Italiano e dialetti
Per me un accento tipico è comunque italiano,come hai detto te i dialetti non sono italiano...fiorentino=accento (o cadenza) siciliano=dialetto
Insomma ,io sarò scemo,come dici te,ma sforzatevi almeno di capire cosa vi voglio dire...
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano AgNO3 per questo post:
myttex
Comunque: come hai detto TU, come dici TU ;-)
In lingua italiana il pronome personale soggetto di seconda persona singolare è TU, senza eccezioni.
Cita messaggio
per l'appunto....asd
Cita messaggio
io mi sforzo solo sul cesso o davanti ad un problema... cerchiamo almeno di parlare italiano. non mi pare difficile... a volte parlano meglio gli stranieri degli italiani *Si guarda intorno* il che è tutto dire.
Cita messaggio
L'italiano vero è la lingua standard, quella scritta. Nella mia vita non l'ho mai sentita parlare a nessuno.
Ogni italiano quando parla italiano si porta appresso il suo accento regionale, ma questo non vuol dire che sta parlando un'altra lingua.
Diversa cosa sono i dialetti, che sono delle storpiature locali dell'italiano.
Fra essi inserisco il toscano, anche se il più vicino all'italiano standard
Es. " Sto bbriaHo " a siena per esempio. Questo è un dialetto.
Altra cosa ancora sono le lingue minori di cui tutta l'Italia potrebbe vantarsi di cotanta ricchezza, ma che in modo stolto vengono usate politicamente dai partiti. Si immagini Lega Nord.
Fra queste faccio l'esempio del sardo, siciliano, salentino ( molto vicino al siciliano ), napoletano, friulano ecc...
All'interno di questi altri linguaggi minori ci sono ancora differenze dovute ad influenze di ragione storica ( conquiste, colonizzazioni ecc..)
ma non per questo questi linguaggi non possono essere definiti tali.
Ad esempio in Sicilia le provincie di Ragusa e Siracusa e alcuni comuni dell'agrigentino non hanno " ch " e non dicono quindi la famosa parola " minchia " ma bensì " mincia ".
E così " cchianata " diventa " ccianata ", " chiovu " " ciovu " e così via.
E quindi allo stesso modo dell'italiano, il siciliano vero è quello standard, della lingua scritta, che tra l'altro si sta perdendo perchè i nostri scrittori ormai si sono italianizzati e si " schifiano " a scrivere in siciliano.
Allo stesso modo sarà per gli altri linguaggi minori nel resto d'Italia.
A conclusione dico:
linguaggio minore -diverso da - dialetto
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio
Forse è meglio se argomentate in chimica...generate minor sgomento...
asd
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
dalle mie parti il dialetto cambia radicalmente in soli 10 km (basta passare da san benedetto ad alba adriatica che pensereste di aver cambiato nazione...)
per me i dialetti sono un enorme fattore della cultura di ogni localita, e di ogni nazione, visto che qualsiasi paese ha dialetti (in cina hanno il mandarino e il cantonese che sarebbe il dialetto, per non parlare della moltitudine di subdialetti di ogni regione)
poi è normale che alle volte, paradossalmente, si trovino stranieri che parlano italiano meglio di noi; del resto loro fanno prima a studiare la lingua italiana vera che non i dialetti; non è raro comunque sentire stranieri parlare il dialetto di dove vivono.
(w i dialetti, io nn potrei mai rinunciarci al mio, e apparte quelli che non capisco tipo il napoletano che nn capisco veramente niente, sono tutti belli e caratteristici; il toscano non si batte pero)
Cita messaggio
nemmeno il pero si abbatte
Cita messaggio
soprattutto lui.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)