Libro: La chimica dell'incontro
Su consiglio di un amico ho acquistato un romanzetto uscito dalla premiata penna di un ragazzetto di 22 anni. Onestamente ero un po’ scettico, ma vuoi per il titolo accattivante, vuoi per il costo esiguo (14,80 Euro), ho deciso di cedere. Ieri alle 15.39 entro alla Feltrinelli e alle 16.20 (secondo lo scontrino fiscale) sono alla cassa. Pago ed esco, 12 minuti di metropolitana e sono a casa. Inizio a leggere alle 17 circa, faccio una pausa di un’ora e mezza, per la cena e per leggere la posta, entro anche sul forum per qualche minuto, poi riprendo il libro. Lo termino alle 3.06 Questa la cronaca.

La chimica dell’incontro (titolo originale “La synthèse du camphre”) è la prima opera letteraria di Arthur Dreyfus, uno scrittore nato a Lione nel 1986, residente a Parigi. Un tipo carino.
Il testo è tradotto e pubblicato in Italia per Salani Editore (Gruppo Editoriale Mauro Spagnol, Milano).

“Lo riconosco. E’ il profumo di Chris… che mi assale, mi invade le narici. Dapprima, quell’effluvio esperideo di bergamotto e arancio, di pompelmo, di limone verde. Subito dopo, l’offensiva canforata del pepe, della lavanda, del cardamomo. Sono già inerme quando arrivano il sandalo, il cedro, il coriandolo, il tabacco; e il muschio. Mi arrendo. Come sempre mi ha colto di sorpresa”. (Il "limone verde" credo sia una fantasia del traduttore, ritengo si tratti di "lime" nel testo originale).

