Elettronegatività e legame chimico
Salve a tutti, vi scrivo perché ho qualche difficoltà nel capire come identificare il tipo di legame chimico dalla differenza dell'elettronegatività. Alcuni testi dicono che una differenza al di sopra di 1,5 indica un legame ionico, altri alzano questa soglia a 1,7 ed infine in alcuni forum inglesi la portano a 2. Qual'è la realtà? Grazie per il vostro aiuto.
Cita messaggio
Ogni autore riporta un valore diverso in quanto in natura, non si passa mai dal bianco al nero in modo diretto senza passare da una scala di grigi ;-)
Quindi il legame tra due atomi ha carattere prevalentemente ionico se la differenza di elettronegatività è maggiore di 1,5 (o 1,7 o 2,0).
Per informazioni più dettagliate mi documento.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Grazie mille. Ad esempio, i legami che si instaurano nel composto SF4  sono ionici o covalenti?
Cita messaggio
A temperatura ambiente l'SF4 è un gas, quindi non può essere un composto ionico.
I composti ionici sono tutti solidi a temperatura ambiente.
Nei composti ionici gli ioni esistono già allo stato solido. Quando vengono disciolti in un solvente polare come l'acqua avviene il fenomeno della dissociazione ionica, ovvero la formazione di ioni in soluzione acquosa già preesistenti.
L'SF4 reagisce invece con l'acqua decomponendosi:

SF4(g) + 2H2O(l) --> 4HF(aq) + SO2(aq)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
emanuele marra
vi invio a questo punto le mie soluzioni relative a questo esercizio:
Classificare i seguenti composti come ionici o covalenti, indicare quali possono formare un legame dativo: a) NO; b) NaNO3; c) ZnCl2; d) BCl3; e) NH3; f) SF4; g) BaH2; h) XeF2.
a) covalente
b) 1 legame ionico (Na-O), 1 legame dativo (N-O) e 2 legami covalenti (N-O)
c) covalente
d) covalente
e) covalente
f) covalente
g) covalente
h) ?????

cosa ne dite? nel caso di XeF2 non saprei rispondere......grazie mille.
Cita messaggio
Covalente.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Igor per questo post:
emanuele marra
A mio modesto parere la domanda posta in quel modo è un po' ambigua.
Ad esempio, nell'NaNO3 i legami tra i diversi atomi sono quelli che hai scritto.
Nonostante questo, l'NaNO3 è un composto ionico, in quanto quando viene fuso (è solido a temperatura ambiente) conduce la corrente elettiva. Questo significa che il suo reticolo cristallino è formato, già allo stato solido, da cationi (Na+) e anioni (NO3-).
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
emanuele marra
Sono d'accordo......la domanda ha messo in crisi la maggior parte di chi ha fatto l'esame di chimica inorganica. Il testo dice di identificare quali sono composti ionici o covalenti, perfetto, ma  ciò che ha creato confusione è stata la frase "quali possono formare un legame dativo". A me è venuto in mente solo quello.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)