Dubbio su risoluzione pile
Buongiorno,

durante lo svolgimento di alcuni esercizi sulle pile mi è sorto un dubbio: volevo sapere se nel calcolo della fem di una pila è possibile usare, senza alcuna distinzione, sia la formula E= E°-0,059/n x log [specie ridotta]/[specie ossidata] per ogni singolo semielemento della pila oppure usare la seguente: E=ΔE° -0,059/n x log[specie ridotta]/[specie ossidata]. 
Ho posto questa domanda perché, provando ad usare entrambe le formule nella risoluzione di un esercizio, in alcuni casi mi è capitato i risultati ottenuti fossero diversi.
Grazie dell'aiuto.
Cita messaggio
Provo a spiegartelo con un esempio:

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Quindi in pratica si può scegliere liberamente il metodo di risoluzione.
Però continuo a non capire una cosa: come mai se si usa la formula dell'esempio a, le concentrazioni dei vari elementi vanno messi come se fossero entrambe due riduzioni (tutti e due come specie ossidata)?
Cita messaggio
Il potenziale standard è una misura della forza motrice intrinseca di una reazione chimica in condizioni standard. Se le concentrazioni variano, si modifica anche il potenziale.
Per il principio di Le Chatellier, l'aumento della concentrazione dei reagenti fa spostare la reazione verso i prodotti, l'aumento della concentrazione dei reagenti la fa spostare verso i reagenti.
Se reagenti e prodotti sono la forma ridotta e la forma ossidata di una specie chimica, l'equazione di Nernst ci dice quanto aumenta o diminuisce il potenziale di riduzione della specie chimica rispetto al potenziale standard.
Tutte le reazioni che compaiono nella serie elettrochimica degli elementi sono scritte come delle riduzioni, assegnando per convenzione un potenziale di riduzione standard uguale a 0 V allo ione H+.
Cd2+ + 2e- <==> Cd E° = -0,402 V
Ag+ + e- <==> Ag E° = 0,799 V
Questo significa che lo ione Ag+ ha un potenziale di riduzione standard maggiore dello ione Cd2+, quindi il verso spontaneo del primo equilibrio è da destra verso sinistra, mentre quello del secondo equilibrio è da sinistra verso destra.
Se la concentrazione della forma ossidata è >1 M, il potenziale di riduzione totale aumenta rispetto ad E°:
E Ag+/Ag = 0,799 - 0,059 log 1/2 = 0,817 V
Se la concentrazione della forma ossidata è <1 M, il potenziale di riduzione totale aumenta rispetto ad E°:
E Ag+/Ag = 0,799 - 0,059 log 1/0,5 = 0,781 V
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Monty




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)