Questo riporto testualmente perché, come accade con le “petit madeleines” in Proust, non c’è molto altro sugli odori in questo romanzo, ma accidenti! c’è tutto quello che il nostro cervello ti viene a dire quando un odore è legato indissolubilmente con un luogo, una persona, un momento della nostra esistenza e lo avverti in un altro spazio, in un altro tempo. Chris è un adolescente di 15 anni che intrattiene una “relazione” con un altro ragazzo di 16 anni di nome Ernest. Una storia comune, dei nostri giorni. Si sono conosciuti su di un forum e hanno iniziato a dialogare fuori dal forum. Anche questa una cosa comune. Hanno fatto amicizia. Iniziano quindi a raccontarsi, lentamente, come si fa in questi casi e dal racconto si comprende che entrambi sono omosessuali.
Apro qui una piccola digressione scientifico-filosofica: di Ernest non abbiamo molte informazioni, egli parla indirettamente, per il tramite di un racconto parallelo riguardante il nonno. Molto di lui si comprende dalle mail di Chris, in cui spesso si trovano puntuali risposte capaci di far trasparire la domanda di Ernest. Invece Chris parla tramite le sue mail e ci racconta di sé, fornendoci un quadro molto preciso. Si definisce omosessuale, ma in realtà è omofilico, essendo, come lui stesso affermerà, “privo di esperienze”, sia con donne, sia con uomini. Questo per chiarire un punto che è tipico dell’adolescenza, cioè la ricerca di una identità sessuale da concretizzare, quasi sacrificare, sull’altare dell’esperienza. Chris compie esattamente questa ricerca e si innamora di Ernest.
C’è un problema: Chris vive in Canada, ma si deve trasferire in Florida, mentre Ernest vive in Francia. Un bel guaio per chi come loro, fantastica un contatto fisico che generi l’esperienza bramata. Intanto il tempo passa e la storia parallela ci racconta delle avventure di nonno Félix, un giovane chimico di Tolosa, costretto dalla guerra e dall’occupazione nazista, a lasciare la scuola e il relativo laboratorio di chimica, per iniziare una serie di incontri con personaggi a volte strani, come per esempio, un italiano della Resistenza che aveva intenzione di avvelenare il Duce con un budino preparato con latte arsenicato. Ci sono nel testo alcuni aneddoti sulla chimica che timidamente riportano a “Il sistema periodico” di Primo Levi, ma solo per ambientazione e momento storico (occupazione tedesca e campo di prigionia), non certo per lo stile e per il contenuto. Anzi, se devo dire: mi sarei aspettato qual cosina di più, ma la storia avvincente non è quella del nonno di Ernest, bensì il susseguirsi delle mail di Chris.
A un certo punto Ernest parte per un viaggio e va in America, proprio negli U.S.A. e, con grande sforzo, i due combinano un incontro. Ernest intanto ha rivelato ai suoi genitori la sua omosessualità e ne paga le ingiuste conseguenze psicologiche, mentre Chris, orfano della sua amata mamma, non ha mai detto al padre la sua situazione. Il padre però è amorevole e comprensivo: è il padre che ogni ragazzo omosessuale vorrebbe avere. Non fa domande, perché conosce e accetta le risposte. Vive un rapporto di genitorialità completa, dovendo sostituire la moglie defunta e concede al figlio tutto il bene che la vita gli può offrire. E’ un medico ospedaliero. Chris ha due cani che gli stanno sempre accanto e che lo hanno inevitabilmente aiutato a colmare, almeno in parte, il vuoto che una madre lascia. Ora ha bisogno di altro, di un suo simile, di un ragazzo che lo possa amare. E’ un quadro da psicologia freudiana classica, con un andamento di corrispondenza tra i due che si potrebbe definire completo, gratificante e bilanciato. Ciascuno trae dall’altro quello che gli occorre, ognuno è soddisfatto dalle emozioni sprigionate dal loro legame. In biologia si identifica ciò nella simbiosi perfetta. Unica pecca è proprio la mancanza di contatto fisico, ma anche questo ostacolo pare superato e tra poco i due amici si incontreranno, con la complicità del padre di Chris, disposto ad accompagnarlo in auto nella città dove Ernest dimora e affittare per loro una stanza di albergo, lasciandoli soli per la realizzazione dell’incontro tanto desiderato. Unica condizione ragionevole e umanissima: il padre vuole conoscere Ernest. Del resto è un padre!
Il mio racconto termina qui.
Il seguito è ciò che mi ha tenuto sveglio, regalandomi emozioni che, non ho paura a dirlo, mi hanno portato alle lacrime (io in effetti lacrimo facilmente, lo ammetto: da uomo abbasso di molto il livello di resistenza stereotipato della categoria, ma il bello è che piangere fa molto bene sotto il profilo biologico, psicologico e fisiologico e dunque me ne infischio del giudizio di sedicenti uomini integerrimi, così detti “uomini veri”).
Dopo le lacrime è stato il tempo della rassegnazione sofferta, di quella che comporta un grande sforzo interiore, innaturale, ma dannatamente indispensabile per poter voltare pagina ( e qui è proprio il caso di dirlo) e continuare a vivere.
Poi c’è stato il tempo dello smarrimento e della sorpresa, amarissima sorpresa. Non stupore, ma incredulità nauseante. Tutto in poche pagine, in poche righe di una mail.
Ovviamente intanto anche la storia parallela rivive episodi curiosi e si incardina nella contemporaneità degli eventi. Ma è un’altra storia e non prende il lettore come quella trainante di Chris e Ernest, adolescenti amanti e amati, odiati solo dal fato avverso.

Aggiungo solo alcune considerazioni: l’Autore delinea in modo significativo l’aspetto essenziale di Chris e lo fa in modo da umanizzarlo al massimo, lo rende uno di noi, pur nella sua fantasia di scrittore. Chris parla a Ernest di film guardati, di libri letti, di musica. Il suo filo conduttore è “Aria sulla IV corda” di Bach e già solo questo lo rende amorevole. Immagino che non esista al mondo chi, sentita questa melodia, non abbia pensato a Dio, allo spazio siderale, al paradiso, alla vetta di un monte, alla quiete di un ghiacciaio, alla silenzio dell’anima. Chris è credente, cristiano, conosce Dio e, pur vivendo il conflitto interiore inculcato dalla religione, sa motivare la sua esistenza come un dono irrinunciabile: è bellissima la sua considerazione sul suicidio “gli animali non si suicidano, solo l’uomo lo fa” e lui ama moltissimo gli animali. E’ un ragazzo che io (e immagino tutti) vorrei conoscere, per un dialogo aperto e improvvisato, per uno scambio di opinioni. Chris è un adolescente che parla come un adulto, che ragiona come un adulto. Struggente la considerazione della fotografia come istantanea della morte, in riferimento a una vecchia foto sbiadita della madre.
Da qui la sua renitenza a farsi fotografare, quasi la paura di fissare l’istante e poi svanire, un concetto che nel film “Imago Mortis” è davvero ben espresso.

