Onironautica e sogni lucidi
Il sonno, che interessa quasi la metà del tempo della nostra esistenza su questo mondo, rappresenta un'infinità di misteri e di possibilità a noi ignote.
Come tutti sanno, il cervello nella fase di riposo è sempre e comunque in attività, che varia a seconda della fase nel sonno.
Il sonno è suddiviso in varie fasi ed è costituito da più cicli ripetitivi.
Fondamentalmente la suddivisione è la seguente: fase REM e fase non-REM.
La fase REM corrisponde a quella fase di particolare attività del cervello in cui si osserva un movimento assai rapido dei bulbi oculari (REM è acronimo di Rapid Eyes Movement).
La restante parte ,non-REM, è suddivisa in 4 fasi.

La stragrande maggioranza delle persone sarà convinta che il sogno sia un normale episodio che ci viene proiettato nella mente ,come un film al cinema ,e il nostro modo di reagire sia passivo, ovvero agiamo inconsciamente, come se fossimo degli attori che stanno seguendo un copione.
E' forse possibile rendersi conto di stare sognando? Di rendersi conto anche per un istante che quella circostanza è assurda? Che stiamo sognando?
Certo che è possibile, immagino a molti sia accaduta una cosa simile.
Ebbene, esiste la possibilità che durante il sogno noi si possa prendere il controllo di ciò che sta accadendo, sì attori che seguono un copione, ma quello scritto da noi stessi.
Il sogno dunque non si proietta più come una sequenza di scene ed episodi obnubilati ,privi di connessione logica tra di essi.
Il sogno assume una nuova caratteristica: ogni particolare su cui ci si sofferma diventa chiaro,nitido, come se lo avessi realmente davanti ai tuoi occhi. Ogni azione vorrai compiere ,dalla più semplice alla più assurda sarà possibile.
Unico limite: la propria fantasia.
Si sa tutti che la fantasia è particolarmente sviluppata durante il sonno, per esempio il pittore Salvador Dalì era solito addormentarsi su una poltrona con una pesante chiave tra le dita, e perpendicolarmente ad essa un piatto di coccio.
Dunque, nel momento in cui cadeva nel sonno la presa delle dita svaniva e la pesante chiave cadeva sul piatto, svegliando il pittore, che colto sul culmine della sua fantasia partoriva le idee più bizzarre concepibili dalla mente.
Mi piace pensare che questo sia ciò che è accaduto quando il pittore decise di dare alla luce uno dei suoi capolavori : "Sogno causato dal volo di un'ape intorno a una melagrana"
http://static.blogo.it/artsblog/opere-en...iunape.jpg

Dunque, le possibilità che il sonno ci offre sono strabilianti, e solo noi possiamo sbloccare la mente, aprendola alle nuove esperienze che il sonno ci offre.
Il sogno lucido è un'esperienza onirica tale e quale ad un sogno normale, ma in molti hanno asserito che le esperienze più belle della loro vita siano state proprio sogni lucidi.
Il risultato si raggiunge però dopo tempo, è necessario fare pratica e mano a mano i sogni si delineeranno sempre più, fino a sembrare un'esperienza realmente accaduta.
Per renderci conto: chi è solito fare i sogni lucidi deve compiere dei test chiamati "test della realtà" che servono per capire se siamo in un sogno ludico o meno.
Alcuni di essi sono: cercare di trapassare il palmo della mano con le dita, osservare se il numero delle dita è regolare, se l'orario letto su un orologio è consono alle condizioni circostanti ,osservarsi allo specchio etc...
Il problema principale è riuscire ad entrare nel sogno lucido.
Esistono numerosissime tecniche che sono basate sul rilassamento totale del corpo cercando di tenere la mente attiva. Ciò che leggendo può apparire semplice si rivela un compio assai arduo quando lo si vuole mettere in pratica.
Esistono numerose tecniche ,ognuna basata su diversi comportamenti e classificabile in base alla funzionalità.
Tutte le tecniche però sono incentrate su un concetto fondamentale: bisogna sapere, con assoluta convinzione,che è possibile fare un sogno lucido, e che noi vogliamo farlo. E' consigliabile tenere un diario onirico per aiutare a ricordare tutti i particolari di ogni sogno.

