Esplosivi: combustione o decomposizione?
Salve ragazzi avrei un dubbio riguardo le reazioni degli esplosivi.
non ho ben capito se la reazione che provoca l'esplosione è dovuta a una loro instabilità intrinseca che ad alte temperature (innesco) è responsabile della reazione o se quest'ultima sia dovuta a una reazione di ossidazione dell'esplosivo. Da come mi è parso di capire, le reazioni sono dovute a un'iniziale decomposizione che poi genera autonomamente ossigeno per le successive ossidazioni di eventuali molecole di azoto o atomi di carbonio con sviluppo di gas. La reazione a cui vai incontro il composto di partenza (l'esplosivo) è quindi di decomposizione? Oppure è paragonabile, dal punto di vista chimico, a reazione come la combustione del petrolio o i vari idrocarburi (anche se questi non contengono ossigeno nelle loro molecole?
Un ultimo dubbio a riguardo. In molti casi, il carattere esplosivo è dovuto al gruppo nitro -NO2. Però non trovo da nessuna parte il motivo. Ho pensato che forse i legami N-O sono più instabili e quindi c'è una maggiore facilità di scissione con conseguente formazione di 02 che fungerà poi da ossidante verso altre sostanze e di N2 che assieme a 02 sarà responsabile dell'onda d'urto (oltre ad essere anch'esso ossidabile in NOx). Inoltre i gruppi NO2 sono gruppi disattivanti, che aumenterebbero l'energia immagazzinata in un composto che si libera poi con la detonazione/deflagrazione.
Voi che dite? Avete atri suggerimenti? perchè sto preparando la tesina proprio sugli esplosivi e a riguardo volevo chiedervi se conoscete qualche esplosivo con sintesi interessante che posso illustrare, magari a più step e che potrebbe interessare la commissione.
PS: è ben accetto qualsiasi consiglio, dritta, curiosità a riguardo. Anche una pagina, un sito o una lettura. Chi più ne ha, più ne metta ;-)
Grazie mille e scusate le numerose domande!!
Cita messaggio
Non so se si possa parlare di "sintesi di esplosivi" in questa sede.
A me è venuta in mente la sintesi della nitrocellulosa (o fulmicotone), anche perché potresti fare un bel collegamento con un racconto di Primo Levi contenuto nel suo libro "L'altrui mestiere":

http://www.einaudi.it/libri/libro/primo-...8885842357

https://www.tes.com/lessons/aQt2_OutvmKf...correzione
Il racconto lo trovi cliccando su PDF 4
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
NaClO, luigi_67
Ciao Prof Luisa, domani lo leggerò sicuramente!
Per le sintesi se non è possibile parlarne nessun problema.
Per le altre domande mi sa dire qualcosa?
Cita messaggio
Mi pare (ma ne sono quasi certo) che di esplosivi non si può parlare.Poi si vedrà con i moderatori.
Saluti,
Riccardo
"L'importante è non smettere mai di farsi domande.La curiosità ha buoni motivi di esistere."
                                                                      -Albert Einstein-
Cita messaggio
Ci sono interi libri su tale argomento. Io ne possiedo diversi e sono libri da università, oltre a qualche altro trovato in mercatini/rigattieri. E no, non li invio né presto :-D se chiedete.
Non è argomento, specie la sintesi, da trattarsi qui. Mi pare fosse chiaro, anche da regolamento.
Può essere interessante parlare in termini termodinamici e cinetici ma in via teorica...
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
NaClO
Se non erro tutti gli esplosivi "utili" nell'industria si decompongono o per lo meno non hanno bisogno di un comburente per agire come tali. La presenza di azoto è frequente poichè dopo la decomposizione si forma
N2 che ha il più forte legame covalente puro, la formazione di questo legame rilascia molta energia. Al contrario rompere questo legame è molto difficile e richiede parecchia energia(guarda caso l'azoto gassoso è spesso inerte).
Spero di non avere infranto troppo il regolamento ma soprattutto di averti risposto.
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano EdoB per questo post:
LordDominic, luigi_67
Questo degli esplosivi è un argomento delicato a duplice dubbio di censura , specie con i tempi che corrono adesso, ma credo che in rete si trova di tutto e di più per chi ha cattive intenzioni .
I nitrati e i perclorati utilizzati nella miscela hanno l'evidente funzione di fornire l'ossigeno necessario alla reazione che in in ogni caso è una reazione di ossidoriduzione , in ogni caso è una vera è propria combustione, solo che l'ossigeno necessario non viene preso dall'aria ma è nella stessa miscela e quindi può esplodere anche in assenza di aria .
Questo è quanto si può dire dal punto di vista chimico , fornire la formula di una miscela esplosiva credo sia al di fuori degli obbiettivi del forum .

Ciao.

  1. Chi vuol essere lieto sia del doman non vi è certezza .
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano experimentator per questo post:
luigi_67, NaClO
Domenico non ha chiesto come sintetizzare esplosivi ma solamente la modalità con cui la reazione che ha come effetto l'esplosione avviene: sono convinto che non ci sia nulla di male a parlarne e anzi ritengo l'argomento degno di essere trattato in quanto interessante al pari di tanti altri.

Sarebbe come se su un forum di fisica non si parlasse di fissione atomica perché sennò qualcuno ci fa le bombe nucleari... Volenti o nolenti la chimica è anche questa e, non parlarne, non risolve il problema dell'uso distorto che può farne chi ha cattive intenzioni.

Un saluto
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
RhOBErThO, Roberto, LordDominic, NaClO, TrevizeGolanCz
(2017-06-03, 12:28)luigi_67 Ha scritto: Domenico non ha chiesto come sintetizzare esplosivi ma solamente la modalità con cui la reazione che ha come effetto l'esplosione avviene: sono convinto che non ci sia nulla di male a parlarne e anzi ritengo l'argomento degno di essere trattato in quanto interessante al pari di tanti altri.

Sarebbe come se su un forum di fisica non si parlasse di fissione atomica perché sennò qualcuno ci fa le bombe nucleari... Volenti o nolenti la chimica è anche questa e, non parlarne, non risolve il problema dell'uso distorto che può farne chi ha cattive intenzioni.

Un saluto
Luigi

Ti ringrazio molto Luigi, tanto oramai sul web ci si trova di tutto. Ho capito che la sintesi non è possibile saperla ma mi sembra di aver fatto anche altre domande.  si si
è che anche l'effetto disattivante dei gruppi nitro contribuisca ad aumentare l'energia interna delle molecole che lo possiedono e che poi si libera come calore dopo l'innesco? consigli su molecole da portare? curiosità? pareri o quant'altro?
Cita messaggio
Ritornando a ciò che chiede LordDominic, ribadisco ciò che ho scritto sopra e sottolineo che gli esplosivi si dividono in due, i primi sono miscele di più sostanze che spesso necessitano di un comburente; i secondi sono sostanze pure che non hanno bisogno di comburenti non tutti gli esplosivi però esplodono allo stesso modo. Alcuni devono essere sollecitati in un certo modo creano un'onda d'urto che si propaga nell'aria con velocità superiore a quella del suono. Altri devono essere confinati o compressi per causare un'esplosione meccanica ovvero la rottura o aumento in volume del recipiente in cui sono contenuti.
ES.
Esplosioni meccaniche:
Un petardo
Un colpo d'arma da fuoco
Esplosioni chimiche:
Esplosivi utilizzati in campo militare
Esplosivi utilizzati in campo industriale (vorrei fare ma non Posso!)
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano EdoB per questo post:
NaClO




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)