Minerali radioattivi
comunque, TheChef, per rispondere alla tua domanda sulla legalità di tale sale ti posso dire che: siccome è prodotto da reazioni nucleari, la sua produzione e il suo possesso sono regolamentati da leggi internazionali.
Cita messaggio
*Sbav* O_O guardate su ebay si vende persino l'uranio metallico puro al 99%

http://cgi.ebay.com/Uranium-Metal-Elemen...ltDomain_0

pazzesco :tossico:
probabile non vuol dire certo.
Cita messaggio
Citazione:ho letto questa interessante discussione, mi inquieta il fatto che ferro88and , non si veda più nel forum dalla fine del 2009... e se gli è successa qualcosa relativa alla pericolosa estrazione??!

Ha ha ha...allora pensavate veramnte che ero finito male!!!!!!!???????
è invece.....eccomi ancora qui!!!!!!!:-D:-D:-D:-D:-D:-D:-D:-D:-D:-D:-D:-D:-D
Counque vedo con piacere che oltre me e il cuoco cè molta gente appassionata di radioattività.....io in questo periodo ho fatto alcuni esperimenti... :tossico::tossico: chiramente non ho estrtatto uranio:tossico::tossico:-(anche perchè lo faceva un amico per mè:-P)
ma in compenso ho fatto qualche esperimento con i raggi-x:
http://www.youtube.com/watch?v=Phq_2ApRaJs

e qualche settimana fa sono andato in spedizione vicino ad una minera di uranio:
http://www.youtube.com/watch?v=7XZm0bwM8bs
(ci tengo a sottolineare che la voce fuori campo non è la mia!)

fra pochi giorni posterò anche le foto della pechbenda che ho preso di lassu"!!!

cioa!!!!
Cita messaggio
bentornato :-D
dato che vai in una miniera di uranio perchè non prendi qualche pietruzza e la vendi potrei essere un possibbile acquirente... *Fischietta*
probabile non vuol dire certo.
Cita messaggio
Ho una domanda generica sui minerali radioattivi..
Se essi sono posti in un ambiente chiuso e non schermati, quindi vi diffondono radiazioni, una volta tolta la fonte delle radiazioni, ovvero portando via dalla stanza il minerale, le radiazioni nella stanza cessano? E quindi anche il pericolo di trovarvisi all'interno?
O le radiazioni continuano a "rimbalzare"? Insomma, c'è rischio a trovarsi in una stanza che sia stata esposta a radiazioni o una volta cessate le stesse cessa anche il pericolo?
Cita messaggio
(2010-08-25, 08:44)Arkano Ha scritto: ...o le radiazioni continuano a "rimbalzare"? Insomma, c'è rischio a trovarsi in una stanza che sia stata esposta a radiazioni o una volta cessate le stesse cessa anche il pericolo?

Buona domanda! (parliamo di stanze normali e situazioni normali, è evidente).
Le radiazioni NON continuano a "rimbalzare"!
E' come quello che ha fatto i raggi X: quando torna a casa gli "gira" ancora qualcosa per il torace? *Si guarda intorno*
Sì, di tutto e di più, ma non raggi X! O:-)
Cita messaggio
In linea di massima concordo.... d'altronde potrebbero esserci materiali che si "ionizzano" e diventano radioattivi?? Ad esempio il Pb che scherma le radiazioni.. se io ho una scatola di piombo che ne ha assorbite un bel po', questa non potrebbe essere in qualche modo "ionizzata", "attivata"... meglio sarebbe "isotopizzata" asd ??
Cita messaggio
Il modo in cui un materiale (prendiamo come esempio il piombo) ferma una radiazione dipende, tra le tante cose, dal tipo di radiazione.
Consideriamo essenzialmente quattro tipi di radiazione per rispondere al tuo quesito: raggi gamma e raggi X, particelle alfa, particelle beta, e neutroni.

* I raggi gamma e i raggi X sono radiazioni elettromagnetiche ad elevata energia, maggiore rispetto a quella della luce visibile o dell'UV.

* Le particelle alfa sono nuclei di He e possiedono una carica positiva.

* Le particelle beta sono elettroni e anche essi possiedono una carica, negativa.

* I neutroni sono particelle che non hanno carica netta.

