Generatore di alte rensioni
Video 
Segnalo qui la presenza su YouTube di 2 miei video (una serie di diapositive + video) riguardanti la realizzazione
di un generatore di alte tensioni con possibilità di regolarne le tensioni in uscita.
Il generatore viene da me adoperato per prove sulla rigidità dielettrica di isolanti e sulle loro correnti di dispersione.
Sotto foto del generatore.
   

Qui i video ricchi di particolari tecnico pratici, in uno dei video si può anche osservare la formazione per il tempo di 30 msec di un fulmine globulare.
video 1
video2 
Questa realizzazione non è per tutti: richiede una discreta competenza in campo elettrotecnico ed elettronico, perchè data la presenza
di grossi condensatori,  se usato in modo improprio può essere  pericoloso.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Claudio per questo post:
Geber, thenicktm, TrevizeGolanCz, luigi_67
Riprendo dopo tanto tempo questo topic... volevo dire che ho finalmente visto entrambi i video relativi alla progettazione e realizzazione dell'apparato descritto. Li ho trovati molto interessanti e quello che mi è piaciuto molto è stato il seguire i ragionamenti e i calcoli, spiegati in maniera dettagliata, che hanno portato alla realizzazione delle diverse parti vitali dell'apparato.

Noi al lavoro abbiamo uno strumento che utilizziamo per le prove di rigidità dielettrica sui cavi di media tensione: esso è capace di generare tensioni fino a 130 kV in corrente continua, in corrente a frequenza industriale e a frequenza di 0.1 Hz (mi sembra, se non ricordo male): quest'ultima in particolare sembra "stressare" meno i cavi durante la prova.
La normativa prevede che la prova sui cavi sia effettuata ad un valore di 4 volte la tensione nominale degli stessi, quindi su un cavo ad esempio a 12 kV occorre effettuare la prova a 48 kV. Tale attività comporta una situazione di "stress" del cavo e per evitare danneggiamenti deve essere eseguita secondo precise procedure. Queste prove si fanno in genere su linee nuove con cavi di nuova fornitura e posa: su linee già in servizio magari da anni laddove magari si è sostituito un pezzo di cavo, si evita la prova strumentale sull'intera linea in quanto mandare 4 volte la tensione nominale su cavi in servizio da diversi anni potrebbe danneggiarli. In questi casi si preferisce effettuare la prova strumentale sulla sola parte "nuova"
e provare l'intera linea alimentando la stessa con la tensione nominale e con un periodo di osservazione di 24 ore: se non si rilevano anomalie, il test è positivo.

Giusto per curiosità... quello che abbiamo noi ha un costo di circa 50000 euro (avete letto bene, si, e ce ne sono alcuni che costano molto di più...) e per usarlo occorre che gli operatori facciano un corso specifico dato che si lavora con tensioni tali che se non gestite in maniera opportuna possono fare gravi danni alle infrastrutture e risultare mortali per le persone in caso di incidenti.

Ottima realizzazione comunque, complimenti davvero!
Un saluto
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
Claudio
Che bello leggere anche di queste discussioni. Almeno si parla oltre a Chimica anche di altro.
Premetto che le mie conoscenze nel campo sono ridicole. Ma leggo con piacere per ampliare le mie conoscenze asd
Scusa la domanda Luigi, che lavoro fai?
La chimica è una cosa che serve a tutto. Serve a coltivarsi, serve a crescere, serve a inserirsi in qualche modo nelle cose concrete.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)