Idrossido di cromo (III)
Avevo voglia di tornare a "sporcar provette"...  asd 
Ma ora vivo fuori, non ho il lab sempre sotto mano e non ho più tempo per sintesi complicate.

Ho preparato l'idrossido di cromo (III), seguendo la procedura del Brauer (pag. 1345).
Forse in seguito lo userò per fare il complesso del Cromo con l'EDTA, che è uno dei pochi che manca all'appello.

REAGENTI
- Cloruro di cromo (III) esaidrato
- Ammoniaca, soluzione 2N

PROCEDURA
Disciogliere 6 grammi di cromo (III) cloruro esaidrato in 250 ml d'acqua e preparare 50 ml di ammoniaca 2N. 

   

Mescolando le due soluzioni sotto leggera agitazione si forma immediatamente un precipitato verdastro, dall'aspetto tipico degli idrossidi metallici.

   

Filtrare e lavare con abbondante acqua.
E' un'operazione noiosa e una pompa da vuoto è molto utile. Secondo me digerendolo all'ebollizione si sarebbe filtrato molto più facilmente, ma ho preferito seguire alla lettera la procedura del Brauer.

Lasciar asciugare all'aria. 
Si ottengono 3,6 grammi di prodotto, che si presenta come una polvere blu-verde.

       
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ohilà per questo post:
Mario, TrevizeGolanCz, Igor, ClaudioG., luigi_67, thenicktm, Claudio, Roberto, quimico, Beefcotto87
Gli idrossidi colorati, ho notato, hanno quasi tutti un colore pastello!
Cita messaggio
(2016-03-26, 10:12)Beefcotto87 Ha scritto: Gli idrossidi colorati, ho notato, hanno quasi tutti un colore pastello!

Già...   si si
I colori brillanti sono più comuni nei sali cristallini solubili, che in precipitati come questo...
Cita messaggio
(2016-03-26, 10:12)Beefcotto87 Ha scritto: Gli idrossidi colorati, ho notato, hanno quasi tutti un colore pastello!

Si penso anche io che l'aspetto del colore dipenda dallo stato "polveroso" nel quale si ottengono in genere gli idrossidi...

Bravo ohilà, fa sempre piacere leggere qualcosa di nuovo sul forum

Saluti
Luigi
Cita messaggio
Sono andato a rivedermi la procedura del Brauer.
Lì si specifica che l'idrossido ottenuto ha due forme distinte dipendenti dal cloruro di partenza. Quale cloruro ha usato, quello esaacquo coordinato o l'altro?

A dire il vero il Brauer non usa la pompa a vuoto e suggerisce invece la centrifugazione dopo la sedimentazione. A mio modo di vedere ciò porta ad avere un prodotto più facilmente privo di sali e in un tempo abbreviato


saluti
Mario
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
ohilà
(2016-03-26, 20:07)Mario Ha scritto: Sono andato a rivedermi la procedura del Brauer.
Lì si specifica che l'idrossido ottenuto ha due forme distinte dipendenti dal cloruro di partenza. Quale cloruro ha usato, quello esaacquo coordinato o l'altro?

A dire il vero il Brauer non usa la pompa a vuoto e suggerisce invece la centrifugazione dopo la sedimentazione. A mio modo di vedere ciò porta ad avere un prodotto più facilmente privo di sali e in un tempo abbreviato

Ha ragione, non l'ho specificato. Ho utilizzato il cloruro verde di formula  [CrCl2(H2O)4]Cl • 2 H2O.   si si
Di conseguenza ho ottenuto l'idrossido di tipo B. 
Questa forma, a detta del Brauer, è insolubile in acido acetico. Ho appena verificato ed è proprio così...

La centrifuga mi avrebbe risparmiato un po' di lavoro, ma non ce l'ho...  asd
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ohilà per questo post:
Mario
Bravo.
Sono felice tu sia tornato a sporcare provette... Io adoro vedere sintesi così ben fatte.
È un po' di tempo che mi sto divertendo a guardare video su YT di alcuni che fanno sintesi interessanti, spesso molto sperimentali.
Potendo, penso sarebbe una figata...
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)