Il laboratorio di Zolghetti :O
Quindi 50-60 anni... ecco perchè dico "fonte esauribile"... del Cs serba il ricordo...vago...infinitesimale...
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
(2013-07-10, 16:26)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Quindi 50-60 anni... ecco perchè dico "fonte esauribile"... del Cs serba il ricordo...vago...infinitesimale...

Non direi. Il 25% mi sembra tutt'altro che infinitesimale.

saluti
Mario
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Max Fritz
(2013-07-09, 20:59)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Avete subito centrato il punto.
Niente a che vedere con l'alta tensione (malgrado l'uso "ufficiale" del reperto), ma piuttosto fonte (esauribile) di raggi beta. Secondo voi, quanti anni può avere un simile oggetto?

Ho contattato un utente di ebay che vende gli spark gap Raytheon CK 1098, quelli che ha lui sono databili tra il 1982 e il 1990.
Non saprei però se quelli del Doc. sono coevi(a confrontare le foto lo sono...), il tipo mi dice che sono utili per un GRS altamente sensibile ma non per un contatore Geiger–Müller .
Al limite è sempre utilizzabile per irradiare e sterilizzare la conserva di pomodoro.

Av Salüt !
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio
(2013-07-11, 10:13)comandantediavolo Ha scritto: Ho contattato un utente di ebay che vende gli spark gap Raytheon CK 1098, quelli che ha lui sono databili tra il 1982 e il 1990.

Mi sembra strana questa affermazione, ma potrei sbagliarmi non conoscendo l'apparecchio in cui era usato.
Se l'utente conosce il periodo di fabbricazione a maggior ragione conoscerà anche dove era usato.
(Questo perchè so per esperienza che tanta gente che vende materiale surplus non ha la più pallida idea dell'uso e dell'età dei dispositivi, ma, ripeto, in questo caso potrei sbagliarmi).
Cita messaggio
Al, io l'ho preso per buono così, mi son fidato, nel suo store su ebay ci sono centinaia di componenti per elettronica, ( triodi,tetrodi,valvole) non so se sia uno svuotacantine o un vero appassionato...
L'ho trovato cercando una valvola OC3 per un Leslie 122, pensa un pò...
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio
Già, non si può mai sapere! asd
Ormai gli svuotacantine sono quasi estinti, rimangono i commercianti... qualcuno ottimo qualcuno pessimo, ma siamo ottimisti.
Spero che tu abbia trovato la tua bella stabilizzatrice!
Ciao Comandante, end OT
Cita messaggio
Mi togliete una curiosità? Non ho capito bene il funzionamento e l'uso di questo dispositivo. Praticamente applicando una tensione (alta) a questo "bulbo" scoccando un arco voltaico si generano radiazioni gamma e beta?
A cosa serviva? A degli stumenti per tarare sonde di contatori geiger?

Scusate l'ignoranza ma mi ha incuriosito. Io onestamente me ne terrei discretamente alla larga! Figuriamoci ad accenderlo!
Cita messaggio
Io non sono la persona adatta a spiegarti il funzionamento del gingillo, ci sono tra noi utenti molto più qualificati. Posso solo dire che la radiazione è stabile, non legata alla tensione, ma al contenuto in cesio dell'ampolla.
Mi avevano detto che la quantità di radiazione è bassa e che ci vogliono sonde sensibili.
Ho provato tuttavia con la sonda del RAM63 e con quella a scintillazione (44-2) del Ludlum 3. Nessun segnale.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
(2013-07-11, 19:22)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Mi avevano detto che la quantità di radiazione è bassa e che ci vogliono sonde sensibili.
Ho provato tuttavia con la sonda del RAM63 e con quella a scintillazione (44-2) del Ludlum 3. Nessun segnale.

Infatti il tipo di ebay mi ha chiaramente detto che la radiazione emessa sarebbe stata rilevabile solo con un spettrometro a raggi γ e non da una G-M !
Probabilmente rileviamo più emissioni di raggi γ da una lampadina a incandescenza che da quello spark-gap :-D
Maledetti fotoni pigri... asd
Potremmo comunque acquistare un paio di tonnellate di 60 Co [radioattivo] ed eccitarlo a dovere...
Allora si che quella sonda G-M intonerebbe una suite dei VDGG... *yuu*
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio
Effettivamente le radiazioni emesse da quelle valvoline sono piuttosto basse, del resto se non fosse così non potrebbero essere messe liberamente in commercio. Poi aggiungiamo un po' di anni di lavoro e di magazzinaggio dal surplussaro, certamente non resta molto da rilevare.

Anche un RAM 63, nonostante la sua sensibilità, ha dei grossi problemi a rilevare quelle valvole, considerate che il RAM lavora in tempo reale, istante per istante, al contrario un MCA ti da si lo spettrogramma, ma solo dopo diversi secondi o minuti, dipende dalla attività del campione.

Ad ogni modo, se avete dei dubbi, potete inviarmela ed io vi rimando il suo spettrogramma, così si vede bene se c'è il Cesio, quanto ce n'è e se è puro.

Per quanto riguarda l'utilizzo, è che a causa del cesio, il gas presente all'interno della valvola è fortemente ionizzato, in questo modo, se c'è sovratensione lungo la linea elettrica, viene favorita la scarica in un punto ben determinato, dove avviene a tensioni più basse e meno pericolose, salvando così i vari circuiti elettronici che stanno a valle della valvola.

Per quello che so io, la valvola con più Cesio è la TG77, ma non è molto facile trovarla.


*yuu*
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Enotria per questo post:
Dott.MorenoZolghetti




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)