Offro setacci molecolari
Vendo (leggasi: regalo) setacci molecolari a piccole perle di circa 1-2 mm di diametro.
Adatti a disidratare solventi. Prezzo interessante. Nuovi, mai usati.
Astenersi perditempo.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
mmh quasi quasi. che tipo di setacci sono?
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2011-01-04, 18:41)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Vendo (leggasi: regalo) setacci molecolari a piccole perle di circa 1-2 mm di diametro.
Adatti a disidratare solventi. Prezzo interessante. Nuovi, mai usati.
Astenersi perditempo.

salve,se ancora disponibili sono interessato all'acquisto dei setacci.
Cita messaggio
Abbiamo un acquirente... dottore dove sei?! *Si guarda intorno*
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
Che cosa sono i setacci molecolari? Fatemi imparare qualcosa!Rolleyes
Cita messaggio
Un setaccio molecolare è un materiale contenente minuscoli pori di dimensioni precise ed uniformi che è usato come adsorbente per gas e liquidi.

Le molecole piccole abbastanza per passare attraverso i pori sono adsorbite mentre le molecole più grandi no. E' diverso da un comune filtro in quanto opera a livello molecolare e intrappola la sostanza adsorbita. Ad esempio, una molecola d'acqua può essere piccola abbastanza da passare attraverso i pori mentre molecole più grandi non sono in grado, così l'acqua è forzata attraverso i pori che agiscono come una trappola per le molecole che vi penetrano attraverso, che sono ritenute nei pori. A causa di questo, essi spesso funzionano come esiccanti.
Un setaccio molecolare può adsorbire acqua fino al 22% del proprio peso.

Spesso essi consistono di alluminosilicati, argille, vetri porosi, carboni microporosi, zeoliti, carboni attivi, o composti sintetici che hanno strutture aperte attraverso cui piccole molecole, come azoto o acqua possono diffondere.

I setacci molecolari sono spesso utilizzati nei laboratori di chimica per preparare composti o anidrificare solventi o materiali di partenza.

Metodi di rigenerazione di setacci molecolari includono cambiamenti di pressione, riscaldamento e purge con un carrier gas, o riscaldamento sotto alto vuoto.
Le temperature tipicamente usate per rigenerare i setacci molecolari usati per adsorbire l'acqua sono entro un range che va da 130°C a 250°C.

* 3A (pore size 3 Å): adsorbimento di NH3, H2O, (no C2H6), buoni per anidrificare liquidi polari
* 4A (pore size 4 Å): adsorbimento di H2O, CO2, SO2, H2S, C2H4, C2H6, C3H6, etanolo. Non in grado di adsorbire C3H8 e idrocarburi superiori. Buoni per anidirificare liquidi e gas non polari.
* 5A (pore size 5 Å): adsorbimento di idrocarburi lineari fino a n-C4H10, alcoli fino C4H9OH, mercaptani fino a C4H9SH. Non in grado di adsorbire isomeri o anelli più grandi di C4.
* 10X (pore size 8 Å): adsorbimento di idrocarburi ramificati e aromatici. Utile per anidrificare gas.
* 13X (pore size 10 Å): adsorbimenti della di-n-butilamina (no tri-n-butilamina). Utile per anidrificare l'HMPA.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
jobba, -push-
Grazie mille quimico per la spiegazione,come sempre molto precisa e dettagliata.
Io leggendo il nome mi immaginavo un filto o un imbuto filtrante magari con fori di dimensione minima, invece cercando anche su internet qualche immagine, spesso riportano con il nome di "setacci molecolari" anche qeui sali essicanti che spesso si trovano chiusi in delle bustine.
Dunque questo è?E quindi anche quelle bustine potrebbero essere rigenerate?

Spero di aver capito...
Cita messaggio
(2011-01-21, 23:41)quimico Ha scritto: Un setaccio molecolare è un materiale contenente minuscoli pori di dimensioni precise ed uniformi che è usato come adsorbente per gas e liquidi.

inoltre, se posso, dico che i setacci molecolari vengono utilizzati in cromatografia, usandoli come fase stazionaria ad esclusione:

"La fase stazionaria è un solido poroso o, più comunemente, un gel con pori le cui dimensioni variano secondo la composizione chimica e il modo in cui vengono preparati.
Le molecole dell'analita, disciolte nella fase mobile, penetrano nei pori del gel e vi rimangono per un certo tempo (tr);
le molecole di dimensioni maggiori, però, vengono escluse dai pori e perciò escono dalla colonna in tempi molto brevi
su questo meccanismo si basa la cromatografia di esclusione (SEC)
"

Fonti: Analisi chimica strumentale, Zanichelli, Cozzi Protti & Rauro.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano NaClO3 per questo post:
quimico
nelle bustine di norma ci sono delle sferette di gel di silice, banale SiO2
messa giusto per evitare l'umidità possa danneggiare tessuti o simili
basta scaldarli e perdono acqua diventando anidri o più o meno anidri
ma non ne vale la pena...
non possono certo competere con dei setacci molecolari
anche perché i setacci molecolari costano... io ne ho qualche kg in laboratorio
li uso spesso, a meno che non uso solventi anidri sotto azoto o argon

avevo bypassato il discorso cromatografia per/ad esclusione... noiosa e mai amata
comunque bravo che hai integrato... non si nota che io odio analitica, vero? asd
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
si nota solo un pochino forse, dai è la branca più bella e coinvolgente(per la mia da pochissimo iniziata esperienza), sintesi a scuola poche ne facciamo, quindi non posso dare un giudizio vero.
ma per ora, vai di analisi!!!
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)