Microscopio adatto a manipolare le cellule animali??
Salve a tutti, premetto che non so assolutamente nulla di microscopia; infatti ho utilizzato solo microscopi didattici nel lab di microscopia al liceo (le poche volte che ci hanno portato) e quindi non ho imparato molto sull'argomento.
Sono molto curioso di sapere che microscopi sono quelli che si utilizzano per estrarre il nucleo da una singola cellula quindi per uso citologico, ho cercato in lungo e in largo, ma mi sono solo confuso le idee dato che ho scoperto esserci una miriade di tipi di microscopi.
Nei video ho visto che sono microscopi con uno stage molto grande. Inoltre come si fa con il vetrino ad operarci? Non bisogna mettere quello superiore o bisogna semplicemente usare la capsula di Petri?
Spero riusciate a risolvere i miei dubbi, grazie.
(Qualche esempio di modello in commercio utile allo scopo sarebbe utilissimo) GRAZIE. :-D
Cita messaggio
.

Vedo solo ora questo post ed è un peccato perché l'argomento è certamente interessante.

Come sempre, preferisco semplificare in modo da essere maggiormente comprensibile, per cui non me ne voglia chi queste cose le applica tutti i giorni se qualche concetto o qualche termine non sarà perfettamente appropriato. 


In biologia spesso non ci si limita ad osservare, talvolta si interviene attivamente su di un processo biologico per modificarlo o per analizzarlo nelle sue componenti.
 
Date le dimensioni in gioco, le operazioni vengono svolte con adatti microscopi e mediante l’uso di particolari strumenti, dalle dimensioni veramente lillipuziane.
 
Tanto per avere subito una idea degli attrezzi che si usano, guardate questa serie di punte e di scalpelli per dissezione, posti a confronto con l’ago più sottile che io sia riuscito a trovare.
 
   

 
E’ bene premettere subito che sono strumenti da utilizzare con grande attenzione, in quanto forano le vostre dita come fossero di burro, non ve ne accorgete assolutamente.
Ancora più pericolose sono le micro pipette di vetro sottilissimo, completamente invisibili fino a quando scoprite una goccia di sangue sulle vostre dita, segno evidente della vostra sbadataggine.
 
   

 
Naturalmente, attrezzi così piccoli non possono essere manovrati a mano, allo scopo si usano particolari micro manipolatori meccanici o pneumatici, che operano sui tre assi e  sono in grado di demoltiplicare di varie volte i nostri movimenti.
 
   

 
Nell’utilizzo pratico, i porta attrezzi, che hanno una base magnetica, vengono fissati sul tavolo porta oggetti del microscopio e da li permettono di muovere particolari minutissimi, prelevare campioni, inserire elettrodi per misurazioni elettriche, prelevare o iniettare liquidi all’interno di singole cellule, ecc. ecc.
 
   


 
Di seguito, alcuni esempi di utilizzo di micro strumenti per posizionare sul vetrino piccoli foraminiferi o per selezionare specifici conidiofori da alcune muffe.
 
   


   


*yuu*
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Enotria per questo post:
luigi_67, Mario, NaClO, Beefcotto87, ClaudioG., TrevizeGolanCz, -Sandro-




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)