Ho riscontrato solo un'enorme colossale omissione nel romanzo, una cosa che non si può perdonare all’Autore, non so se sia voluta o se sia una leggerezza. Non ve la dico, altrimenti guasto tutto, ma vi invito a leggere questo testo, a patto che: 1) non siate omofobici, poiché, pur non essendoci descritti atti sessuali (una volta si sarebbe detto “contro natura”, ma oggi la natura ha dimostrato che contro ha proprio nulla, visto che nei Primati il sesso è onanistico e anche omosessuale, con buona pace dei beceri puristi cattolici), alcune frasi esprimono quelle pulsioni adolescenziali prive di freni inibitori. 2) Non siate di quelli che puntano il dito inorridendo se qualcuno non la pensa come voi in fatto di relazioni sentimentali e amore, in questo caso vi consiglio di leggere prima “Introduzione alla psicoanalisi” di Sigmund Freud, preceduto da “Se questo è un uomo” di Primo Levi. Se anche questa “terapia letteraria” non dovesse sortire i risultati attesi c’è sempre l’evangelica “macina da mulino” da legarvi saldamente al collo e quattro passi sulla sommità di un dirupo a strapiombo sul mare.



AllegatiAnteprime
   
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
al-ham-bic
(2012-03-11, 09:17)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: ...il suo filo conduttore è “Aria sulla IV corda” di Bach e già solo questo lo rende amorevole... struggente la considerazione della fotografia come istantanea della morte... preceduto da “Se questo è un uomo” di Primo Levi...

Eccetera...
Si capisce perchè alle 3,06 era già finito *Fischietta*
Se lo trovo lo leggo.

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano al-ham-bic per questo post:
Dott.MorenoZolghetti
Io provvedo prima ad autosomministrarmi la terapia letteraria preparatoria, come consigliato, poi forse leggerò anche questo.
Nel frattempo, però, permettimi una piccola provocazione: cosa ne è di chi considera superate le teorie di Freud? Di chi pensa che non tutto sia così facilmente riconducibile alla sfera sessuale? E dei seguaci di Jung? Forse secondo queste altre scuole di pensiero tutte quelle pulsioni disinibite possono essere talvolta non del tutto "sane" (al di là dell'insindacabile orientamento sessuale, mi riferisco alla modalità con cui si svolge l'incontro, secondo il tuo riassunto).
...Fa' un respiro profondo prima di rispondermi O:-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Max Fritz per questo post:
Dott.MorenoZolghetti
Ottimo Al, sapevo di poter contare sulla tua intelligenza. ;-)
Sono sicuro che ne sarai emozionato anche tu. Non serve avere "disturbi della sfera sessuale" per leggere un libro, è un romanzo d'amore, in ultima analisi, e quindi può coinvolgere tutti o quasi tutti gli esseri umani (fa' un respiro profondo prima di leggere, Max ;-) ).

La cosa affascinante di questo romanzo non è tanto la storia, ma il castello emozionale evocato durante la lettura. C'è un po' di tutto nei racconti di Ernest (è colui che di fatto scrive) e c'è tutta la trepidazione dell'attesa e dell'incontro da parte di Chris. Poi c'è la questione del profumo e lì si consuma la stoccata finale dell'Autore (che credo abbia letto Proust) e fa sapientemente iniziare e terminare il libro esattamente riferendosi al potere evocativo del profumo. Un colpo da maestro!

Ho letto alcune recensioni in rete, scritte da qualche analfabeta rimasto deluso perchè si aspettava la solita storia (la zuppa di finocchi ribollita) omo. Invece è uno spaccato di vita, un modo come un altro per indurre a pensare, per far riflettere chi si ferma all'apparenza delle cose, inesplicabilmente impacciato nello scendere alla sostanza.

