Esperimenti su pila Daniell ricaricabile
salve come avevo detto antecedentemente sto proseguendo i miei studi ed i miei esperimenti su una pila Daniell ricaricabile . Io credo che questo tipo di pila potrebbe essere utilizzata ancora oggi dopo più di 100 anni dalla sua versione originale , naturalmente apportando le opportune modifiche  che la tecnologia di oggi ci consente :

Un esempio scolastico della pila è questo :
[Immagine: pila-daniell.jpg]



Ora come si può vedere questo modello è solo teorico e non riuscirebbe mai a poter  accendere una lampadina , per svariati motivi e per prove pratiche già effettuate  . In primis l'intensità di corrente è irrisoria , secundis il voltaggio è solo di 1.2 V .
Mostro in anteprima una mia idea di lavoro . Dopo avrò tempo di commentarla .

  1. Chi vuol essere lieto sia del doman non vi è certezza .
Cita messaggio
Metti in minuscolo il titolo, per favore ;-)
Cita messaggio
Se inserisci nel circuito una lampadina adatta e se utilizzi soluzioni acquose più concentrate di 1 M la lampadina si illumina eccome :-)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Ne realizzai due qualche mese fa per far vedere come funzionava la cosa a mio figlio piccolo, fatte esattamente come nello schema.
Un elemento accende un led giallo, due elementi messi in serie in serie riescono ad accendere un led rosso. Se le lastrine metalliche utilizzate non sono minuscole e le soluzioni sono abbastanza concentrate, anche una piccola lampadina da 1,5V può accendersi senza problemi.

Devi utilizzare accorgimenti per tenere più bassa possibile la resistenza interna della pila... su questo il ponte salino ha una grossa responsabilità.

Per la cronaca, il led rosso nella configurazione come dicevo sopra è rimasto acceso tre settimane....
Buon divertimento.... :-)


Un saluto
Luigi
Cita messaggio
Visto che il ponte salino ha una resistenza interna elevata,io proverei con questa conformazione: http://blog.libero.it/paoloalbert/13501471.html
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
Ma hai letto bene il post di Al NaClO ?? La sua configurazione gli ha dato problemi non da poco...il setto poroso aveva una resistenza elettrica troppo elevata.
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano TrevizeGolanCz per questo post:
NaClO
Vi metto una foto di quello che ho fatto io.... 
Nei becher ho messo due laminette metalliche per aumentare la superficie esposta e come ponte salino ho utilizzato un tubicino ripieno della soluzione salina e chiuso alle estremità con dell'ovatta sintetica.
La cosa è migliorabile ma già così ha avuto un buon risultato.

   

Ho anche ritrovato gli appunti che avevo preso all'epoca (è di un anno fa, pensavo meno....), il tempo di sistemarli e magari posto l'esperienza qua.

Un saluto
Luigi
Cita messaggio
Ok grazie per le risposte , ma vorrei mostrare quello che ho realizzato .
Nella foto allegata ho disposto 10 elementi o celle composte da lamine di Zinco e spire di rame per aumentare il contatto delle soluzioni .
Ho ottenuto una tensione superiore a 12 V esattamente 13.8 V .

Confermo nuovamente che il ponte salino ha una resistenza troppo elevata per poter pensare di fare una pila decente . Il setto poroso è troppo pesante , quindi come soluzione nemmeno l'ho considerato . Quello mostrato da luigi è l'esempio classico della pila , ma anche esso da scartare ai fini pratici . 
Nella foto sotto mostro cosa ho realizzato . Sul fondo delle celle vi è una apertura che mette in comunicazione i due compartimenti anodo e catodo , a separarli ho messo della bentonite , qualche cc . di lettiera per gatti . La pila funziona perfettamente . Ho acceso una lampada a tre led , che è stata funzionante per oltre un mese . Avevo previsto che doveva rimanere accesa per oltre 3 mesi i base ai reagenti chimici messi nelle celle , ma l'ho fermata prima ,per verificare le condizioni degli elettrodi se si erano consumati . 
Direi che erano poco usurati . Ho fatto delle prove di ricarica  di qualche ora , saltuariamente e la pila sembrava ricaricata, aumentava la tensione , che da 11-12 V arrivava a oltre 13.5 V .
Seguono altre note.


AllegatiAnteprime
      

  1. Chi vuol essere lieto sia del doman non vi è certezza .
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano experimentator per questo post:
zodd01, NaClO
Puoi descrivere meglio come hai realizzato questa pila ?
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano zodd01 per questo post:
NaClO
(2017-04-12, 14:39)TrevizeGolanCz Ha scritto: Ma hai letto bene il post di Al NaClO ?? La sua configurazione gli ha dato problemi non da poco...il setto poroso aveva una resistenza elettrica troppo elevata.
Non per far polemica:Letto,ma ha detto anche che il setto ha una resistenza minore.
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)