La prospettiva del sogno lucido è assai emozionante e motivante. Ma come in ogni cosa vi sono dei pro e dei contro.
Ogni volta che ci si addormenta il corpo si paralizza, ma non ne siamo a conoscenza dato che la mente non è vigile.
Purtroppo nelle tecniche richieste la mente deve rimanere sveglia, solo il corpo deve addormentarsi.
La paralisi vissuta consciamente è abbastanza fastidiosa: abbiamo il desiderio di volersi muovere, inoltre e percepibile un formicolio che parte dalle estremità fino ad impegnare tutto il corpo.
A questo punto i disagi ,ammesso che si presentino, sono due:
l'individuo considera la separazione del corpo dalla mente come una sorta di esperienza extra corporea, una sorta di morte apparente (c'è chi sostiene che il corpo possa essere "rubato"...).
Ma peggiore di tutte è la paralisi da sonno: il corpo non può muoversi, ad eccezione degli occhi. La persona impegnata in una paralisi da sonno può osservare ciò che avviene intorno senza poter far niente: le visioni constatate da persone abituate a simili esperienze sono simili.
C'è chi dice di aver osservato nella penombra delle ombre o dei rumori, accompagnati da sensazione di imminente pericolo.
Badate bene, non sto parlando di cose fuori dal mondo, diversi amici mi hanno raccontato di episodi del genere pur non essendo a conoscenza del fenomeno.
Coloro che subiscono la paralisi da sonno sono unanimemente d'accordo: la paralisi da sonno è l'esperienza più spaventosa che possa essere immaginata.
Nella loro intera vita non hanno subito nulla di più spaventoso e orrido di una paralisi da sonno.
Ovviamente si tratta di una controindicazione non sempre frequente,ma possibile.
Esistono studi scientifici in merito: pazienti capaci di gestire i sogni ludici sono stati studiati, l'induzione di un sogno lucido in pazienti non a conoscenza del fenomeno mediante scosse elettriche di bassissima portata,oppure suoni appena percettibili.
E' stato dimostrato che se ad un paziente sveglio viene detto di dover muovere gli occhi (vi ricordo che la fase REM permette il loro reale movimento) ad un determinato ritmo o maniera improbabile, al momento in cui farà un sogno lucido sarà in grado di riprodurre l'esatto ritmo o sequenza testimonianza dello stato di coscienza.

Questa è una piccola introduzione a quel mondo enorme dei sogni lucidi.
Io non ne ero a conoscenza fino a qualche mese fa. Pensavo fosse una di quelle stron*ate che si leggono su internet, ma documentandomi ho capito che è un fenomeno del tutto naturale ,nessuna menzogna o invenzione.
Per cui volevo sapere se voi avevate mai avuto a che fare con qualcosa del genere.
Io sto cercando di ottenere qualche risultato ma per ora niente...
Altri miei amici con cui ho parlato ne sono stati invece in grado, altri invece già lo facevano fin da piccoli....
(Le possibilità sono infinite: dai gesti più orribili da fare nella realtà alle perversioni più contorte e segrete)

Documentatevi anche voi,e scoprirete che non si tratta di fandonie.

Vi riporto un video:
http://www.youtube.com/watch?v=z2HrSoQ3z...re=related
E la fonte più accurata contenente tutte le informazioni:
http://it.wikipedia.org/wiki/Onironautica
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano AgNO3 per questo post:
Dott.MorenoZolghetti, Hegelrast
A me è capitato di rendermi conto di essere in un sogno, e di riuscire a gestire alcune cose, ma per poco: appena me ne rendo conto, tutto inizia a sgretolarsi pian piano, perchè in quello stato non ho la mente abbastanza pronta per poter prendere il controllo totale, e quindi né l'inconscio né il conscio sanno più continuare il sogno.
Mi è capitato, in un incubo, di realizzare che fosse un sogno in un primo momento, fare il test delle dita che attraversano la mano e, ottenendo esito negativo, concludere che si trattasse della realtà, trovandomi così terrorizzato, anche durante le prime ore dopo il risveglio. I test pratici di questo tipo li trovo poco efficaci, la mente sa eluderli: la migliore cosa per verificare lo stato di sonno una volta che si sospetta di esserci, secondo me, è far agire la più energica forza di volontà di cui siamo capaci. Se mi tento con tutte le mie forze a far levitare un oggetto, per esempio, nel sogno ci riesco categoricamente sempre.
Cita messaggio
(2012-10-08, 14:04)Max Fritz Ha scritto: A me è capitato di rendermi conto di essere in un sogno, e di riuscire a gestire alcune cose, ma per poco: appena me ne rendo conto, tutto inizia a sgretolarsi pian piano, perchè in quello stato non ho la mente abbastanza pronta per poter prendere il controllo totale, e quindi né l'inconscio né il conscio sanno più continuare il sogno.
Mi è capitato, in un incubo, di realizzare che fosse un sogno in un primo momento, fare il test delle dita che attraversano la mano e, ottenendo esito negativo, concludere che si trattasse della realtà, trovandomi così terrorizzato, anche durante le prime ore dopo il risveglio. I test pratici di questo tipo li trovo poco efficaci, la mente sa eluderli: la migliore cosa per verificare lo stato di sonno una volta che si sospetta di esserci, secondo me, è far agire la più energica forza di volontà di cui siamo capaci. Se mi tento con tutte le mie forze a far levitare un oggetto, per esempio, nel sogno ci riesco categoricamente sempre.