Caro Max, sapevo di non fare breccia nel tuo Io junghiano, ma non ho davvero capito cosa tu voglia dirmi quando alludi al superamento delle teorie freudiane. Non so se tu conosca o meno la materia, non so cosa tu abbia letto di Freud o di Jung, ma siamo ancora molto lontani dal superamento delle loro teorie. Certo non sono immediati i loro testi. Se ti capita tra le mani il "Liber Novus" di Jung, mi raccomando: non lo aprire, moriresti all'istante.
Ho però recentemente riletto un libro che viaggia un po' con il tuo stile d'apertura mentale, s'intitola (in Italiano) "La mia battaglia" ed è stato scritto negli anni Trenta da un autore ormai scomparso, un certo A. Hitler. A un certo punto esordisce dicendo: "Il mio talento artistico è fuori discussione" e tronca così l'analsi critica delle sue opere pittoriche.
Da meditare... ;-)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
Max Fritz
Accolgo la critica; se ne riparlerà a letture effettuate ;-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Max Fritz per questo post:
Dott.MorenoZolghetti
(2012-03-11, 16:24)Max Fritz Ha scritto: Accolgo la critica; se ne riparlerà a letture effettuate ;-)

Ok, è in fondo la cosa più saggia. :-)


Però a onor del vero, anche alcuni pensatori del passato hanno molto ridotto le attribuzioni di merito alla sfera sessuale nel comportamento umano. Mi riferisco alla Scolastica e in particolare a Tommaso e ad Agostino. Non solo hanno ridotto, ma hanno affermato, facendo il coro a certi Padri del Deserto, vissuti nel II e III secolo d.C., che tutto ciò che è sessuale è demoniaco, consigliando la castità come unico mezzo di elevazione spirituale e unica porta verso il Cielo.
Ho sempre molto ammirato questi vegliardi, tutti sui settanta-ottanta anni, pieni di castità, ma ammiro molto di più chi dice queste cose, magari giustissime, quando ha dai 15 anni in su (Domenico Savio, Francesco, Antonio). Tuttavia preferisco Teresa d'Avila o Giovanni della Croce, innamorati passionali di Dio. Ma sono solo considerazioni personalissime.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Porca miseria Zolgh, ma cosa ti leggi?
Capisco l'abate Farìa, ma tu non stai ad If vita natural durante *Si guarda intorno*
Ma dai, ho visto che l'Ecclesiaste è breve, prima o poi ti prenderò in parola... O:-)
Cita messaggio
Io leggo tutto quello che mi ispira riflessione. E rifletti oggi, rifletti domani, mi è venuta la barba bianca! Vivere forse sarebbe meglio...
Però poi posso discutere con Max senza alcuna remora! :-D
Perchè? Tu Al cosa leggi?
Non dirmi che non hai mai letto "Il castello interiore" di Teresa d'Avila o "La notte oscura" di Giovanni della Croce...
E poi ti sarà capitato di vedere l'estasi di Santa Teresa scolpita dal Bernini. Guarda il viso della Santa...quella è passione! ;-)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
Max Fritz
Quanto mi fate sentire Ignorante....
Cita messaggio
(2012-03-11, 20:30)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: ...non dirmi che non hai mai letto "Il castello interiore" di Teresa d'Avila o "La notte oscura" di Giovanni della Croce...

Sì che te lo dico invece: mai sognato di affrontare letture così leggere... *help*
Le mie imprese eroiche si limitano (anche se con massimo diletto!) al combattimento contro qualche "vocabolario" di letteratura russa o qualcos'altro.
(Non posso non citare qui la perla de "Il maestro e Margherita"? Che delizioso!).
Ma ultimamente sono molto più prosaico.
In questo momento tanto per dire sto leggendo "La guerra sul mare, 1500-1650" sull'evoluzione della marineria in quel tempo.
---
(Eddai Marzio, che stai a ddì? *yuu* )

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano al-ham-bic per questo post:
Dott.MorenoZolghetti




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)