Identificazione minerale
Un'interessante distinzione tra gli ossidi e i solfuri di ferro(II) è che mentre FeO ha un analogo in FeS, non esiste nessun analogo perossido di FeS2 (piriti di ferro). Il solfuro FeS viene fatto scaldando assieme gli elementi; è stato scoperto in campioni di rocce lunari e adotta la struttura cristallina del NiAs. La reazione di FeS con acido cloridrico è usata come classica sintesi da laboratorio di H2S.
La pirite di ferro è Fe2+(S2)2- e contiene Fe(II) a basso spin in una struttura tipo NaCl distorta.
La chimica è una cosa che serve a tutto. Serve a coltivarsi, serve a crescere, serve a inserirsi in qualche modo nelle cose concrete.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Geber per questo post:
fosgene
Non ho fatto saggi siccome non voglio rovinare il minerale anche perché di pirite ce n'è proprio poca e comunque siamo quasi sicuri che sia già lei.
Chemlore: il tuo libro ha ragione ma tralascia un dettaglio fondamentale cioè che la reazione deve avvenire in un ambiente fortemente ossidante in modo che H2S si ossidi ad H2SO4
Cita messaggio
Forse tiene conto del fatto che la reazione si svolge all'aria e magari l'ossigeno presente basta ad ossidarlo.
Non so
Cita messaggio
Ciao a tutti :-) 


Citazione:scritto da ChemLore 

Forse tiene conto del fatto che la reazione si svolge all'aria e magari l'ossigeno presente basta ad ossidarlo.

Non so



conta che ....... !




1-Per ossidare la pirite a Fe2O3 e SO2  , industrialmente viene utilizzato il metodo di " arrostimento delle piriti  " che consiste nel flussare aria su braci ardenti di pirite a circa 800°C  .

 4FeS2 + 11 O2 → 2Fe2O3 + 8 SO2 ..... (che però avviene in 3 fasi )

 - 4FeS2--> 4FeS + 4 S ( dissociazione termica della pirite )

 - 4S + 4O2 --> 4SO2 ( combustione dello zolfo )

 - 4FeS + 7O2 --> 2Fe2O3 + 4SO2 ( combustione del solfuro di ferro )


2- La SO2 così prodotta , viene depurata ed inviata al reattore di ossidazione (catalizzato con V2O5 oppure Pt etc ), operante a circa 300-500°C

SO2 + 1/2 O2 <----> SO3



dopo di che ....se si vuole ottenere acido solforico 

SO3 + H2O --> H2SO4 


come puoi notare , le condizioni operative, per far avvenire la reazione citata dal tuo libro , non sono esattamente  le stesse :-)


cordialmente

Francy
 la musica, con i suoi suoni ,riesce ad aprire quella parte del nostro cervello dove sono rinchiusi i nostri ricordi.
"Francy De Pa"
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mr.Hyde per questo post:
Geber
beh si direi che non sono le stesse  asd
eppure anni fa provai l'esperimento, e dopo aver ricavato una cavità dentro la pirite, l'ho riempita d'acqua e immersi dentro di essa un pezzetto di buccia di un mandarino che avevo da poco mangiato: si è sciolto subito dopo averlo immerso nel liquido, è tecnicamente l'H2S è un gas quindi quello lì dentro doveva essere H2SO4 
ditemi se è sbagliato qualcosa di quello che ho detto
Cita messaggio
(2021-03-23, 11:48)Mr.Hyde Ha scritto: Ciao a tutti :-) 





conta che ....... !




1-Per ossidare la pirite a Fe2O3 e SO2  , industrialmente viene utilizzato il metodo di " arrostimento delle piriti  " che consiste nel flussare aria su braci ardenti di pirite a circa 800°C  .

 4FeS2 + 11 O2 → 2Fe2O3 + 8 SO2 ..... (che però avviene in 3 fasi )

 - 4FeS2--> 4FeS + 4 S ( dissociazione termica della pirite )

 - 4S + 4O2 --> 4SO2 ( combustione dello zolfo )

 - 4FeS + 7O2 --> 2Fe2O3 + 4SO2 ( combustione del solfuro di ferro )


2- La SO2 così prodotta , viene depurata ed inviata al reattore di ossidazione (catalizzato con V2O5 oppure Pt etc ), operante a circa 300-500°C

SO2 + 1/2 O2 <----> SO3



dopo di che ....se si vuole ottenere acido solforico 

SO3 + H2O --> H2SO4 


come puoi notare , le condizioni operative, per far avvenire la reazione citata dal tuo libro , non sono esattamente  le stesse :-)


cordialmente

Francy

Non mi far tornare alle mente queste cose asd per favore  azz!
Ricordo ancora gli esami di inorganica all'università in cui il professore chiedeva diagrammi e reazioni per ottenere il ferro.
Ho riletto giusto ieri 20 pagine sulla Ullmann in cui si parlava di TUTTI i metodi per ottenere il ferro metallo a partire da diverse fonti di ferro.
E tra l'altro mi fai anche tornare alla mente l'esame di impianti in cui c'erano tutti i metodi per fare acido solforico, acido nitrico, ammoniaca... L'incubo.
La chimica è una cosa che serve a tutto. Serve a coltivarsi, serve a crescere, serve a inserirsi in qualche modo nelle cose concrete.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Geber per questo post:
Mr.Hyde




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)