
P1V1 = P2V2
allora
P2/P1 = V1/V2
quindi
P2 = P1 · V1/V2

      
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
NaClO




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)