Olio di palma
(2016-11-12, 00:35)Chikungunya Ha scritto: Altri prodotti con un nome meno "pop" della nutella, costano di più perchè negli ingredienti non viene usato l'olio di palma..

La Ferrero ha pubblicamente dichiarato che non rinuncerà ad usare l'olio di palma nei suoi prodotti, fra cui c'è la Nutella.

Molti consumatori dichiarano che loro continueranno comunque a consumare la Nutella anche se contenesse benzina avio...
Cita messaggio
Pare contenga di peggio.
La nota azienda albese afferma di usare un olio di palma estratto con tecniche che riducono assai la presenza di  3-MCPD e consimili.
Anche se così  fosse, rimane il fatto che nutrizionalmente questo olio non è  il massimo . 
Ormai la deliziosa crema di nocciole ha assuefatto i palati e il consumatore non è più in grado di  opporsi . 
Da San Pietroburgo arriva pure un sostegno pubblicitario con Micheleferrero 8454.
Continuate a spalmare ,  mi raccomando.

Saluti 
Mario

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
RhOBErThO, TrevizeGolanCz
Questa storia dell'olio di palma è una paranoia vergognosamente nostrana. Solo in Italia, e un pochino in Francia, si sono raggiunti tali fanatismi e fobie collettive. E' una assoluta vergogna che le aziende, per farsi guerra, facciano terrorismo alimentare (è così che è partita la paranoia, per screditare il concorrente)!
Per di più, l'olio di palma è conosciuto e importato in Occidente almeno sin dal XVIII secolo, e dal 1830 veniva usato in Germania per produrre saponi di lusso da esportazione. E ricordiamo che fino al primo dopoguerra a nord del Po (fino al polo nord) si usava il burro, che tanto diverso dall'olio di palma non è, al posto dell'olio, ogni giorno, per cucinare. Non mi sembra che i nostri antenati crepassero come mosche a causa del burro (magari avessero avuto la Nutella e qualche cibo industriale economico a lunga conservazione, giusto per non morire di pellagra e denutrizione!). L'olio di palma è innocuo tanto quanto il burro, stabile, economico, incolore e inodore, durevole. L'unico reale problema che presenta è la poca ecosostenibilità di molti fornitori, ma Ferrero docet.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano valeg96 per questo post:
ClaudioG.
Sarebbe meglio informarsi prima di scrivere certe cose.
Che il burro non sia tanto diverso dall'olio di palma è una forzatura. Le differenze ci sono, non abissali, ma nemmeno trascurabili. Uno è di origine animale e il secondo no. Nel burro il miristico (C14 saturo) è al 12% mentre nel palma raggiunge a stento l'1%. Poi nel burro gli acidi grassi saturi sono i 2/3 del totale mentre nel palma non si arriva al 50%.
Dire poi che il burro aveva un uso alimentare quotidiano al nord, beh, l'hai detta grossa.
Io al nord ci ho sempre vissuto, prima e dopo la guerra.
Il burro è sempre stato un alimento costoso e come tale poco usato. Magari tu appartieni al ceto più abbiente o sei stato male informato.
Nei tempi che furono non c'erano tanti condimenti. Forse quello più usato era lo strutto. L'olio di qualsiati tipo era un lusso ed era usato con parsimonia.
E poi l'olio di palma, così come il burro, tanto innoquo non è. Lo dicono i nutrizionisti.
Sempre meglio che fare la fame e su questo ti dò ragione.

saluti
Mario

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
ClaudioG., quimico
Per l'uso quotidiano del burro ti riferisco quello che diceva mia nonna, non ho parenti abbienti ma in montagna/collina, perlomeno da loro, bene o male molti avevano una mucca, o un vicino con la mucca che gli vendesse dei prodotti, e impiegavano burro per cucinare (ovviamente con parsimonia, mica per friggere, che manco sarebbe possibile). Probabilmente a questo punto la nonna ricorda male, chiederò. Riguardo l'essere identici, che io sappia, l'olio di palma è 52-38-10 (saturi-monoinsaturi-poliinsaturi) mentre il burro è 66-30-4. Non ci vedo moltissima differenza, e che sia di origine animale o vegetale non è una discriminante in sè. Ovviamente differiscono per tutte quelle molecole che donano sapore, resistenza (o suscettibilità) all'irrancidimento, colore. Se però hai più dettagli (e più precisi) condividi pure, che magari imparando tutti cose più giuste si riesce a contrastare queste scemenze, che ne avrei anche abbastanza di vedere l'isteria collettiva.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano valeg96 per questo post:
ClaudioG.
(2016-11-12, 20:12)valeg96 Ha scritto: Questa storia dell'olio di palma è una paranoia vergognosamente nostrana. Solo in Italia, e un pochino in Francia, si sono raggiunti tali fanatismi e fobie collettive. [...]