Io penso che non sia nemmeno questione di volontà... Siamo noi stessi che ci aiutamo o ci ostacoliamo in questo tipo di sogni, secondo me...
Se pensiamo che il sogno sia lucido, è perchè noi crediamo lo sia, e certi nostri lati del carattere vengono in aiuto (vale, secondo me, per chi ha un forte ego, per chi ha stima di se stesso, ecc...), ricreando un sogno più tangibile, invece di una ricostruzione fantasiosa della vita... Questo mi porta a dire, non che non esistano, ma che non tutti possano averne uno, anzi! In alcuni secondo me queste tecniche sono controproducenti, presumibilmente in menti schematiche e logiche, come dimostra Max...
AgNO3, ti inviterei a prendere con le pinze la gente che dice "si si, da sempre!", perchè spesso e volentieri si tende a (con)fondere il sogno col sogno lucido, auto-convincendosi che quella sia la propria volontà, mentre invece è un inganno del cervello... Oppure semplicemente confondono la possibilità di eseguire movimenti volontari con quella di modellare anche la storia stessa!
Io stesso so sempre di essere in un sogno, ma questo non vuol dire che io possa comandare qualcosa, anzi, paradossalmente appena so che sono in un sogno e di voler fare una cosa, ottengo il risultato apposto.
Cita messaggio
Io invece penso che non sia solo forza di volontà. Nella norma tutti fanno dei sogni che sono semplici visioni offuscate di circostanze spesso senza senso o una serie di episodi in cui si agisce come se fossimo veramente degli attori.
Invece esistono persone che ,o informandosi a dovere, o fin da bambini sapevano fare del sogno quello che desideravano.
Si tratta quasi di un'altra realtà, come se la stessimo realmente vivendo, e si è in grado di fare tutto: dal fare l'amore con la donna più bella che ci sia, a spaccare tutto, a uccidere tutti etc...sembra fuori da ogni logica ma alcune possibilità sono queste.
Per cui tutto ciò esula completamente dal normale concetto di sogno, la forza di volontà aiuta, ma qua si parla di una porta nascosta che si spalanca improvvisamente dandoti accesso a possibilità fino a quel momento inaspettate.
Cita messaggio
Troppi videogiochi...asd
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
AgNO3
Sapevo che sarebbe venuto fuori qualcosa del genere...ma se a usare i videogiochi questi sono i risultati mi fiondo di volata alla playstation asd
Cita messaggio
Però non apprezzerei così tanto questi risultati. Saranno affascinanti, ma mi pare molto rischioso mettere sullo stesso piano la realtà e il sogno. Se una cosa non posso ottenerla, preferisco essere pienamente cosciente di questo mio limite, piuttosto che godere del possesso nel sogno, finendo per considerarlo il mio rifugio ad ogni delusione.
Cita messaggio
(2012-10-08, 19:33)AgNO3 Ha scritto: Sapevo che sarebbe venuto fuori qualcosa del genere...ma se a usare i videogiochi questi sono i risultati mi fiondo di volata alla playstation asd

Ah, ci sono sistemi molto meno costosi basati sul condizionamento.
Uno può essere la sofrologia, se attuata con alcuni accorgimenti.
L'altro è senza dubbio la chimica. Ci sono sostanze (alcune illegali) che determinano degli stati di "incoscienza vigile o attiva" del tutto analoghi a quelli citati negli episodi onirici lucidi. La parte comune sta proprio nel percepire come possibili cose o sistuazioni che nella realtà non lo sono.
La scopolamina, tanto per fare un nome, è in grado di generare "sogni a occhi aperti", del tutto analoghi ai sogni lucidi, in cui l'assuntore si convince di avere "poteri" non realistici: sa volare, nuotare (quando invece è un mattone) e parlare con gli animali. A volte si crede immortale.

La cosa più significativa del sogno è l'assenza di percezione sensitiva per alcuni sensi: olfatto e gusto mancano, anche il tatto e l'udito sono molto mitigati. La vista ci appare in sostanza l'unico senso davvero funzionante. In realtà è l'unico che quando sognamo non è attivo!



PS. se qualcuno volesse parlare con il proprio gatto...http://www.youtube.com/watch?v=_Vphz0bHkgk
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)