Guida per il contenimento dei liquidi
Salve ragazzi
sono in procinto di acquistare delle bottiglie per stoccare solventi, acidi e liquidi vari, sono all'inizio della mia esperienza amatoriale e non ho esperienze in laboratorio chimico. Ho utilizzato la funzione ricerca sia sul forum che sul browser ma stranamente non riesco a trovare un argomento a riguardo, io non ho esperienze e dunque mi affido a voi:
Per lo stoccaggio dei liquidi sono disponibili sul mercato tanti tipi di contenitori dai prezzi diversi, se non vado errato le bottiglie ISO di vetro (quelle col tappo blu) sono le migliori per contrastare la fuoriuscita di vapori ma anche molto più costose dei flaconi tondi in vetro (giallo o trasparente...). Sono a conoscenza che certe sostanze hanno richieste tecniche particolari in base alla loro reattività e vengono contenute in recipienti appositamente scuri, metallici e che altre possono essere conservate addirittura nelle bottiglie PET, ma la mia domanda è: per un esperienza più pulita possibile, per evitare la fuoriuscita di vapori, condensa e tutte le scomodità del caso, quali tipi di contenitori acquistereste per rifornire un laboratorio? Il buonsenso mi dice che per ammortizzare i costi i liquidi più impegnativi devono essere contenuti in bottiglie di alta fattura come le  ISO mentre sostanze più tranquille possono benissimo essere contenute in recipienti meno dispendiosi come flaconi, i contenitori originali dall'acquisto e i contenitori dell'acetone e simili della ferramenta.
Cita messaggio
Ciao, bisognerebbe valutare caso per caso. Se hai un elenco delle sostanze specifiche sei già a metà dell'opera. 
Io conservo
- Acido nitrico concentrato, l'acido acetico glaciale e diversi solventi (iso-esano, eptani, toluene, metanolo anidro, acetone tecnico ecc.) in bottiglie da 500 o 1000 mL come =392&fs_ps=&fs_dt=grid&fs_page=1]queste. Essendo scure rallentano la decomposizione fotochimica di alcune sostanze (vedi eteri e HNO3), sono economiche, ma spesso cade la goccia lungo la parete esterna dopo aver versato. Questo problema si può evitare con

- Le bottiglie col tappo blu (cioè queste), in cui conservo l'acido solforico, l'acido cloridrico tecnico, le soluzioni acquose di acidi minerali e acetico, alcuni solventi e lo iodio. La scelta è determinata dal fatto che il collo è largo è perfetto per versare solidi granulari come lo iodio, sono meno prone allo sgocciolamento lungo la parete esterna dopo aver versato un liquido ma costano di più. 

-Bottiglie in materiale plastico fluorurato sono utili per conservare diverse sostanze, io le uso per le soluzioni acquose di uso comune (NaCl, NaOH a diverse concentrazioni, NaHCO3, Na2CO3 ecc.). Sono un po' overkill ma ho un amico che mi da quelle che buttano in un laboratorio. Prima di usare queste ne usavo di ben più comuni ed economiche, ovvero queste.

Poi per la maggior parte dei reaganti acquistati da venditori seri (non ebay o simili per intenderci) sono perfette le bottiglie in cui sono vendute le sostanze. Gli unici casi in cui effettuo un travaso dopo l'acquisto sono quando mi serve un taglio più piccolo (ad esempio l'acido solforico, acetico, nitrico, acetone, toluene ecc. che arrivano in bottiglie da 2,5L) e per l'acido nitrico che se viene venduto nella plastica, col tempo, tende a indebolirla.
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano EdoB per questo post:
Darwin
Ciao Edo


Citazione:- Le bottiglie col tappo blu (cioè queste), in cui conservo l'acido solforico, l'acido cloridrico tecnico, le soluzioni acquose di acidi minerali e acetico, alcuni solventi e lo iodio. La scelta è determinata dal fatto che il collo è largo è perfetto per versare solidi granulari come lo iodio, sono meno prone allo sgocciolamento lungo la parete esterna dopo aver versato un liquido ma costano di più. 


pare strano....... ma le bottiglie della duran che ho in lab sono con tappo rosso  :-D

ed altre in vetro ambrato (sempre tappo rosso ) 

il sotto-tappo è in teflon .

la differenza tra tappo rosso e tappo blu è la temperatura massima di utilizzo ( tappo rosso 180 °C , tappo blue 140°C )

eccole 

   

   


cordialmente 

Francy
 la musica, con i suoi suoni ,riesce ad aprire quella parte del nostro cervello dove sono rinchiusi i nostri ricordi.
"Francy De Pa"
Cita messaggio
Quelle col tappo blu non hanno nemmeno il sottotappo! Negli ultimi tempi sto cercando dei tappi come quelli in questione ma che abbiano un setto di gomma da perforare con gli aghi, so che esistono ma non riesco a trovare qualcuno che me li venda
Cordiali saluti,
Edoardo 


"Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e sulla prima ho dei dubbi"  (A.Einstein)
Cita messaggio
Ciao Edo!
Prova a vedere dal catalogo Duran, lì sicuramente ci sono, almeno vedi come li chiamano.
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)