Esercizi stechiometria (solubilità, tampone, pH)
Eh lo so, questo semestre è un grande punto interrogativo.
Comunque,

1. Grazie!!!
2. 2Cl2 + 4 OH - *equilibrio* O2 + 2H2O + 4 Cl-
Cita messaggio
2. Corretta.
Come vedi dalla redox, il cloro ossida gli ioni idrossido ad ossigeno , riducendosi a ione cloruro.
Trovo sbagliato scrivere che "il cloro può ossidare l’acqua in ambiente alcalino". :-(
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Quindi la risposta è sì, avviene e "lo confermo" riconducendomi al fatto che fem > 0?

1]Una soluzione contenente 7.45 * 10 ^ -3 moli di un elettrolita binario AB in 1000 g di H2O ha punto di congelamento a -0.0275 ° C. Sapendo che la KCr dell’acqua è -1.86 ° C kg / mol calcolare il grado di dissociazione dell’elettrolita.

Non capisco se alfa sia 0.99 o 0.50.
Solitamente con il docente di stechiometria non abbiamo mai calcolato i (se elettrolita forte), però su internet trovo discordanze su questo esercizio.
Io qui troverei la molalità --> moli in 1000 g di solvente.
Guarda caso ho 1000 g di solvente e faccio rapporto moli consumate/iniziali e 0.50.
Cita messaggio
O2 + 2 H2O + 4 e- <==> 4 OH-.........E° = 0,40 V
Cl2 + 2 e- <==> 2 Cl- ......................E° = 1,36 V
Questo significa che il Cl2 ha un potere riducente maggiore dell'O2, quindi il primo equilibrio evolve spontaneamente da dx a sx, il secondo da sx a dx.
Il potenziale standard della cella è molto semplicemente:
E°(cella) = 1,36 - 0,40 = 0,96 V > 0

Se l'esercizio chiede di calcolare il grado di dissociazione significa che l'elettrolita binario AB è debole, quindi per forza bisogna calcolare il fattore di dissociazione i con i dati a disposizione. :-(
La molalità della soluzione dell'elettrolita binario AB è 7,45·10^-3 mol/kg acqua.
Il punto di congelamento teorico di questa soluzione è:
0,00 - Tc = 1,86 °C·kg/mol · 7,45·10^-3 mol/kg = -0,0139°C
Poiché il punto di congelamento sperimentale è -0,0275°C, significa che l'elettrolita non è completamente dissociato e il suo fattore di dissociazione i è:
i = -0,0275°C/-0,0139°C = 1,98
i = [1 + alfa(2 -1)]
alfa = i - 1 = 1,98 - 1 = 0,98
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Calcolare alfa come 7.39 * 10 ^ - 3 (consumate) / 7.45 * 10 ^ -3 iniziali, stessa cosa giusto?
Cita messaggio
Come hai calcolato 7.39 * 10 ^ - 3 (consumate)???
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
(2019-01-27, 18:02)LuiCap Ha scritto: Come hai calcolato 7.39 * 10 ^ - 3 (consumate)???

Avendo solo questi dati... dato Kcr ed il punto di congelamento, ho individuato la molalità.
Non avrei mai pensato di usare T teorica/sperimentale, sinceramente.
Specie se fossi stato all'esame asd
Cita messaggio
No, non è la stessa cosa. Se così fosse il grado di dissociazione dovrebbe risultate identico con tutti i decimali possibili, e non è così.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Grazie mille carissima, come sempre
Cita messaggio
Al termine della dissociazione di un elettrolita debole binario AB abbiamo:
n AB rimaste = n0(1-alfa)
n A+ = n B- formate = n0alfa
n totali = n0(1+alfa)
L'abbassamento crioscopico dipende dal numero di particelle totali presenti in soluzione, quindi da quelle di AB rimaste indissociate e da quelle degli ioni formati.
Sostituendo i valori numerici si ha:
0,0275 = 7,45·10^-3 · (1 + alfa) · 1,86
Risolvendo:
alfa = 0,98
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Luigi




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)