Natura del nucleofilo
Ciao a tutti.
Ho un problema che mi tormenta e non riesco per questo a fare gli esercizi di sostituzione ed eliminazione.
Non riesco ad individuare che tipo di nucleofilo/base ho davanti.
Qualcuno può gentilmente spiegarmi o mandarmi un link in cui questa cosa è spiegata chiara?
Per essere più chiara, visto che non mi sono spiegata benissimo, avrei bisogno di una strategia per comprendere se il nucleofilo che ho in una data reazione è:
1. Base forte/buon nucleofilo
2. Base debole/buon nucleofilo
3. Base forte/scarso nucleofilo
4. Nucleofilo debole.
Quale collegamento devo fare per capire queste correlazioni?
Vi sarei infinitamente grata se mi aiutasse a colmare questa mia lacuna.
Sono bloccata da un po' con questa cosa, che immagino essere un concetto semplicissimo, ma non trovo proprio il modo di uscire da questo blocco!

Grazie davvero tanto a chi risponderà!
Cita messaggio
Io partirei molto terra a terra da questo:
https://it.wikiversity.org/wiki/Acidi,_b...nucleofili
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Ileana
(2019-02-07, 13:58)LuiCap Ha scritto: Io partirei molto terra a terra da questo:
https://it.wikiversity.org/wiki/Acidi,_b...nucleofili

Sì ok, queste cose sono chiarissime.
Il mio problema principale è capire che nucleofilo ho nella reazione se debole, forte o buono e come definirlo in termini di base.
Per intenderci, se la prof nella traccia dell'esercizio mettesse il pka dell'acido coniugato o il pkb direttamente non avrei nessun tipo di problema, ma il fatto è che non le mette le costanti e allora io vado in paranoia.
Sostanzialmente non ho grandi lacune di teoria se non sull'applicarla senza costanti!
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)