Anche l'energia della radiazione gioca un proprio ruolo. In generale, maggiore l'energia della radiazione, più sarà difficile fermarla, schermarla.
Sarà meglio che la questione non venga considerata ulteriormente poiché è un campo particolarmente complesso.

1. Per la maggior parte delle radiazioni, l'aumento della densità del materiale riduce l'intensità della radiazione che vi passa attraverso. Comunque, un materiale a bassa densità può costituire uno schermo sufficiente quanto un materiale ad alta densità ma di spessore inferiore. In altre parole sia la densità che lo spessore sono importanti.

2. Per i raggi gamma e X, il piombo è particolarmente efficace come schermo perché il piombo ha un numero atomico elevato (ricordo che per il Pb, Z = 82). Il numero atomico è come ben sapete il numero di protoni in un atomo. Poiché il numero di protoni per l'atomo di piombo è grande, anche il numero di elettroni è grande, e sono gli elettroni che fermano i raggi gamma e i raggi X. Quindi, densità, spessore, e numero atomico possono essere tutti importanti.

3. Lo schermo riduce l'intensità dei raggi gamma e X in modo esponenziale (più o meno). In altre parole, uno schermo riduce l'intensità della radiazione che l'attraversa, ma non potrà MAI fermare tutti i raggi gamma, o raggi X (per lo meno teoricamente). Ciò che sto dicendo è che dire "protezione completa" quando si parla di schermaggi fatti di piombo è sbagliato; la dicitura deve essere cambiata in "protezione QUASI completa" perché alcuni raggi gamma (o raggi X) hanno sufficiente energia potenziale per attraversare qualsiasi schermo (in teora).

4. Materiali più densi potrebbero essere più efficaci nel fermare particelle alfa e beta quando il materiale è molto sottile, ma questa è di solito una non-questione perché anche un centimetro di plastica può fermare tutto, comprese le particelle beta a più alta energia, e quasi ogni cosa, anche un pezzo di carta, può fermare le particelle alfa. Il piombo è qualche volta un problema se usato per fermare particelle beta perché materiali ad elevato numero atomico generano una radiazione secondaria chiamata bremsstrahlung (radiazione di frenamento, essenzialmente raggi X) quando esposti a particelle beta - qualcosa che materiali a basso numero atomico non fanno. In quanto tale, la plastica può esser un po' più efficace come schermo per le particelle beta (elettroni) rispetto al piombo. Infatti, un tubo a raggi X produce raggi X (in primis la sopracitata radiazione di frenamento) attraverso bombardamento di un bersaglio ad elevato numero atomico, quale il wolframio (dedicato a Moreno), con elettroni. Gli elettroni sono fermati ma il bersaglio diventa a sua volta una sorgente di radiazione.

5. Come regola, il piombo è quasi inutile nel fermare i neutroni. Per i neutroni di norma sono utilizzati materiali a basso numero atomico quali ad esempio idrogeno (difatti nelle centrali nucleari a fissioni normale acqua arricchita di idrogeno è usata come inibitore onde evitare l'assorbimento di neutroni). La chiave è che il materiale ha un'elevata probabilità (cross section) di interagire con i neutroni. L'idrogeno è perfetto in questo. Sfortunatamente, nel processo di schermo dei neutroni, lo schermo può diventare una sorgente di raggi gamma. Perciò, schermi per neutroni spesso incorporano un materiale ad elevato numero atomico come il piombo per fermare i raggi gamma che sono prodotti quando i neutroni vengono schermati.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
Max Fritz
E' tutto estremamente interessante, e in particolare mi stupisce il punto 5: non pensavo fosse così complicato schermare i neuroni!
Essi sono pericolosi per l'organismo quanto le altre radiazioni?
Cita messaggio
neutroni. i neuroni sono nel SNC O_O
lo schermo dei neutroni è materia assai complessa come mi diceva una mia amica, laureata in fisica delle particelle.
l'esposizione a neutroni liberi può essere pericolosa, poiché l'interazione neutroni-molecole del corpo umano può causare la rottura di molecole ed atomi, e può anche causare reazioni che danno vita ad altri tipi di radiazione (ad esempio protoni).
perciò: evitare l'esposizione, stare più lontano possibile dalla sorgente, e mantenere il tempo di esposizione al minimo; semplici regole valide sempre nel caso di probabile o possibile esposizione a qualsiasi fonte di radiazioni.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)