Patina Scioglimento Saccarosio
Buongiorno,

da completo profano, ho una curiosità tanto pratica quanto banale che non sono riuscito a soddisfare cercando nel web.
Immettendo del saccarosio in un liquido caldo (es. latte, the), questo, sciogliendosi, crea una velata patina in superficie.
Mi chiedevo quale processo chimico (o fisico) determinasse l'affioramento di questa schiuma.
Mi scuso per l'eventuale mancanza di pertinenza e per la banalità del quesito.

Grazie per il riscontro
Cita messaggio
Buondì, non ho chiarissimo ciò a cui ti riferisci.
Posso dirti che in generale tutte le sostanze che si sciolgono (solubilizzano) in acqua e altri solventi hanno una proprietà, detta appunto solubilità, che si identifica in quanti grammi di quella sostanza possono essere "sciolti" prima di avere il cosiddetto fondo. Nel caso di molti solidi come lo zucchero, la solubilità aumenta con la temperatura quindi semplificando al massimo in acqua calda puoi sciogliere molto più zucchero che in acqua fredda. E qui hai il tuo problema, una volta che una soluzione di zucchero calda viene raffreddata o banalmente viene lasciata ferma per un po' si formano dei piccoli cristalli di zucchero che pian piano crescono e formano strutture più grandi e visibili, come la patina del tè.
Approfondimento: http://bressanini-lescienze.blogautore.e...nt-page-1/
Emanuel B. Savini     

Citazione:Il mestiere di chimico insegna a superare, anzi ad ignorare, certi ribrezzi, che non hanno nulla di necessario né di congenito: la materia è materia, né nobile né vile, infinitamente trasformabile, e non importa affatto quale sia la sua origine prossima.
- Primo Levi
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)