Moneta
Oggi, mentre effettuavo la consueta sarchiatura quotidiana, ho riportato alla luce una vecchia moneta. Dopo averla pulita ad ultrasuoni con l'aiuto un detergente moderatamente alcalino ho subito provveduto ad immortalarla:

[Immagine: 9dzm8zjjcx0sw0whfqu2_thumb.jpg]

Si tratta di una comunissima moneta da 1 lira, coniata nel 1922 sotto il regno di Vittorio Emanuele III. La scritta BVONO sul retro significa che fu emessa per sopperire alle spese di guerra.
Come potete notare presenta numerosi segni di corrosione e graffi vari, cosa che ne abbassa il valore a frazioni di Euro. Il diametro è di 26,5 mm con bordo zigrinato e pesa 7,75 g (nuova 8).
La cosa interessante è però la sua composizione chimica, in nichel al 97,5 %. Quasi quasi mi viene la voglia di trasformarla in solfato....

saluti
Mario
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
quimico
Ma dai, è un pezzo di storia.
Un altro pezzo di nichel lo trovi.
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio
Qualche monetina "random" la posseggo anche io!
500 Lire Argento Caravelle 1960 (Italia)
1 cent 1961 Lincoln (USA)
5 pesetas 1957 Francisco Franco (Spagna)
10 pfennig 1950 (Germania)
50 lipa 2003 (Croazia?)
20 centu 1997 (Lituania)

Ho inoltre un paio di 10 centesimi di euro argentanti, presumibilmente sono stati trattati con qualcosa che non so, ricoperti di Zn forse...
Cita messaggio
Mario se fosse stata in buono/ottimo stato, avrebbe avuto un valore maggiore immagino... Quanto? È pura curiosità.
Anche io possiedo monete regalatemi da zii e nonni...

500 Lire argento Caravelle 1961 1966 1966
500 Lire argento Dante 1965
10 Franchi francesi argento 1966
1/2 $ argento Kennedy 1968
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2013-09-17, 10:11)quimico Ha scritto: Mario se fosse stata in buono/ottimo stato, avrebbe avuto un valore maggiore immagino... Quanto? È pura curiosità.

Se siamo in condizioni fior di conio (FDC) possiamo averla per 30 Euri, difficilmente di meno.
In condizioni BB, cioè ancora molto buona, siamo sui 5-10 Euri.
Se la valutazione è solo discreta (D) 3 Euri possono bastare.

saluti
Mario
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
quimico
Penso che sebbene abbiano un valore basso a causa dei graffi siano sempre un ricordo, o, nel caso siano state acquistate, un pezzetto di storia seppur poco significante.
Anch'io ho le monete d'argento del 61-66, penso che non esista nonno al mondo che non ne abbia salvata almeno una :-)!
Degne di nota ho:
10 c. italiane del 1925 (l'ape laboriosa)
20 L. del 1943 recanti il viso di Mussolini e la celebre frase "meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora"
5 cent Francesi del 1876 che classificherei DB (da buttare) tale è l'usura!
cofanetto della zecca monete canadesi 1980
cofanetto della zecca monete americane 1984

ps. Beefcotto87, solo a valore informativo, le Lipe (sì sono croate ^^)hanno un valore mostruosamente basso, 100 Lipe=14 centesimi di Euro. però son sempre belle da avere :-)!
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
Ho deciso di non dissolverla più nell'acido.
Dopotutto il suo valore riflette le traversie passate e le ingiurie patite sottoterra.
Riesaminandola attentamente al microscopio stereoscopico (lo spettacolo è assicurato) si possono leggere le firme del disegnatore e dell'incisore.
Il primo è di un certo G.Romagnoli (di nome Giuseppe), famoso e impareggiabile medaglista e scultore le cui opere sparse in tutto il mondo sono testimoni imperituri della sua grandezza. Furono opera sua, per quasi 50 anni e fino a metà del XX secolo, la maggior parte delle monete italiane.
A mio avviso, la sua migliore realizzazione rimane il monumento commissionatogli dall'International Telecommunication Union e successivamente inaugurato a Berna nel 1922. Le figure rappresentate (la conoscenza, la famiglia, il lavoro, la sofferenza e la fertilità) sono in bronzo su base in granito grigio. Lunga fu anche la sua vita, si spense a Roma ultranovantenne.
Meno nota, per presumibili ragioni di riservatezza legate alla sua attività professionale, è la vicenda terrena di A.Motti inc. (di nome Attilio Silvio, dove inc sta per incisore). Insigne xilografo, incisore e scultore, fu nominato, proprio un secolo fa, incisore capo della Regia zecca.

Ecco un ingrandimento della moneta che evidenzia quei nomi così illustri:

[Immagine: q7b1qbstuoryujcq8u_thumb.jpg]

Ho cercato di fare del mio meglio per renderla decifrabile, ma l'usura e il tempo lentamente cancellano il ricordo.

saluti
Mario
Cita messaggio
(2013-09-17, 18:30)TrevizeGolanCz Ha scritto: Penso che sebbene abbiano un valore basso a causa dei graffi siano sempre un ricordo, o, nel caso siano state acquistate, un pezzetto di storia seppur poco significante.
Anch'io ho le monete d'argento del 61-66, penso che non esista nonno al mondo che non ne abbia salvata almeno una :-)!
Degne di nota ho:
10 c. italiane del 1925 (l'ape laboriosa)
20 L. del 1943 recanti il viso di Mussolini e la celebre frase "meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora"
5 cent Francesi del 1876 che classificherei DB (da buttare) tale è l'usura!
cofanetto della zecca monete canadesi 1980
cofanetto della zecca monete americane 1984

ps. Beefcotto87, solo a valore informativo, le Lipe (sì sono croate ^^)hanno un valore mostruosamente basso, 100 Lipe=14 centesimi di Euro. però son sempre belle da avere :-)!

Sono tutte monete che raccatta mia nonna mentre conta i soldi delle offerte della chiesa locale ;-)
Cita messaggio
L'unica moneta degna di nota che ho nella mia piccolissima collezione è questa sterlina d'oro inglese del 1904..
Dovrebbero essere all'incirca 8g di oro.. qualcosa dovrebbe valere.. penso proprio che la venderò a breve per finanziare l'acquisto del microscopio!


AllegatiAnteprime
   
Cita messaggio
(2013-09-18, 13:46)FrancescoReb Ha scritto: L'unica moneta degna di nota che ho nella mia piccolissima collezione è questa sterlina d'oro inglese del 1904..
Dovrebbero essere all'incirca 8g di oro.. qualcosa dovrebbe valere.. penso proprio che la venderò a breve per finanziare l'acquisto del microscopio!

Dovrebbe essere una sterlina coniata sotto il regno di Eduardo VII (figlio della regina Vittoria); il disegno mostra sul verso San Giorgio che sconfigge il drago (da un disegno di B. Pistrucci) , e sul recto la capoccia Re Eduardo VII .
La tiratura totale è stata di 21.367.471 pezzi in tutto l'impero britannico di allora
Il suo valore si aggira sui 200 / 210 €. ( Fonte: http://www.sterlina-oro.com/sterlina_oro...o_1904.php )
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)