Forse perchè l'Italia vanta, insieme al Giappone, una delle migliori alimentazioni a livello mondiale? Credo che in USA l'olio di palma sia l'ultimo dei loro problemi, in fatto di cibo asd

Comunque, indubbiamente, molto meglio il burro dell'olio di palma (sempre senza eccedere...). Poi sono anni che lo si utilizza per moltissime cose e solo adesso è venuto fuori questo casino. Certo, come dice Quimico, se uno si nutre solo di pane e olio di palma prima o poi qualcosa gli verrà, ma questo vale per tutte le cose e per tutti gli eccessi... Non credo che il mangiare un paio di volte a settimana pane e Nutella o due pastine ultraindustriali possa essere equiparato a pane e bicromato asd



Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano myttex per questo post:
ClaudioG., luigi_67
Bhe, mi permetterei di dire che qui si va fuori dal seminato! Nessuno qui dice che l'olio di palma sia un toccasana... Né si tratta di un thread che voglia incitare all'uso! Il punto è: l'olio di palma, di per sé, è considerabile un "veleno"? Merita una demonizzazione irrazionale e ignorante? Secondo me no!
Certo, fa meno bene dell'olio d'oliva usato in modo parsimonioso? Certo che si! Ma da qui a considerarlo alla stregua di IPA, solventi clorurati, ecc... Ce ne vuole!
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Beefcotto87 per questo post:
luigi_67
Infatti. A ma pare che si stia pisciando fuori dal vasino già da qualche messaggio.
Non diventi questa una crociata contro l'olio di palma perché sarebbe ridicola la cosa.
Io sono anni che studio food chemistry, un po' da me un po' grazie al mio professore Bressanini. So di cosa parlo e con oltre 10 anni di esperienza in Chimica penso di sapere di cosa parlo.
Trovo ridicolo che si facciano queste crociate. Sono d'accordo sull'evitare schifezze, sul mangiare sano e in modo migliore ma... Tutto può essere pericoloso specie in soggetti a rischio. So di persone che, come detto sopra, hanno avuto vite ponderate, rispettose di alimentazione, sport, senza o quasi deviazioni come fumo, alcole, morte comunque per tumore. Ancora oggi non si sa bene come nascano queste patologie. Mia zia, giovane, in salute, qualche sigaretta raramente, infarto del miocardio fulminante salvatasi per pura fortuna. Ok che spesso è una commistione di fattori ma nessuno si salva. Va bene essere attenti alla salute, al cibo ma trovo ridicolo demonizzare l'olio di palma o la carne rossa quando viviamo in un ambiente carico di inquinanti cancerogeni o mutageni, quando diciamo no all'olio di palma ma fumiamo 20 sigarette o viviamo in zone come la Terra dei fuochi. Basta banalmente vivere anche in una zona con forti emissioni di polveri sottili come la maggior parte delle città italiane. Stiamo parlando di aria fritta. Direi che è ora di chiuderla qui.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
RhOBErThO, valeg96, fosgene, LuiCap, luigi_67, TrevizeGolanCz
Ragazzi, a parte tutto, voi non avete mica considerato gli effetti terapeutici che un'abbondante cucchiaiata di Nutella in una giornata malinconica possiede (l'ho appena verificato nella pratica per l'ennesima volta :-D). Chiaro che quello che dicono Mario e Quimico sia corretto, basta non riempirsi di schifezze e le quantità relative di oli ad alto grado di saturazione assunte saranno praticamente trascurabili.
Il Bressanini ha scritto degli articoli carini e ben fatti sull'argomento oli (ne scriverà il seguito, presumo):

questo (1) 
questo (2)
"C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima." V. Hugo, I Miserabili.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ClaudioG. per questo post:
RhOBErThO, NaClO
Sono d'accordo con quanto affermato da quimico, questa storia dell'olio di palma mi sa tanto di caccia alle streghe montata su più per interessi economici di qualcuno che per la effettiva tutela della salute della gente.
In più mi viene una considerazione da fare: ma quanto olio di palma sparso nei vari prodotti che lo contengono possiamo assumere ogni giorno? non credo che mangiamo kg di biscotti o di nutella e in quel caso forse i problemi che ne deriverebbero sarebbero di altro tipo.... per questo anche se questo olio non sarà un toccasana per la salute, forse è il caso di ridimensionare il problema e di preoccuparsi di fattori di rischio ai quali siamo esposti davvero in maniera preoccupante anche senza accorgercene, primo tra tutti l'inquinamento delle grandi città che ci fa respirare polveri e composti tossici, ben più pericolosi dell'olio di palma.

Purtroppo però in giro c'è una grande disinformazione e in questi casi, nell' ignoranza generale (ignoranza intesa come mancata conoscenza delle cose) ha vita facile il primo che urla la sua presunta verità...

Io comunque continuo a mangiare la Nutella, troppo buona!!! :-)

Un saluto
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
RhOBErThO, ClaudioG., NaClO




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)